Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus
Krzysztof Piątek Milan-Empoli

Tre gol e tre punti per il Milan, che fa sua la partita soltanto nel secondo tempo: il solito Piątek, Kessié e Castillejo travolgono l’Empoli al Meazza.

Un tempo per studiare la situazione e due minuti a inizio ripresa per colpire e affondare. Il Milan attende l’avvio della seconda metà di gara per fare sua la partita, ma quando cala i suoi assi e non dà scampo all’Empoli, che regge fino all’intervallo e crolla perdendo anche in maniera larga nella ripresa. La terza vittoria consecutiva rossonera matura grazie agli uomini in più di questo inizio di 2019: Hakan Çalhanoğlu, il grande rivalutato del Milan, non ha segnato come a Bergamo ma ha fornito l’assist per l’1-0 dell’immancabile Krzysztof Piątek, al sesto gol in altrettante partite dal suo arrivo e alla quinta partita consecutiva a segno (impatto impressionante), Franck Kessié ha chiuso la questione centoventi secondi più tardi con un morbido tocco sotto. Gennaro Gattuso stasera ha trovato risposte incoraggianti anche da Samu Castillejo, schierato titolare al posto dello squalificato Suso e autore di un gol (il terzo) e un assist (per il raddoppio), e rimandato in campo dopo quasi quattro mesi Lucas Biglia (subentrato nel finale) e dopo quasi diciotto mesi da titolare Andrea Conti (autore dell’assist per il 3-0), segno di una condizione fisica ottima (e una difesa che non subisce più gol, Gianluigi Donnarumma stavolta è pure rimasto inoperoso a differenza delle precedenti occasioni) per continuare a rincorrere la Champions League, con l’Inter almeno per quarantotto ore a un solo punto di distanza e a tre giornate dal derby. L’Empoli passa in cinque giorni da un 3-0 a favore, col Sassuolo, a uno a sfavore, vero che non era il Meazza (dove quasi due anni fa ha trovato l’ultima vittoria esterna in Serie A, proprio sui rossoneri il 23 aprile 2017) il campo dove andare a fare punti ma dai toscani forse ci si aspettava qualcosa di più di una resa quasi incondizionata appena subito il primo gol.

PRIMO TEMPO

Paquetá pensa di aver segnato dopo nove minuti, di testa su cross di Rodríguez, ma è in fuorigioco abbastanza netto e il VAR annulla quando il pallone era già a centrocampo. La prima palla gol limpida è quindi al 22’, Castillejo si gira e calcia col sinistro trovando la bella risposta in tuffo di Drągowski, che si ripete poco dopo sullo spagnolo stavolta al tiro col destro. Al 45’ Kessié, che a inizio partita aveva avuto un problema non meglio specificato, si libera bene sulla destra e colpisce l’esterno della rete, nel primo dei due minuti di recupero chance anche per l’Empoli con cross di Pasqual respinto da Romagnoli e tiro di Acquah toccato in angolo da Kessié.

SECONDO TEMPO

Il momento di svolta della partita è fra il 48’ e il 49’: prima Pasqual crossa basso per Caputo che, spalle alla porta, serve intelligentemente dietro Krunić per un destro da ottima posizione malamente sparato in curva, dall’altra parte palla recuperata sulla trequarti e Kessié serve Çalhanoğlu per il cross basso sul quale invece Krzysztof Piątek non manca l’appuntamento con l’1-0. Manco il tempo di celebrare il gol numero diciotto del polacco, a -1 dal capocannoniere Cristiano Ronaldo, che il Milan ha già raddoppiato, Castillejo va bene via sulla destra e con un filtrante manda in porta Franck Kessié bravissimo a scavalcare il portiere in pallonetto. La partita diventa così un lento avanzare verso la fine, Castillejo come nel primo tempo è il più attivo e al 53’ da fuori chiama alla parata in tuffo Drągowski, ma il portiere polacco copre male il suo palo al 67’ su cross di Conti e proprio Samu Castillejo celebra al meglio il ritorno da titolare, segnando come l’ultima volta che era partito dall’inizio ossia il 29 dicembre con la SPAL. Gattuso dà spazio a chi ha giocato poco, dentro in rapida successione Cutrone, Borini e il recuperato Biglia, il secondo al 78’ con una caparbia azione personale e sinistro rasoterra sul primo palo farebbe pure 4-0 ma il VAR, di nuovo con la palla già a centrocampo per ripartire, segnala un fuorigioco attivo di Cutrone e Giacomelli annulla dopo aver guardato le immagini al monitor.

Milan che sale a quarantacinque punti, uno in meno dell’Inter (domenica impegnata a Firenze) e quattro in più della Roma (domani attesa a Frosinone), il quarto posto almeno per questa giornata è certificato e ora Gattuso può preparare al meglio la semifinale d’andata di Coppa Italia con la Lazio di martedì. Si interrompe subito il tentativo di risalita dell’Empoli, che deve sperare che la Juventus non faccia scherzi col Bologna, fra otto giorni altro anticipo stavolta al Castellani col Parma.

MILAN-EMPOLI 3-0 – IL TABELLINO

Milan (4-3-3): G. Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Rodríguez; Kessié, Bakayoko (80’ Biglia), Paquetá (69’ Borini); Castillejo, Piątek (69’ Cutrone), Çalhanoğlu. Allenatore: Gattuso
Empoli (3-5-2): Drągowski; Veseli, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Acquah (66’ Uçan), Bennacer, Krunić, Pasqual (74’ Pajač); Farias (66’ La Gumina), Caputo. Allenatore: Iachini
Arbitro: Piero Giacomelli della sezione di Trieste (Liberti – Di Vuolo; Minelli; VAR Piccinini; A. VAR Bindoni)
Reti: 49’ Piątek, 51’ Kessié, 67’ Castillejo
Ammoniti: Di Lorenzo (E), Çalhanoğlu (M)

[Immagine presa da twitter.com]