Il Frosinone passa all’attacco: vie legali se la Serie B non riprende

0

Il Frosinone ha subito il sorpasso del Crotone nell’ultima giornata disputata in Serie B, scendendo dal secondo al terzo posto. Il presidente dei giallazzurri, Maurizio Stirpe, è pronto a ricorrere alle vie legali nel caso in cui il campionato non riprenda.

Fra gli infiniti scenari, in caso di mancata ripartenza di Serie A e Serie B, c’è quello di un allargamento del massimo campionato a ventidue squadre. Questo significherebbe non avere retrocessioni e promuovere le prime due dalla cadetteria. Quali? Il Benevento, che ha un distacco abissale (+20 sul Crotone secondo), era a un passo dalla promozione finché si è giocato, e non può essere oggettivamente privato del ritorno in Serie A. Più delicato il discorso sulla seconda, col Frosinone che il 7 marzo ha perso 0-2 con la Cremonese venendo scavalcato dal Crotone. Il presidente dei giallazzurri, Maurizio Stirpe, pretende che se non si finisce vengano rispettate le norme: «Lo dice il regolamento della Serie B – ha dichiarato a Radio Punto Nuovo – nel momento in cui i play-off non potessero essere disputati, viene promossa la terza in classifica. Se non si dovesse continuare a giocare e ci venisse impedita la promozione, agiremo per vie legali». Il Frosinone, dunque, è pronto a muoversi in tribunale.

[Immagine presa da mediagol.it]