UFFICIALE: Messi resta al Barcellona, per ora. Col club prosegue la lite

0

Lionel Messi rimarrà al Barcellona fino al 30 giugno 2021, data di scadenza del suo contratto. Intervistato da “Goal.com” ha fatto capire comunque di essere scontento dei blaugrana, come ribadito dal comunicato del pomeriggio (vedi articolo).

Lionel Messi se queda, almeno per il momento. L’attaccante argentino spiega i motivi per cui voleva lasciare il Barcellona: «Ho detto alla società, soprattutto al presidente, che volevo andare via. Gliel’ho detto durante tutto l’anno. Pensavo che fosse il momento di farsi da parte. Credevo che il club avesse bisogno di gente più giovane, di gente nuova, e pensavo che si stava per concludere la mia avventura al Barcellona con grande dispiacere, perché ho sempre detto che avrei voluto chiudere qui la mia carriera. È stato un anno molto complicato, ho sofferto molto durante gli allenamenti, nelle partite, nello spogliatoio. Era diventato tutto molto difficile per me e è arrivato un momento in cui ho pensato di andare in cerca di nuovi obiettivi, di aria nuova. Non è stato a causa del risultato in Champions League contro il Bayern Monaco, era da molto tempo che stavo pensando a questa decisione. L’ho detto al presidente e il presidente mi ha sempre detto che alla fine della stagione avrei potuto decidere se andarmene o se restare e alla fine non ha mantenuto la sua parola».

Da Messi arriva un attacco diretto soprattutto al presidente, Josep Maria Bartomeu: «Sicuramente mi è costato molto decidere. Non c’entra il risultato del Bayern Monaco, dipende da tante cose. Ho sempre detto che volevo restare qui. Che volevo un progetto vincente e vincere titoli con il club per continuare a far crescere la leggenda del Barcellona a livello di trofei. E la verità è che da tempo che non c’è un progetto nè nulla, loro si destreggiano e coprono i buchi mentre le cose vanno. Ho sempre pensato al benessere della mia famiglia e del club».

Messi avrebbe voluto lasciare il Barcellona ora, ma è come se fosse “prigioniero” del suo contratto. Anche qui il messaggio è chiaro: «Come detto, pensavo ed ero sicuro che fossi libero di andar via. Il presidente ha sempre detto che alla fine della stagione potevo decidere se restare o meno. Adesso si aggrappano al fatto che non l’ho detto prima del 10 giugno, quando è chiaro che il 10 giugno eravamo in corsa per la Liga nel mezzo di questo tremendo Coronavirus e che questa malattia ha alterato tutta la stagione. E questa è la ragione per la quale resterò al Barcellona. Adesso resterò perché il presidente mi ha detto che l’unico modo di andar via è pagare la clausola di settecento milioni di euro, e questo è impossibile».

Messi, in ogni caso, esclude le vie legali: «C’era un alto modo ed era andare in tribunale. Ma non farei mai causa al Barcellona perché è il club che amo, che mi ha dato tutto sin da quando sono arrivato, è il club della mia vita, ho passato la vita qui. Il Barça mi ha dato tutto e io ho dato tutto. So che non mi è mai passato per la testa portare il Barcellona in tribunale. Mi hanno fatto male tante cose pubblicate contro di me e soprattutto tante cose false pubblicate. O che io potessi fare causa al Barcellona per i miei interessi. Non avrei mai fatto una cosa del genere, lo ripeto, volevo andare via ed era mio diritto, perché il contratto dice che avrei potuto svincolarmi. E non era “vado via e basta”. Stavo per andare via e mi sarebbe costato tanto. Volevo andare perché ho pensato di voler vivere i miei ultimi anni di calcio felicemente. Ultimamente non ho trovato felicità all’interno del club».

In chiusura, Messi spiega come sarà la sua stagione 2020-2021: «Continuerò nel Barcellona e il mio comportamento non cambierà, non importa quanto volessi andare via. Darò il massimo. Voglio sempre vincere, sono competitivo, e non mi piace perdere. Voglio sempre il massimo per il club, per i compagni e per me stesso. Ho detto che non c’era stato il sostegno necessario per vincere la Champions League. Adesso non so cosa succederà. C’è un nuovo allenatore e nuove idee. E questo è un bene ma dobbiamo vedere come risponderà la squadra e se saremo in grado di competere ai massimi livello. Quello che posso dire è che resterò e che darò il massimo per il Barcellona. Il burofax era per rendere la cosa ufficiale in qualche modo. Durante tutto l’anno ho detto al presidente che volevo andar via, che era il momento di andare in cerca di nuovi obiettivi e nuove esperienze nella mia carriera. Lui mi ha sempre detto: “Ne parleremo, non ora, etc”… Ma niente».

[Fonte: goal.com]