Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Napoli-Pescara

Il Napoli si avvicina alla Juventus e tiene il passo della Roma. Contro il Pescara il primo tempo finisce 0-0 ma poi gli azzurri si scatenano nella ripresa, sfruttando ancora la vena realizzativa di Lorenzo Tonelli e Dries Mertens.

Ricordando quel 21 agosto 2016, quel pareggio amaro al debutto in campionato in casa del Pescara, le cose adesso sono cambiate molto da allora. Il Napoli vola a quarantuno punti, il Pescara rimane a nove senza neanche una vittoria sul campo. È proprio vero che l’aria di Diego Armando Maradona, quando ritorna nel suo regno, porta bene agli azzurri e sfortuna alla Juventus, sconfitta dalla Fiorentina.

PRIMO TEMPO

Subito dal 4′ Insigne da un rimpallo prova un destro violento a scendere da fuori area, Bizzarri vola senza arrivarci ma la palla sibila di poco fuori. Ancora azzurri, Hamšík va via in percussione e affonda in area, sinistro secco, palla ancora vicina al palo. Napoli che spinge ma non finalizza, Pescara timido ma che riesce a tenere nelle retrovie, Sarri non contento si accinge a richiamare i suoi dopo il duplice fischio dell’arbitro.

SECONDO TEMPO

La musica cambia ma non cambia chi la dirige, Jorginho su punizione al 48′ mette in mezzo e trova la testa di Lorenzo Tonelli, ancora lui, che sigla l’uno a zero. Il difensore assente per sette mesi firma il secondo gol consecutivo, il Napoli aveva un difensore goleador fuori uso. Neanche tre minuti dopo Callejón sulla destra, su filtrante ricevuto da Hamšík, calcia sbattendo su Bizzarri, il pallone cade sui piedi di Zieliński che con un filtrante lungo trova il destro al volo di Marek Hamšík che sigla il raddoppio azzurro. Qualche disattenzione resta anche dopo l’uno-due :erroraccio di Strinić, retropassaggio indirizzato a Reina che allontana male, Gilardino come un rapace tenta di toccarla per metterla in rete ma non ci reisce. Pericolo davvero ingenuo da parte del terzino croato. Da qui solo assalti dei padroni di casa, Insigne al 55′ riceve un pallone da un rimpallo in area e dal limite calcia un forte destro che sfiora alto sopra alla traversa. Callejón, su filtrante dal subentrato Allan, affonda in area, salta un difensore ma ancora Bizzarri lo ipnotizza e sventa il 3-0. Entra Dries Mertens che con un uno-due preciso con Allan tocca semplicemente e sigla il tris, quindicesimo gol stagionale. All’ultimo, rigore per il Pescara, Hysaj fa il pasticcio su Mitriţă. Dal dischetto Gianluca Caprari spiazza Reina di poco, quest’ultimo si infuria contro i suoi per aver subito un rigore davvero evitabile.

Finisce qua, Napoli che si porta a quarantuno punti, -4 dalla capolista. Ora gli azzurri aspettano un Milan che, con due partite in meno, potrebbe virtualmente scavalcare il Napoli. Il 21 l’appuntamento a San Siro, dovessero vincere gli azzurri sarebbe una valida prova di un Napoli che c’è.

[Immagine presa da corrieredellosport.it]