L’Italia vince e convince, Grecia dominata 3-0 e punteggio pieno

0

Servivano risposte e l’Italia le ha fornite con una prestazione perentoria e che difficilmente si era vista negli ultimi anni. Azzurri che hanno travolto in trasferta la Grecia, vincendo per 3-0 e continuando così il cammino a punteggio pieno nelle Qualificazioni agli Europei. Partita che è stata decisa nella fase centrale del primo tempo, quando in dieci minuti sono arrivati i tre gol con l’apertura di Barella e poi i sigilli di Insigne e Bonucci che hanno praticamente messo la parola fine sul match.

Anastasiadis sceglie Fortounis come trequartista che si muove al centro con Kolovos e Masouras che si allargano per lasciargli spazio con Zeca che si muove largo a destra. Mancini conferma il 4-3-3, però punta su Belotti come attaccante centrale con Chiesa ed Insigne ai lati; per il resto è la solita Italia con Barella, Jorginho e Verratti a centrocampo.

PRIMO TEMPO

L’Italia approccia bene la partita ed impone subito il proprio ritmo sia nel possesso palla sia nel pressing offensivo che non permette mai una costruzione tranquilla ai padroni di casa. In più, a differenze delle ultime uscite, gli Azzurri sono incredibilmente cinici, perché alla prima occasione trovano il vantaggio. Al 23′ Belotti riceve in area di rigore, si prende il fondo campo ed appoggia all’indietro per l’inserimento perfetto di Nicolò Barella che, di prima, infila in rete un gol fondamentale per indirizzare il match. Dopo il vantaggio gli uomini di Mancini si stappano completamente, trovando anche il raddoppio alla mezz’ora con uno degli uomini più attesi: Lorenzo Insigne che si accentra da sinistra e poi disegna la solita splendida traiettoria sul secondo palo con il destro a giro, Barkas non può nulla ed è 2-0. La Grecia sparisce praticamente dal terreno di gioco, perdendo misure e marcature in area di rigore, tanto che il tris arriva al 33′ quando, sugli sviluppi di un corner, Leonardo Bonucci anticipa tutti di testa ed incrocia sul palo lungo. Nel finale gli Azzurri vanno anche ad un passo dal poker, con Verratti che smarca Barella di fronte a Barkas che mura il centrocampista del Cagliari, che però arriva sulla ribattuta e di tacco serve Insigne che calcia quasi a botta sicura, ma Barkas è di nuovo bravissimo e salva i suoi.

SECONDO TEMPO

La ripresa vede ovviamente i ritmi tornare molto bassi, con l’Italia che si limita per la maggior parte a far possesso palla in attesa della conclusione del match fin dall’inizio. La Grecia continua a capire ben poco del match, anche se tenta qualche sortita offensiva in più, soprattutto su palloni persi per scarsa concentrazione dagli Azzurri. Al 69′ i padroni di casa vanno per la prima volta vicini alla rete, con Fortounis che controlla dopo una respinta della difesa italiana e calcia con il collo esterno, ma Sirigu è strepitoso ed in tuffo devia. Sei minuti più tardi si iscrive alla partita anche Chiesa, che guida bene il contropiede e smarca Insigne in area di rigore, ma il giocatore del Napoli si vede respingere la conclusione in uscita da Barkas. All’81’ Chiesa avrebbe anche l’opportunità di trovare la rete su assist delizioso di Belotti soltanto da spingere in rete, ma l’ala calcia altissimo dall’interno dell’area piccola. Nel finale il protagonista è di nuovo Barkas, strepitoso nel deviare con la punta delle dita una gran botta di Florenzi. L’Italia mantiene così la vetta del Gruppo J delle Qualificazioni agli Europei 2020, rimanendo a punteggio pieno ed allungando anche sulla Bosnia, sconfitta a sorpresa dalla Finlandia in serata.

GRECIA-ITALIA 0-3 – IL TABELLINO

Grecia (3-4-1-2): Barkas; Siovas, Manolas, Papastathopoulos; Samaris (77′ Bakasetas), Zeca, Kourbelis (46′ Siopis), Stafylidis; Fortounis; Kolovos (46′ Mavrias), Masouras.
Italia (4-3-3): Sirigu; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Emerson Palmieri (68′ De Sciglio); Barella, Jorginho, Verratti (81′ Pellegrini); Chiesa, Belotti (84′ Bernardeschi), Insigne.
Arbitro: Anthony Taylor (ING)
Ammoniti: Samaris, Masouras (G); Verratti (I)
Reti: 23′ Barella, 30′ Insigne, 33′ Bonucci (I)

[Immagine presa da twitter.com]