Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Nainggolan Roma-Milan

L’ultimo posticipo della sedicesima giornata va alla Roma: il Milan spreca dal dischetto la chance per andare in vantaggio ancora con M’Baye Niang e nel secondo tempo è Radja Nainggolan a firmare l’unico gol dell’Olimpico. Giallorossi a -4 dalla Juventus che sfideranno sabato sera.

La Roma vince una partita soffertissima contro un Milan che evita di scoprirsi e dà tanto filo da torcere ai padroni di casa. I giallorossi si stabiliscono da soli al secondo posto grazie a un colpo di genio di Radja Nainggolan, sempre fondamentale in partite come queste, che recupera un pallone sulla trequarti e calcia di sinistro dalla distanza. La sfida non regala grandi emozioni dal punto di vista tecnico, ma dà un segnale di come la Roma sappia vincere soffrendo e di come, sebbene il Milan sia nettamente migliorato rispetto agli anni passati e stia trovando continuità di risultati e prestazioni, per i rossoneri ci sia ancora tanto lavoro da fare.

PRIMO TEMPO

Come da aspettative le due squadre, organizzatissime tatticamente, tendono a studiarsi. La Roma opta per un pressing alto: Džeko attacca il primo possesso e Nainggolan chiude la prima linea di passaggio. In generale i giallorossi tendono a intasare le linee orizzontali, costringendo gli avversari alla verticalizzazione o al lancio lungo. Il Milan, al contrario, attacca il secondo possesso pressando i centrocampisti, con Lapadula che marca De Rossi a uomo. La prima vera grande occasione si ha al 27’, quando Locatelli serve Suso che nel frattempo si era accentrato senza palla, che fa filtrare a sua volta per Bertolacci. L’italiano riesce a verticalizzare velocemente per un ispiratissimo Lapadula che si guadagna il calcio di rigore (fallo di Szczęsny), calciato malissimo da Niang e parato. Meno di dieci minuti dopo Džeko controlla di petto un grande lancio eludendo la marcatura rossonera e riuscendo a tirare: il pallone finisce di poco a lato. Al 38′ Bruno Peres si accascia a terra in seguito a uno scontro di gioco apparentemente innocuo con De Sciglio: il brasiliano non riesce a continuare ed esce in barella, al suo posto l’ex El Shaarawy. In generale nei primi 45′ brillano Suso e Bertolacci da una parte e De Rossi dall’altra, sebbene la partita sia almeno nel primo tempo molto più un manifesto delle abilità tattiche dei due allenatori che di quelle tecniche dei giocatori.

SECONDO TEMPO

Nel secondo tempo il Milan entra in campo con un piglio diverso, più aggressivo, ed è il genere di situazioni in cui il romanista Radja Nainggolan sguazza. Se è vero che quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare, è proprio il belga che, al 62′, sblocca la partita con un’iniziativa personale dalla distanza, grande controllo a saltare Locatelli e sinistro preciso nell’angolino basso. Da quel momento risulta evidente come entrambi gli allenatori abbiano gettato all’aria i taccuini degli appunti. La partita, fino ad allora giocata su ritmi non particolarmente alti, diventa un vero e proprio botta e risposta tra le due compagini, che non solo commettono tanti falli ma non cercano più di imporre il proprio dominio, basando il loro gioco sulle ripartenze. Per quanto riguarda la Roma cresce tantissimo Džeko, non in grande forma questa sera, che riesce però nel finale a sfruttare il proprio fisico per sopperire alle mancanze atletiche dei suoi compagni, ormai stremati. Nel Milan continua a emergere per tutto l’arco dei minuti finali un Suso quasi perfetto: non sbaglia un dribbling, dimostra personalità e fantasia e combatte per la causa fino all’ultimo secondo.

Tutto sommato i due allenatori non possono lamentarsi delle prestazioni delle loro squadre, sebbene il Milan debba avere più di qualche rimpianto per il rigore sbagliato nel primo tempo. La Roma, invece, deve ripartire da questa prestazione per migliorarsi sotto alcuni punti di vista, come quello del dinamismo senza palla e del cinismo sotto porta. Per il momento i giallorossi non possono che godersi il meritatissimo secondo posto, che li vede portarsi a tre punti sulla terza e a -4 dalla Juve capolista e prossimo avversario.

IL TABELLINO

Roma (3-4-2-1): Szczęsny; Fazio, Manolas, Rüdiger; Bruno Peres (41′ El Shaarawy), Strootman, De Rossi, Emerson Palmieri; Perotti, Nainggolan; Džeko. Allenatore: Spalletti
Milan (4-3-3): Donnarumma; De Sciglio, Romagnoli, Paletta, Abate; Bertolacci (66′ Fernández), Locatelli, Pašalić (84′ Honda); Niang, Lapadula (70′ Luiz Adriano), Suso. Allenatore: Montella
Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni della sezione di Bergamo (Meli – Barbirati, Di Fiore, Rizzoli – Celi)
Rete: 62′ Nainggolan
Ammoniti: Pašalić, Paletta (M), Rüdiger (R)

[Immagine presa da twitter.com]