Napoli campione d’inverno! Crotone battuto da Hamšík

0

Il Napoli vince 0-1 a Crotone grazie al colpo del capitano Marek Hamšík. Quarantotto punti complessivi rendono gli azzurri campioni d’inverno della Serie A 2017-2018.

Si conclude questo anno solare pieno di soddisfazioni per Maurizio Sarri. Il suo Napoli ha conquistato ben novantanove punti tra l’anno scorso e questo, con zero sconfitte stagionali in trasferta. Marek Hamšík, il capitano, sigla la sua terza rete consecutiva prendendoci gusto dopo aver superato il record di reti di Diego Armando Maradona, altre tre e si arriva a ben centoventi gol nel Napoli. Suo regalo di capodanno che rende il Napoli, campione d’inverno dopo due anni. Per Walter Zenga sconfitta non pesante, onore al Crotone che nel secondo tempo ha anche avuto una grande occasione per pareggiare.

PRIMO TEMPO

Il Napoli ingrana presto e colpisce quasi subito, al 17′: Allan suggerisce per il capitano Marek Hamšík che riceve dal brasiliano, tiro preciso sul secondo palo ed è 0-1. Al 34′ ancora Napoli con Insigne, a tu per tu con Cordaz scarica il destro sotto alla traversa ma il portiere si tuffa e manda in corner. Prima del duplice fischio Mertens, che non segna ormai da due mesi, su punizione sfiora la traversa.

SECONDO TEMPO

Il Napoli vuole decisamente preservare il vantaggio, mentre i padroni di casa (mai pericolosi nel primo tempo) tentano di uscire dalla loro metà campo. Stoian, attaccante che ha segnato solamente tre gol in tutta la stagione, si smarca da Albiol e su traversone sfiora di testa il palo. Insigne prende la traversa e Callejón non riesce a ribadire, lo spagnolo non ce la fa a ritrovare il gol mentre Reina sbaglia e poi rimedia parando un pallonetto dalla fascia destra di Trotta e tredici minuti dopo si supera su un destro a giro del subentrato Crociata. All 88′ Diawara con una cannonata nel sette obbliga Cordaz alla parata in volo, nel recupero il portiere si supera anche su Callejón. Si chiude con le polemiche di marca calabrese per un contatto (troppo leggero per essere da rigore) fra Maggio e Ceccherini, mentre in precedenza il VAR non aveva sanzionato un tocco di mano per Mertens in area.

Finisce con lo stadio che urla chiedendo rigore ma l’arbitro Mariani ignora e lascia scorrere fischiando tre volte. Il Napoli con sofferenza finale ma vince “alla Juventus” una partita importantissima che porta gli azzurri a quarantotto punti, mantenendo così il primato.

[Immagine presa da corrieredellosport.it]