Pinamonti gol splendido all’89’, a Frosinone altro 1-1 per la Fiorentina

0

Continua la serie di 1-1 per la Fiorentina: il quarto di fila arriva sul campo del Frosinone, che raggiunge il pareggio all’89’ con un eurogol di Andrea Pinamonti.

La Fiorentina non sfata né il tabù trasferta né la pareggite. Quarto pareggio consecutivo per 1-1 dei viola, che non riescono a ottenere il primo successo esterno del proprio campionato e ritrovare una vittoria che manca dalla contestata partita con l’Atalanta del 30 settembre, come se dopo le polemiche per il rigore regalato a Federico Chiesa la squadra si fosse bloccata. Oggi sembrava la serata buona per farlo, in un match dalla qualità tutt’altro che eccelsa sbloccato di spalla da Marco Benassi, ma i gigliati hanno avuto il difetto di non chiuderla quando potevano (un’occasione sprecata in contropiede in superiorità numerica e la scarsa vena di Marko Pjaca e Giovanni Simeone – a secco ormai da due mesi – gridano vendetta) e così hanno permesso al Frosinone, per ottanta minuti praticamente mai al tiro in porta, di raggiungere un punto molto più utile per la sua classifica a meno di due minuti dall’inizio del recupero. Ancora in gol allo scadere Andrea Pinamonti, che lo scorso 28 ottobre aveva reso rotondo lo 0-3 sulla SPAL al primo pallone toccato, ma stavolta la marcatura del classe 1999 in prestito dall’Inter (che dopo la sosta ritroverà proprio i nerazzurri al Meazza) è pesantissima oltre che splendida, un destro da venticinque metri potentissimo. Premiata la volontà di Moreno Longo di provarci sino alla fine e coi giovani, i giallazzurri così proseguono un ottimo momento di forma che dopo la sosta li vede imbattuti, con tre pareggi e una vittoria che hanno quantomeno mosso la classifica.

PRIMO TEMPO

Ritmo basso, specialmente in avvio. Prima occasione quasi al quarto d’ora, in contropiede Simeone parte dalla sua metà campo e va via a Campbell, sul suo sinistro Sportiello si oppone di piede. Il portiere, ex di serata, compie un grande intervento anche al 21’, quando su punizione dal limite Biraghi calcia sul suo palo ma non lo sorprende. Il Frosinone non tira mai in porta per tutto il primo tempo ma un’occasione importante la crea, al 33’ punizione di Maiello sulla sinistra e sponda di Ariaudo per il colpo di testa largo di Capuano, poi ancora Fiorentina con un tiro-cross di Pjaca (andato via a Beghetto) che Sportiello blocca a terra evitando l’intervento di Simeone e Chiesa. Beghetto prende il palo nella sua porta su cross di Biraghi ma complice una netta spinta di Pjaca (il VAR avrebbe annullato senza dubbio), al 43’ sempre da sinistra palla in mezzo e sponda di Pjaca per il destro di poco a lato di Benassi.

SECONDO TEMPO

Ottanta secondi della ripresa bastano alla Fiorentina per fare gol: Chiesa va via sulla sinistra a Goldaniga, muove il pallone disorientando anche Zampano e crossa sul primo palo dove Marco Benassi colpisce addirittura di spalla ma quanto basta per superare Sportiello. È il quinto gol in campionato per il centrocampista ex Torino, miglior marcatore dei viola. Longo cerca la contromossa con la freschezza dei giovani Pinamonti e Cassata, per Campbell e Vloet inconsistenti, ma almeno inizialmente si vede poco da parte dei padroni di casa. La Fiorentina, che con l’ingresso di Edimilson Fernandes per lo spento Pjaca cambia anche qualcosa a livello tattico, lascia sfilare i minuti senza colpire ulteriormente ma non soffre granché, solo al 74’ un’illusione del gol su tiro di Zampano deviato da Biraghi ma subito dopo arriva un contropiede tre contro due con Simeone che libera Veretout sulla sinistra e il francese, dopo aver perso un tempo di gioco, col destro trova di nuovo la respinta di piede di Sportiello, ma azione clamorosamente sprecata. Tira in porta solo negli ultimi dieci minuti il Frosinone, all’81’ Pinamonti controlla e si gira ma il suo tiro è debole e Lafont controlla, ripetendosi un minuto dopo su Soddimo. Molto più attivo Sportiello, che all’86’ nega il raddoppio a Chiesa su diagonale rasoterra di sinistro con un bell’intervento. La Fiorentina però non la chiude e lascia al Frosinone la possibilità di restare in partita fino all’ultimo, cosa che permette ad Andrea Pinamonti all’89’ di girarsi con tanto spazio e dai venticinque metri calciare in maniera splendida col destro, Lafont tocca ma non basta e secondo gol in Serie A del classe ‘99 di proprietà dell’Inter, a segno appena entrato due settimane fa per chiudere lo 0-3 contro la SPAL.

La Fiorentina aggancia almeno momentaneamente il Torino ma per la seconda volta i viola sono raggiunti allo scadere, come contro la Roma, e non possono certo dirsi soddisfatti del pareggio. Il Frosinone invece si lascia dietro l’Empoli e ora è terzultimo con sette punti, di cui sei conquistati dal 21 ottobre in poi.

IL TABELLINO

Frosinone (3-4-1-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano (76’ Soddimo); Zampano, Chibsah, Maiello, Beghetto; Vloet (62’ Cassata); Ciofani, Campbell (62’ Pinamonti). Allenatore: Longo
Fiorentina (4-3-3): Lafont; Milenković, Ge. Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi (76’ Mirallas), Veretout, Gerson; Chiesa, Simeone (87’ Vlahović), Pjaca (66’ Edimilson Fernandes). Allenatore: Pioli
Arbitro: Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli (Longo – Peretti; Illuzzi; VAR Nasca; A. VAR Fiorito)
Reti: 47’ Benassi (FI), 89’ Pinamonti
Ammoniti: Zampano, Ariaudo, Maiello (FR)

[Immagine presa da twitter.com]