Napoli salvato da Jorginho, soffre ma batte l’Udinese e resta primo

0

Jorginho sbaglia un rigore ma sulla ribattuta punisce la brutta parata di Simone Scuffet, un Napoli non certo nel suo miglior pomeriggio riesce comunque a battere l’Udinese nel debutto di Massimo Oddo e a tornare in testa alla classifica.

L’altro uomo che poteva salvare l’Italia riporta primo il Napoli. Questa volta è Jorginho a mettere la firma per tenere il primato degli azzurri, che volano a trentotto punti, segnando dopo aver sbagliato un rigore. L’Udinese di Massimo Oddo pressa bene ma ha poche idee, se non nulle, in un match dove si vedono poche azioni da gol e tentativi da ambedue le parti. Zero spettacolo calcistico ma ciò che conta per Maurizio Sarri è che il pallone sia finito in rete, ora può pensare alla fatidica partita di venerdì contro la Juventus.

PRIMO TEMPO

Bisogna andare direttamente al 33′ per l’azione che definisce la gara, Angella entra in scivolata e colpisce Maggio per un calcio di rigore. Dal dischetto va Jorginho, la battuta è debole e Scuffet intuisce parando, ma non trattiene e l’italo-brasiliano può tuffarsi sulla respinta per fare 0-1.

SECONDO TEMPO

Come nel primo frangente l’Udinese sembra di dover difendere un pareggio, anche se in realtà è sotto nel punteggio. Il Napoli, nonostante il pressing avversario, riesce a mantenere il vantaggio senza grossi problemi. Solite sostituzioni di Sarri che vedono Rog e Zieliński in campo per far girare il centrocampo, per il resto attacco azzurro davvero sottotono.

L’Inter torna dietro, il Napoli è in testa e rimarrà tale fino a venerdì, quando al San Paolo arriverà la Juventus capolista per la supersfida della quindicesima giornata. Resta in zona bassa l’Udinese, che non si risolleva nemmeno con l’arrivo di Massimo Oddo in panchina.

[Immagine presa da corrieredellosport.it]