Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus

La sfida verità per capire il futuro di Rudi Garcia e Siniša Mihajlovic si risolve in un nulla di fatto: Roma e Milan pareggiano per uno a uno e non escono fuori dalla crisi della loro stagione.

 

Un punto a testa non serve a nessuno. Dall'anticipo serale dell'Olimpico esce fuori il risultato che non fa felice né la Roma né il Milan, condannate alla mediocrità del proprio campionato e incapaci di venire fuori dal periodo negativo. Probabilmente il punticino eviterà l'esonero di uno dei due allenatori, ma non può essere questo il contentino che le due squadre devono prendersi, perché in una sfida del genere entrambe possono recriminare per non essere riuscite a sfruttare le difficoltà altrui. La partita è stata equamente divisa, con un primo tempo tutto di marca giallorossa e una ripresa quasi esclusivamente a tinte rossonere, ma a parte i gol in avvio di frazione si è vista una qualità generale piuttosto scadente, con diversi errori evitabili. Nemmeno gli innesti di Francesco Totti da una parte (592 presenze in Serie A, raggiunto Gianluca Pagliuca al terzo posto in classifica) e Kevin-Prince Boateng dall'altra, ritorni diversi per tipologia ma comuni per mossa dei rispettivi allenatori, sono serviti a rompere l'equilibrio: dei due il ghanese è sembrato quello più in forma, nonostante la lunga inattività, mentre il capitano romanista ha migliorato per qualche minuto l'umore dei suoi tifosi, cosa però transitoria perché al triplice fischio di Orsato la contestazione è partita impietosa ancora una volta. Nessun vincitore e nessuno strappo: la classifica rimane deficitaria per tutte e due, con gli obiettivi stagionali che si allontanano sempre più al giro di boa del campionato, il rischio è che sia Roma sia Milan siano destinate a una seconda parte di stagione da comprimarie.

PRIMO TEMPO

L'inizio del Milan è disastroso: passano soli quattordici secondi dal via e Sadiq si ritrova un pallone in area che calcia al volo trovando il gran riflesso di Donnarumma, il quale però non può fare nulla al 4' per impedire l'uno a zero quando su punizione di Pjanic battuta sul secondo palo Antonio Rüdiger si trova solissimo al limite dell'area piccola per firmare di sinistro il suo primo gol italiano. C'è solo la Roma in campo, al 7' Sadiq salta Romagnoli e appoggia per Pjanic il cui sinistro scoordinato finisce a lato, al 20' ancora Rüdiger, uno dei peggiori per rendimento dell'intera Serie A fin qui, potrebbe addirittura fare doppietta ma il suo colpo di testa su corner viene mandato da Donnarumma sulla traversa. Si salva in maniera fortunosa un Milan inguardabile, che in tutto il primo tempo costruisce solo una mezza occasione con passaggio filtrante di Abate, deviato, che innesca Bacca chiuso in uscita da Szczesny, i rossoneri magari subiscono meno la pressione avversaria ma propongono un gioco basilare e scolastico, troppo facile da intuire. Non c'è recupero, si va al riposo dopo una brutta conclusione di Iago Falqué dal limite bloccata da Donnarumma, a seguito di una discesa da sinistra di Gervinho.

SECONDO TEMPO

Fuori Manolas per un problema fisico, dentro Castán. L'assenza del centrale greco è un problema enorme per la Roma, che perde tutte le sue certezze e al 50' subisce il pareggio, cross di Honda da destra sul secondo palo e colpo di testa vincente di Juraj Kucka, al terzo gol in sei sfide contro i giallorossi. I padroni di casa si sfaldano in maniera inconcepibile, il Milan intuisce il momento di sbandamento avversario e tenta di approfittarne, quasi ce la fa all'ora di gioco quando Rüdiger crolla sul pallone e regalandolo a Boateng, assist arretrato dal fondo e velo di Bacca per favorire l'inserimento ancora dello slovacco, che però stavolta calcia alto gettando sopra la traversa un rigore in movimento. Rossoneri molto più in partita che fanno male ogni volta che attaccano, al 64' è Bacca a far tremare l'Olimpico con un destro che scavalca Szczesny ma scheggia la traversa pareggiando anche il conto dei legni, per la Roma l'ingresso di Totti ridà speranze ai padroni di casa, che si fanno notare di nuovo dalle parti di Donnarumma con una combinazione fra Salah e Gervinho e tiro di quest'ultimo a lato. Finale brutto, da segnalare soltanto un rasoterra a lato di Florenzi all'83'.

I fischi all'indirizzo della Roma da parte dell'Olimpico accompagnano per l'ennesima volta la fine della partita, con i giallorossi che ottengono il secondo pareggio consecutivo dopo il 3-3 col Chievo e falliscono l'occasione per accorciare sulla Fiorentina battuta in casa dalla Lazio: a questo punto tra una settimana la sfida col Verona ultimo non può che essere un dentro o fuori per Garcia. I nove punti di distacco dal terzo posto a metà stagione non possono far contento neanche Mihajlovic, che però a differenza del rivale ha una chance in più per salvare la panchina, ossia la Coppa Italia dove il tabellone favorevole prevede il quarto di finale col Carpi mercoledì sera.

IL TABELLINO

Roma (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas (46' Castán), Rüdiger, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Gervinho, Sadiq (70' Totti), Iago Falqué (56' Salah). Allenatore: Garcia
Milan (4-4-2): G. Donnarumma; Abate (79' Antonelli), C. Zapata, A. Romagnoli, De Sciglio; Honda, Kucka, Bertolacci, Bonaventura (85' Niang); Luiz Adriano (56' Boateng), Bacca. Allenatore: Mihajlovic
Arbitro: Daniele Orsato della sezione di Schio (Manganelli – Meli; La Rocca; Russo – Di Bello)
Reti: 4' Rüdiger, 50' Kucka (M)
Ammoniti: Kucka, Luiz Adriano, Bertolacci (M), Manolas, Pjanic, Nainggolan (R)

[Immagine presa da corrieredellosport.it]