Pronostico Leganés-Siviglia, 33ª giornata Liga: probabili formazioni

0

Leganés-Siviglia, come Barcellona-Atlético Madrid, si gioca questa sera ma un’ora prima del big match di Liga: alle ore 21. Ecco le probabili formazioni e il pronostico del match.

Per il Leganés la salvezza è ormai un miraggio. A -9 dalla quartultima (il Celta Vigo, che peraltro giocherà prima) ha pochissime speranze di rimonta, perché nemmeno vincere tutte le ultime sei giornate potrebbe bastare. In aggiunta la squadra di Javier Aguirre non può contare su alcuni dei (non tantissimi) giocatori di rilievo: Óscar Rodríguez, miglior marcatore stagionale con nove gol pur non essendo attaccante, è infortunato e come lui Alexander Szymanowski (stagione finita) e il centravanti Guido Carrillo. L’ex Olympiakos Miguel Ángel Guerrero e l’ivoriano Roger Assalé saranno le due punte, da segnalare a centrocampo Bryan Gil arrivato a gennaio proprio dai rivali di stasera. Siviglia che si presenta a Madrid dopo quattro pareggi consecutivi, che hanno fatto seguito alla vittoria nel derby nella prima partita dopo lo stop. Julen Lopetegui ha la chance di migliorare la classifica, in ottica quarto posto, e ha come unica assenza Franco Vázquez, l’ex Palermo, che è squalificato. 4-3-3 con Luuk de Jong centravanti supportato da Lucas Ocampos e Munir El Haddadi per gli andalusi. Leganés-Siviglia avrà come arbitro César Soto Grado, diretta TV su DAZN1.

PROBABILI FORMAZIONI LEGANÉS-SIVIGLIA

Leganés (3-5-2): Cuéllar; Bustinza, Awaziem, Siovas; Rosales, Recio, Gil, Rubén Pérez, Silva; Assalé, Guerrero. Allenatore: Aguirre
Siviglia (4-3-3): Vaclík; Jesús Navas, Koundé, Diego Carlos, Reguilón; Banega, Fernando, Jordán; Ocampos, L. de Jong, Munir. Allenatore: Lopetegui

PRONOSTICO LEGANÉS-SIVIGLIA

I quattro pareggi consecutivi del Siviglia possono spaventare, però nessuno di questi è arrivato contro squadre di livello così inferiore. Per il Leganés la salvezza è improbabile, di motivazioni ne ha ancora non essendo del tutto spacciato ma la differenza di valori in campo è evidente. Giocare il 2, la cui quota è alla pari, non è così azzardato.