Pronostico SPAL-Milan, 29ª giornata Serie A: probabili formazioni

0

SPAL-Milan è la partita principale fra quelle delle ore 21.45 di oggi. Ecco le probabili formazioni e il pronostico dell’incontro che si disputa al Paolo Mazza di Ferrara per la ventinovesima giornata di Serie A.

Alla vigilia di un ciclo di partite di fuoco il Milan cerca altri tre punti per consolidare la posizione europea. Stefano Pioli, dopo la vittoria sulla Roma, non prescinde da Ante Rebić in attacco, nonostante la probabile convocazione di Zlatan Ibrahimović. Previsti cambi: quasi scontato Davide Calabria al posto di Andrea Conti, così come Matteo Gabbia per Simon Kjær che già domenica scorsa era stato recuperato all’ultimo. Un’opzione a centrocampo può essere Rade Krunić o Paquetá, più difficile l’inserimento di Rafael Leão. La SPAL non doveva certo fare punti a Napoli, ma l’ennesima sconfitta lascia possibilità quasi pari allo zero di salvarsi. Gli assenti sono Etrit Berisha (stagione finita), Federico Di Francesco ed Ervin Zukanović, più Felipe Dal Bello squalificato. Dovrebbe esserci Alessandro Murgia, anche viste le parole di Luigi Di Biagio in conferenza, ha recuperato Arkadiusz Reca ma per lui c’è solo uno spezzone di partita giocabile. Può partire dall’inizio Mirko Valdifiori, in dubbio la conferma della coppia di centravanti Alberto Cerri e Andrea Petagna (con quest’ultimo più probabile Mattia Valoti). SPAL-Milan avrà come arbitro Maurizio Mariani, diretta TV su Sky Sport Serie A e Sky Sport 252.

PROBABILI FORMAZIONI SPAL-MILAN

SPAL (4-4-1-1): Letica; Cionek, Vicari, Bonifazi, Fares; Castro, Missiroli, Valdifiori, D’Alessandro; Valoti; Petagna. Allenatore: Di Biagio
Milan (4-4-1-1): G. Donnarumma; Calabria, Gabbia, Romagnoli, Hernández; Castillejo, Bennacer, Krunić, Çalhanoğlu; Bonaventura; Rebić. Allenatore: Pioli

PRONOSTICO SPAL-MILAN

Dopo le ultime giornate il Milan si è rifatto sotto per l’Europa e non può ancora perdere terreno. Snai dà la quota del 2 a 1.60: è una scelta quasi obbligata, considerato che per la SPAL di motivazioni ne restano poche.