Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
L'Italia under-21 vince all'esordio contro la Danimarca per 2-0

L’Italia non sbaglia all’esordio e batte 2-0 la Danimarca dopo una partita molto bloccata e lottata su ogni pallone. A sbloccare il match è stata una fantastica rovesciata di Pellegrini, poi nel finale Petagna ha firmato il raddoppio definitivo.

Frederiksen punta sul 4-4-2 con Andersen in coppia con Ingvartsen in avanti, in mediana Christensen fa coppia con Nørgaard con Hjulsager e Børsting larghi sulle fasce, in difesa Banggaard fa coppia con Maxsø. Di Biagio conferma le sensazioni della vigilia con il 4-3-3 con Berardi e Bernardeschi ai lati di Petagna, a centrocampo Pellegrini e Benassi sono le mezzali con Gagliardini centrale, dietro Barreca è titolare a sinistra.

PRIMO TEMPO

L’Italia prende fin dall’inizio il controllo del gioco in mezzo al campo, facendo valere le maggiori qualità tecniche. Il ritmo è basso e la prima occasione arriva al 21′, quando un cross di Barreca arriva fino al secondo palo dove giunge in corsa Conti che tira di prima con il destro, ma il pallone si spegne sull’esterno della rete. Gli azzurrini ci riprovano quasi alla mezz’ora, a suonare la carica è il capitano Benassi con un gran destro dai venticinque metri, ma Højbjerg è bravo a deviare in corner. Il resto della prima frazione è sterile possesso palla da entrambe le parti con un Donnarumma praticamente inoperoso.

SECONDO TEMPO

Inizio di ripresa con un’Italia che prova ad alzare i ritmi e trova il vantaggio al 54′: cross di Bernardeschi in mezzo, la difesa danese non riesce ad allontanare e Lorenzo Pellegrini si inventa una rovesciata da favola che si infila dove Højbjerg non può fare nulla. Gli azzurrini tornano ad abbassare i ritmi, aspettando che la Danimarca inizi a sbilanciarsi per cercare la rete del pareggio. Gli uomini di Frederiksen però faticano terribilmente a penetrare nella difesa italiana, sempre attenta e precisa nelle chiusure e nell’annullare gli offensivi avversari. E quando finalmente riescono a sfondare Donnarumma dimostra perché si parla tanto di lui: Hjulsager cerca il palo lungo, ma il portiere (nel primo tempo alcuni tifosi gli hanno lanciato dei dollari fasulli) si distende sulla sua sinistra e disinnesca il tiro. I ragazzi di Di Biagio tornano allora a farsi vedere in avanti all’81’, quando Chiesa scappa al diretto avversario e cerca la botta sul primo palo, ma Højbjerg respinge con i pugni. Quattro minuti più tardi si accende anche Andrea Petagna che prima arriva due volte alla conclusione e non trova la porta per poco; poi Chiesa crossa in mezzo ed il centravanti dell’Atalanta vince il duello fisico con il diretto marcatore e gira alle spalle di Højbjerg il raddoppio italiano. L’Italia vince così all’esordio con una discreta prestazione e pareggia anche la differenza reti con la Germania, fattore che potrebbe diventare fondamentale alla fine del girone.

IL TABELLINO

Danimarca (4-4-2): Højbjerg; Holst, Banggaard, Maxsø, Blåbjerg; Hjulsager, Christensen, Nørgaard, Børsting (79′ Duelund); Andersen (80′ Hansen), Ingvartsen (72′ Zohore).
Italia (4-3-3): Donnarumma; Conti, Rugani, Caldara, Barreca; Pellegrini, Gagliardini, Benassi (73′ Grassi); Berardi (67′ Chiesa), Petagna (88′ Cerri), Bernardeschi.
Arbitro: Ivan Kružliak (SVK)
Ammoniti: Nørgaard, Holst (D)
Reti: 54′ Pellegrini, 86′ Petagna (I)

[Immagine presa da twitter.com]