Italia meglio del VAR, è semifinale ai Mondiali Under-20! 3-2 allo Zambia

0

Ai tempi supplementari l’Italia strappa con una prestazione di grandissimo carattere l’accesso alle semifinali dei Mondiali Under-20. Dopo essere andati due volte sotto gli Azzurrini vincono 3-2 giocando ottanta minuti su centoventi in dieci.

Più forti dello Zambia e del VAR. L’Italia conquista le semifinali dei Mondiali Under-20 per la prima volta nella sua storia e lo fa con una partita memorabile, dove ha dovuto superare un’infinità di ostacoli per riuscire a qualificarsi. In dieci dal 43′ in maniera contestata gli Azzurrini sono finiti sotto due volte, una all’inizio e una alla fine dei tempi regolamentari, ma sono riusciti a rimontare in entrambe le circostanze e al 111′ Luca Vido di testa ha dato il primo e definitivo vantaggio, premiando le scelte di Alberico Evani che ha trovato due gol su tre dai subentrati. La gara l’ha spaccata in due Federico Dimarco, l’ultimo arrivato in Corea del Sud perché impegnato fino a otto giorni fa con l’Empoli: sua la punizione del 2-2 all’88’, quando sembrava tutto finito per il gol all’84’ di Fashion Sakala, suo il corner del 3-2 a metà del secondo tempo supplementare, per essere decisivo come un anno fa agli Europei Under-19, quelli che hanno qualificato gli Azzurrini a questo torneo. E sì che il terzino di proprietà dell’Inter era entrato come soluzione d’emergenza, per l’abbaglio del disastroso arbitro Roddy Zambrano (ecuadoriano come Byron Moreno, che quindici anni fa proprio in Corea del Sud fu protagonista di uno dei principali scandali della storia della Nazionale…) che ha espulso Giuseppe Pezzella nonostante le immagini, pure controllate tramite VAR, abbiano mostrato come si sia trattato di una caduta normale di Chilufya, senza alcun fallo. Il direttore di gara inizialmente aveva dato rigore, poi ha cambiato idea ma ha proseguito sulla sua strada, sbagliando e mettendo in grossi guai l’Italia: per fortuna la reazione c’è stata, ed è stata di gran lunga superiore agli sbagli altrui.

PRIMO TEMPO

La partita comincia in salita per gli Azzurrini: tre minuti e mezzo ed Emmanuel Banda verticalizza per Patson Daka, Coppolaro sbaglia la copertura e l’attaccante dello Zambia con un tocco sotto scavalca Zaccagno sbloccando il risultato. Inizio disastroso dell’Italia, che al quarto d’ora rischia di beccare pure il secondo con una punizione di Emmanuel Banda deviata sul palo da Zaccagno, solo dopo venti minuti inizia a vedersi qualcosa con cross di Pezzella per il colpo di testa di Favilli a lato (21′) e verticalizzazione di Pessina per il destro centrale di Orsolini bloccato da Mangani Banda (26′). Incredibile l’occasione divorata al 33′, cross di Panico sul quale Favilli non ci arriva ma Orsolini da dentro l’area piccola di testa non indirizza verso la porta, beccando il compagno sulla linea di fondo. La partita continua a dare segnali negativi e a cinque minuti dall’intervallo ne arriva uno disastroso, Chilufya si inserisce fra le maglie ancora troppo larghe della difesa italiana, entra in area a contrasto con Pezzella e cade senza essere minimamente toccato da Zaccagno. L’arbitro Zambrano non ha dubbi e assegna un rigore inesistente, poi fra le proteste degli Azzurrini chiede il supporto VAR e modifica la decisione in punizione dal limite, espellendo Pezzella per fallo con chiara occasione da gol ma anche qui la scorrettezza non sembra esserci. Sulla battuta Fashion Sakala manda alto, poi Evani mette dentro Dimarco per Cassata.

SECONDO TEMPO

Sussulto azzurro e l’Italia trova il pareggio, al 50′ cross lungo di Panico sul secondo palo e stavolta di testa Riccardo Orsolini non sbaglia. 1-1 ma le sofferenze non si fermano, perché lo Zambia comincia a far valere la superiorità numerica. Al 57′ Chilufya riceve sulla sinistra, gran dribbling e conclusione deviata che Zaccagno respinge, Daka segna di testa ma è fuorigioco nonostante la panchina dello Zambia, senza conoscere il regolamento, lo ritenga regolare per l’intervento del portiere azzurro, che si ripete da fenomeno due volte al 59′ su tiri da fuori di Fashion Sakala e Musonda. Il miracolo Zaccagno lo fa però al 66′: Fashion Sakala parte da centrocampo, entra in area e con un gran dribbling si libera per tirare a botta sicura, senza però fare i conti col portiere di proprietà del Torino che si oppone di piede. All’80’ spreca Panico su assist di Orsolini, all’83’ Vitale di testa manda a lato su punizione di Vitale: errori pesanti, perché sull’azione seguente Chilufya serve in area Fashion Sakala che la piazza nel sette senza che nemmeno Zaccagno possa opporsi. Lo Zambia già contro la Germania aveva subito gol nel finale e la situazione si ripete, a tre minuti dalla fine punizione di Federico Dimarco da poco più di venti metri che scavalca la barriera e lascia immobile Mangani Banda, 2-2.

TEMPI SUPPLEMENTARI

Sedici secondi e lo Zambia si divora il 2-3, cross dalla destra sfiorato da Coppolaro e il subentrato Kalunga grazia Zaccagno mandando a lato. È l’unica grande occasione del primo tempo supplementare, che fila via tranquillo con al massimo un sinistro di Orsolini alto. Al 107′ Vido protegge palla e tocca dietro per Vitale che dal limite non tira benissimo e Mangani Banda blocca a terra, dall’altra parte Chilufya serve Chisala e mancino vicino al palo. È al 111′ che si decide l’incontro: corner ancora di Dimarco verso il centro dell’area e colpo di testa di Luca Vido, 3-2 e Italia avanti per la prima volta. C’è da reggere fino alla fine, e non poteva che essere Zaccagno a certificare la vittoria azzurra parando l’ennesima conclusione avversaria proprio al 120′.

Per la prima volta nella sua storia l’Italia accede alle semifinali dei Mondiali Under-20, giovedì alle ore 13 sfiderà la vincente di Messico-Inghilterra che avrà inizio fra pochi minuti. Dopo ventinove anni l’umiliante 4-0 dello Zambia ai Giochi Olimpici di Seul 1988 è finalmente vendicato.

IL TABELLINO

Italia (4-4-2): Zaccagno; Scalera (85′ Vido), Coppolaro, Romagna, Pezzella; Orsolini (117′ Ghiglione), Pessina, Cassata (44′ Dimarco), Vitale; Favilli, Panico (91′ Marchizza). Commissario tecnico: Evani
Zambia (4-4-2): M. Banda; Mayembe, Nyondo, S. Sakala, Chiluya; F. Sakala, Musonda (83′ Kalunga), E. Banda (76′ Chisala), Chilufya; Daka, Mwepu (28′ Muchindu). Commissario tecnico: Chambeshi
Arbitro: Roddy Zambrano della federazione ecuadoriana (Lescano – Romero; Bascuñán)
Reti: 4′ Daka (Z), 50′ Orsolini, 84′ F. Sakala (Z), 88′ Dimarco, 111′ Vido
Espulso: Pezzella (I) al 43′ per fallo con chiara occasione da gol
Ammoniti: Cassata, Favilli, Vido (I), Mayembe, Nyondo, Chiluya (Z)

[Immagine presa da fifa.com]