Il Napoli rimonta la Samp all’ultimo respiro, 2-1 al 95′

0
Gabbiadini inizia la rimonta del Napoli

Vittoria fondamentale in rimonta per il Napoli di Sarri, che recupera il vantaggio del primo tempo della Sampdoria con Gabbiadini e con la rete di Tonelli nel quinto minuto di recupero. Gli azzurri agganciano così, in attesa della partita di domani, la Roma al secondo posto in classifica.

Sarri conferma il solito 4-3-3 con Callejón ed Insigne ai lati di Mertens, solo panchina per Pavoletti; a centrocampo ritornano titolari Allan e Jorginho con Hamšík, mentre in difesa è Tonelli a fare coppia con Chiricheș. Giampaolo punta sul 4-3-1-2 e lancia titolare dal primo minuto Schick al fianco di Quagliarella, alle loro spalle c’è Álvarez, in mediana Torreira è affiancato da Barreto e Praet, mentre dietro c’è Pereira largo a destra.

PRIMO TEMPO

Il Napoli inizia bene la partita e sembra avere possibilità di mettere in difficoltà la Sampdoria soprattutto utilizzando le fasce. Il primo squillo arriva al 5′ su punizione dai venticinque metri, ma la traiettoria disegnata da Mertens si spegne di poco sopra la traversa con Puggioni ad osservare. I blucerchiati, però, crescono decisamente con il passare dei minuti con un pressing nella metà campo avversaria fatto molto bene che porta i giocatori di Sarri a compiere molti errori. Gli azzurri provano ad affidarsi al solito Mertens che impegna di Puggioni al 26′ quando, da posizione defilata, lascia partire un diagonale potente su cui il portiere non è perfetto, ma riesce a bloccare in due tempi. La risposta dei liguri arriva due minuti più tardi, con una punizione al limite dell’area di Álvarez che lambisce la parte superiore della rete con Reina immobile. Alla mezz’ora arriva un abbastanza meritato vantaggio per la Samp: Schick sfonda sulla fascia sinistra, lasciandosi Chiricheș alle spalle, arriva sul fondo dentro l’area e mette al centro dove Elseid Hysaj realizza un autogol, deviando di petto il pallone nella propria porta per tentare di anticipare Quagliarella. Nell’ultimo quarto d’ora il Napoli non riesce a reagire, anzi, peggiora il proprio volume di gioco con continui errori tecnici propiziati anche dal pressing avversario.

SECONDO TEMPO

Gli azzurri iniziano bene la ripresa, neanche due minuti e su un cross da sinistra Regini regala praticamente un assist a Mertens che spara clamorosamente alto dal limite dell’area piccola. Al 52′ si vede anche Hamšík che converge da sinistra e prova a cercare il palo lontano, ma il suo destro termina a lato della porta. All’ora di gioco si accende il neo entrato Muriel che accelera in maniera impressionante da destra e regala un grande assist a Schick che colpisce quasi a botta sicura, ma il suo tiro viene rimpallato. Sul corner seguente arriva l’episodio che cambia la partita con il secondo giallo e la conseguente espulsione per Silvestre per un suo tocco (che dai replay non sembra esserci) su Reina pronto a far partire il contropiede. Il Napoli guadagna ancora campo e chiude dietro la Sampdoria, anche in difficoltà fisica dopo il grande sforzo nel pressing. Al 68′ lancio alle spalle della difesa per l’inserimento di Callejón che fa benissimo sponda all’indietro per Mertens che, tuttavia, è di nuovo impreciso dal limite dell’area piccola ed il suo rasoterra termina a lato. I blucerchiati provano a reagire soltanto con Muriel in avanti isolato, ma il colombiano si inventa un grande dribbling su Hysaj e trova lo spazio per cercare il palo lungo con il piatto, ma Reina è attento e devia in tuffo. Al 77′ arriva il pareggio per i padroni di casa: cross da sinistra che trova sul secondo palo Callejón che appoggia al centro per Manolo Gabbiadini che sottoporta riesce a mettere il pallone alle spalle di Puggioni. I giocatori di Sarri guadagnano ancora più spinta e coraggio e sono necessari due miracoli di Puggioni tra l’85’ e l’87’ su Gabbiadini e su Hamšík per mantenere inchiodato sull’1-1 il punteggio. Il match sembra ormai avviato verso il pareggio, ma nel quinto minuto di recupero Mertens crossa, respinta di Torreira che finisce sui piedi di Strinić che arriva sul fondo e tocca all’indietro per l’inserimento di Lorenzo Tonelli che mette alle spalle di Puggioni il gol vittoria che fa impazzire il San Paolo. Il Napoli aggancia la Roma al secondo posto in classifica a quota 38 punti; mentre la Sampdoria rimane inchiodata a 23, comunque con un ampio margine sulla zona salvezza.

IL TABELLINO

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Tonelli, Chiricheș, Strinić; Allan (59′ Zieliński), Jorginho (72′ Gabbiadini), Hamšík; Callejón, Mertens, Insigne.
Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni; Pereira, Silvestre, Škriniar, Regini; Barreto, Torreira, Praet (76′ Linetty); Álvarez; Schick (64′ Dodô), Quagliarella (51′ Muriel).
Arbitro: Marco Di Bello
Ammoniti: Hysaj (N)
Espulsi: Silvestre (S)
Reti: 77′ Gabbiadini, 95′ Tonelli (N); 30′ aut. Hyasj (S)

[Immagine presa da corrieredellosport.it]