È subito grande Italia: Spagna ribaltata 3-1 da Chiesa e Pellegrini

0

Ci si attendeva subito una prova di forza e personalità dell’Italia negli Europei Under-21 e gli Azzurrini non hanno deluso, battendo per 3-1 la Spagna. Risultato che acquisisce ancora più importanza perché l’approccio non è stato dei migliori, con Ceballos a portare subito in vantaggio gli iberici e con gli uomini di Di Biagio che hanno faticano moltissimo per tutta la prima mezz’ora. Poi si è accesa la luce all’improvviso, con Chiesa autore di una grande doppietta e Pellegrini a siglare il sigillo finale su rigore guadagnato e realizzato.

Di Biagio sceglie Zaniolo e Chiesa a supporto di Kean nel reparto avanzato, dietro Mancini e Bonifazi compongono la coppia centrale con Dimarco a sinistra, mentre in mezzo tocca a Mandragora. De la Fuente confida nella qualità di Fabián Ruiz e Ceballos a centrocampo come mezzali ai lati di Zubeldia, in attacco c’è Mayoral come punta centrale, invece in difesa Aguirregabiria e Martín sono i terzini.

PRIMO TEMPO

L’approccio alla partita migliore è senza dubbio quello della Spagna che si dimostra subito molto fluida nel palleggio e manda sempre fuori tempo i tentativi di pressione italiani. Splendido direttore d’orchestra del possesso palla è Dani Ceballos che, al 9′, lascia il segno sul match, ricevendo palla ai ventri metri, portandosela sul destro e disegnando un tiro a giro che si spegne sotto l’incrocio con Meret che non può nulla. La rete quasi a freddo blocca gli Azzurrini che capiscono ben poco fino alla mezz’ora, ma riescono comunque a reggere nella situazione di difficoltà psicologica e tattica, non concedendo grandi occasioni. L’Italia riesce così a reggere il momento più difficile e, dopo aver trovato qualche contromisura, risponde agli avversari trovando il pari alla prima vera discesa. È il 36′ quando Barella sventaglia un lancio di cinquanta metri sui piedi di Federico Chiesa che controlla, supera in velocità Aguirregabiria e, da fondo campo, lascia partire un tiro-cross con il mancino che fulmina un Simón posizionato malissimo che viene beffato: è 1-1. Gli ultimi minuti sono così di marca degli uomini di Di Biagio, che ci provano anche al 45′ con Dimarco che recupera palla in zona offensiva e calcia con il mancino, ma la sua conclusione sul primo palo viene controllata da Simón a terra.

SECONDO TEMPO

La ripresa comincia di nuovo con l’Italia degli ultimi minuti della prima frazione, aggressiva e pronta a proporre gioco ogni volta che ne ha l’opportunità. Al 50′ Pellegrini sradica il pallone sulla trequarti offensiva, Chiesa guida la transizione e cerca il rasoterra sul palo lungo, ma il suo destro si perde di pochissimo a lato. La Spagna comunque rimane pericolosa e con grande qualità in alcuni uomini, tanto che al 55′ ci vuole un ottimo Meret per alzare sopra la traversa la gran botta dal limite dell’area di Soler. Di Biagio azzecca, però, la mossa all’ora di gioco, quando inserisce Cutrone per Kean. Quattro minuti dopo il commissario tecnico viene ripagato: Orsolini imbuca in area di rigore per Cutrone che è bravo a combattere, Barella si inserisce perfettamente e porta via il pallone servendolo su un piatto d’argento a Federico Chiesa che, dall’interno dell’area piccola, deve soltanto infilare in rete la doppietta personale che vale il sorpasso. Il Dall’Ara spinge gli Azzurrini che chiudono tutti gli spazi e non lasciano più occasioni agli avversari, in più all’80’ Orsolini semina il panico a destra e crossa al centro, Soler trattiene Pellegrini e Gözübüyük, dopo aver visionato le immagini al VAR, assegna il rigore. Dagli undici metri va lo stesso Lorenzo Pellegrini che spiazza Simón per il definitivo 3-1. Gli ultimi minuti sono così soltanto di accademia per l’Italia che inizia in maniera splendida la sua avventura agli Europei Under-21 casalinghi, battendo per la prima volta la Spagna dal 2006 e mettendo subito una pietra fondamentale per il passaggio del turno.

ITALIA-SPAGNA 3-1 – IL TABELLINO

Italia (4-3-3): Meret; Calabresi, Mancini, Bonifazi (88′ Bastoni), Dimarco; Barella, Mandragora, Pellegrini; Zaniolo (42′ Orsolini), Kean (62′ Cutrone), Chiesa.
Spagna (4-3-3): Unai Simón; Aguirregabiria, Vallejo, Meré, Martín; Dani Ceballos, Zubeldia (67′ Fornals), Fabián Ruiz (46′ Merino); Soler, Mayoral, Oyarzabal (85′ Myr).
Arbitro: Serdar Gözübüyük (NED)
Ammoniti: Zaniolo, Calabresi, Orsolini, Mandragora (I); Vallejo, Soler (S)
Reti: 36′, 64′ Chiesa, 82′ Pellegrini (I); 9′ Ceballos (S)

[Immagine presa da twitter.com]