Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus

Con le reti di Destro, Strootman e Ljajic i giallorossi aprono con una netta vittoria il girone di ritorno, mentre per i toscani è sempre più crisi nera.

 

L'anticipo dell'Olimpico per la Roma è stato poco più di un allenamento, una sgambata per prepararsi al meglio al grande scontro con la Juventus di martedì in Coppa Italia. Non c'è stata mai partita, dal primo minuto fino al novantesimo i giallorossi hanno dominato, conquistando fin dalle battute iniziali la metà campo avversaria e producendo una serie infinita di azioni d'attacco, il risultato finale sta anche fin troppo stretto alla formazione di Garcia e sarebbe potuta tranquillamente arrivare una goleada se Gervinho, come suo solito, non si fosse divorato un paio di gol facili e Bardi non avesse salvato la propria porta in molteplici circostanze. Il monologo della Roma, che conferma quanto di buono fatto vedere nella prima parte di campionato, è stato per gran parte merito della prestazione scintillante dei vari Destro, Pjanic e Strootman, ma diverse responsabilità le ha anche il Livorno, autore di una prova gravemente insufficiente e con l'aggravante di aver dato l'impressione di essere una squadra in disarmo, come se si fosse già arresa all'idea di tornare nuovamente in Serie B al termine della stagione. Neanche il cambio in panchina, con l'esonero di Davide Nicola e lo spostamento di Attilio Perotti da un ruolo dirigenziale a quello di allenatore, è servito a modificare l'atteggiamento degli amaranto, il cui organico non sembra assolutamente adatto alla massima serie e necessita da qui alla fine del mercato di diversi innesti di valore per evitare un'altrimenti inevitabile retrocessione. Garcia fa turnover facendo capire che la partita più importante è il quarto di finale di coppa e lascia fuori Maicon, Nainggolan e Totti, giocano Torosidis e Destro oltre a quello che è fin qui stato il centrocampo titolare (De Rossi, Pjanic e Strootman), Perotti invece cerca di contenere i danni e presenta un più che difensivo 5-3-1-1, risultato però tutt'altro che imperforabile fin dal principio.

PRIMO TEMPO
Cinque minuti e mezzo e la Roma è già in vantaggio: centro di Ljajic dalla destra, Gervinho si stacca dalla marcatura e cerca un'improbabile deviazione di tacco dal limite dell'area piccola quasi ciccando il pallone, per fortuna dell'ivoriano dietro di lui c'è Mattia Destro che non ha problemi a mettere dentro per l'uno a zero. Quarto gol dal ritorno in campo per l'attaccante prodotto del settore giovanile dell'Inter, c'è qualche discussione sulla posizione di Gervinho al momento del cross ma le immagini televisive mostrano che era in linea col pallone al momento del cross di Ljajic. Si gioca a una porta sola, al 17' sugli sviluppi di un corner Benatia sfiora la sesta rete stagionale in acrobazia dopo una sponda di De Rossi mandando alto, alla mezz'ora Pjanic manda Gervinho davanti alla porta ma l'ivoriano tira addosso a Bardi che para in due tempi. Il 2-0 è nell'aria e arriva al minuto trentaquattro, Destro riceve palla dentro l'area e scavalca con un pallonetto il portiere, Valentini salva al limite dell'area piccola ma sulla ribattuta si avventa Kevin Strootman e il raddoppio diventa realtà. Quinto centro in campionato per l'olandese, raggiunto il record stabilito lo scorso anno con la maglia del PSV Eindhoven, la gara è già in ghiaccio e la Roma cerca di aumentare ulteriormente lo score, Gervinho di testa se ne mangia un altro su cross di Torosidis mentre a Destro viene annullato il tris per una posizione irregolare di Castán (fuorigioco attivo, alza la gamba sul tiro del compagno ostacolando la visuale a Bardi), nel recupero Strootman va vicino alla doppietta con un gran tiro da fuori che si spegne di poco a lato.

SECONDO TEMPO
Fuori Duncan e dentro Borja nel Livorno ma la sostanza non cambia, è ancora la Roma a controllare il match anche se con più calma rispetto alla furia agonistica del primo tempo. Al 57' bella azione personale di Dodô, il brasiliano va anche alla conclusione ma il pallone finisce sul fondo, al 61' Ljajic tocca arretrato per Pjanic che spiazza il portiere ma un prodigioso intervento di Mbaye nega al montenegrino la gioia del gol, un minuto dopo ancora un tiro da parte del numero otto con Bardi attento a mettere in corner. Al 69' bel destro di Ljajic fuori non di molto, nei giallorossi entra anche Nainggolan che gioca un'ottima parte finale di gara, il centrocampista proveniente dal Cagliari innesca Ljajic che salta Valentini ma non Bardi molto bravo in uscita (la buona prestazione è una magra consolazione nel giorno del suo compleanno). L'unico vero pericolo per la porta di De Sanctis lo crea… De Rossi, andando a deviare un cross dalla sinistra di Greco, l'estremo difensore romanista riesce comunque a bloccare e sull'azione successiva arriva il tre a zero, Nainggolan serve Adem Ljajic, il serbo rientra sul destro e calcia sul primo palo trovando una traiettoria che si insacca tra palo e portiere. Torna al gol l'ex viola, non segnava da quattro mesi (Roma-Bologna 5-0), il finale è una passerella alla quale vuole partecipare anche Francesco Totti (entrato subito dopo il 3-0) ma Bardi si oppone con i pugni al destro dal limite del capitano, su azione originata da un errore di Mbaye.

La Roma inizia il girone di ritorno così come aveva aperto le gare casalinghe in questa stagione: alla seconda giornata era stato 3-0 al Verona, stavolta è il Livorno ad andare KO con lo stesso punteggio, tuttavia neanche oggi i giallorossi riescono a recuperare terreno nei confronti della vetta perché la Juventus ottiene la dodicesima vittoria consecutiva con il 4-2 alla Sampdoria e si mantiene a più otto. Martedì sera le prime due della classifica si sfideranno in gara secca per i quarti di finale di Coppa Italia, competizione che invece il Livorno ha abbandonato ad agosto perdendo 1-0 contro il Siena nel terzo turno, i toscani rimangono ultimi a quota tredici assieme al Catania (che però deve ancora giocare contro la Fiorentina) e perdono per la quinta volta di fila, l'ottava in trasferta, rendendo così il match di domenica 26 contro il Sassuolo l'ultima spiaggia per la salvezza. Novità di calciomercato in casa Roma: pare che sia in dirittura d'arrivo l'acquisto di Michel Bastos dall'Al Ain, l'esterno brasiliano sembrava a un passo dal Napoli ma nelle ultime ore c'è stato un sorpasso dei giallorossi e l'affare potrebbe chiudersi nel weekend.

IL TABELLINO
Roma (4-3-3):
De Sanctis; Torosidis, Benatia, Castán, Dodô; Pjanic (69' Nainggolan), De Rossi, Strootman; Gervinho (67' Florenzi), Destro (79' Totti), Ljajic. Allenatore: Garcia
Livorno (5-3-1-1): Bardi; Piccini, Valentini, Rinaudo, Ceccherini (76' Lambrughi), I. Mbaye; Benassi (81' Mosquera), Biagianti, Duncan (46' Borja); Greco; Paulinho. Allenatore: Perotti
Arbitro: Carmine Russo di Nola (Tasso – Meli; Tonolini; Peruzzo – Nasca)
Reti: 6' Destro, 34' Strootman, 78' Ljajic
Ammonito: Castán (R)

[Immagine presa da gazzetta.it]