Pronostico Udinese-Juventus, 34ª giornata Serie A: probabili formazioni

0

Udinese-Juventus è una sfida cruciale per gli ospiti, che devono assolutamente ritrovare la corsa Champions League. Calcio d’inizio alle ore 18, queste le probabili formazioni e il pronostico.

L’Udinese è costretta a cambiare il portiere, complice la squalifica di Juan Musso. L’estremo difensore argentino ha ricevuto un’ammonizione sotto diffida domenica scorsa a Benevento, al suo posto va Simone Scuffet. Luca Gotti ha perso anche Jayden Braaf, reduce dal primo gol in Serie A: sospetta rottura del legamento crociato del ginocchio e lungo stop. Unica punta Fernando Llorente o Stefano Okaka, destinati alla staffetta, con l’ex Roberto Pereyra alle spalle del centravanti. La Juventus da ieri non può più vincere il campionato, abdica dopo nove anni di dominio. Per Andrea Pirlo resta solo la Champions League come obiettivo, e la vittoria del Milan (prossimo avversario domenica scorsa in un infuocato scontro diretto) non è un bel segnale. Torna Danilo da Silva fra i convocati, non ce l’ha fatta Federico Chiesa mentre c’è Álvaro Morata, che ha però un problema al polpaccio e quindi lascerà il posto da titolare a Paulo Dybala. Riposa Giorgio Chiellini, occhio poi al possibile rilancio di Dejan Kuluševski sulla fascia sinistra (a destra c’è Juan Guillermo Cuadrado, ex della sfida). Udinese-Juventus avrà come arbitro Daniele Chiffi, diretta TV su Sky Sport Serie A e Sky Sport 252.

PROBABILI FORMAZIONI UDINESE-JUVENTUS

Udinese (3-5-1-1): Scuffet, Bonifazi, Nuytinck, Samir; N. Molina, De Paul, Walace, Tolgay Arslan, Stryger Larsen; Pereyra; Okaka. Allenatore: Gotti
Juventus (4-4-2): Szczęsny; Danilo S., Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Cuadrado, Rabiot, Bentancur, Kuluševski; Dybala, Cristiano Ronaldo. Allenatore: Pirlo

PRONOSTICO UDINESE-JUVENTUS

I bonus per la Juventus sono finiti, sbagliare alla vigilia del big match col Milan avrebbe un effetto deleterio nella corsa per i tre posti rimasti. Discreta la quota della Combo 2 e Over 1.5: paga 1.61 da William Hill.