FIFA, norme transitorie ai giocatori di Russia e Ucraina: possono trasferirsi

0

La FIFA si muove per proteggere i giocatori stranieri in Russia e Ucraina. Da oggi è in vigore una norma transitoria che permette i trasferimenti.

“Dopo l’invasione della Russia in Ucraina, che ha causato una pesante crisi umanitaria, il Consiglio della FIFA assieme all’UEFA ha modificato in maniera transitoria il regolamento sul trasferimento dei giocatori, al fine di portare sicurezza e chiarezza giuridica nella materia.

Data la situazione attuale in Ucraina, per fare in modo che giocatori e staff possano lavorare e per proteggere i club ucraini, tutti i contratti di giocatori e allenatori stranieri dei club affiliati alla federazione sono rescissi con effetto immediato fino al termine della stagione (30 giugno 2022), senza necessità di azioni dalle due parti. Questo a meno che non ci sia un accordo differente.

Per facilitare l’uscita dalla Russia di giocatori e allenatori stranieri, nel caso in cui i club affiliati alla federazione non trovino un accordo entro il prossimo 10 marzo, questi avranno il diritto di sospendere il contratto in forma unilaterale sino al termine della stagione (30 giugno 2022).

La rescissione dei contratti significa che giocatori e allenatori si considerano “liberi” fino al 30 giugno e potranno firmare un altro contratto senza conseguenze.

In aggiunta, per dare maggiore flessibilità, i giocatori iscritti alle federazioni russe e ucraine che, a causa della guerra, hanno abbandonato i due Paesi o vogliono farlo sono autorizzati a essere iscritti in un’altra federazione, anche se il periodo di registrazione è chiuso. La possibile nuova incorporazione dovrà avvenire entro il 7 aprile, i club hanno la possibilità di registrare due nuovi giocatori a testa.

La FIFA reitera la sua condanna all’uso della forza da parte della Russia in Ucraina e richiede uno stop immediato delle ostilità”.

[Fonte: fifa.com]