Lazio, che rimpianti! Domina, ma vince la solita Juventus 2-1 in rimonta

0

Posticipo di Serie A che ha visto protagonista la solita cannibale Juventus, che ha sofferto per gran parte della partita una grande Lazio, ma che alla fine ha ottenuto la vittoria che vale il +11 in classifica sul Napoli. Prestazione di altissimo livello dei biancocelesti che hanno dominato e hanno trovato il vantaggio meritato su un autogol di Emre Can ad inizio ripresa. Poi Immobile ha fallito il raddoppio e si sono scatenati i bianconeri con i gol di João Cancelo e con il rigore trasformato da Cristiano Ronaldo.

Inzaghi sceglie Correa in avanti insieme ad Immobile, il quinto di destra lo fa Parolo con Lulić sull’altro lato, in difesa ci sono Bastos e Wallace con Radu. Allegri non sorprende e punta sul 4-3-3 con Bentancur e Matuidi mezzali ai lati di Emre Can, in attacco confermato Douglas Costa con Dybala e Ronaldo, dietro c’è Rugani con Bonucci.

PRIMO TEMPO

La formazione disegnata da Inzaghi è praticamente perfetta per tutti i quarantacinque minuti del primo tempo, sempre corta, puntuale nel portare la pressione ed attenta nelle marcature preventive. Al contrario la Juventus è lontana parente di quella abituale soprattutto a livello tecnico, con una miriade di errori difficilmente capibili. Nei primi minuti il più attivo è Correa che semina il panico nella difesa bianconera più volte ed al 19′ ci prova anche con un tiro dai venti metri che Szczęsny blocca a terra. I problemi in uscita degli uomini di Allegri dipendono anche da un Emre Can troppo lento nello smistare il gioco e che al 27′ perde addirittura il pallone al limite dell’area, Luis Alberto ha la porta di fronte, ma non angola abbastanza e Szczęsny respinge senza troppe difficoltà. Il dominio della Lazio potrebbe finalmente concretizzarsi dieci minuti più tardi con Milinković-Savić che imbuca per Parolo in area di rigore, mancino secco dell’ex Cesena che sembra un gol annunciato, ma Szczęsny è semplicemente strepitoso nel tirare fuori dalla porta la conclusione con la mano sinistra. Ronaldo è un fantasma, così come Dybala e Douglas Costa, ed al 43′ è Immobile ad andare vicino alla rete: Rugani buca l’intervento e gli spiana la strada davanti a Szczęsny, tocco sotto che scavalca il portiere, ma grandissimo recupero proprio dello stesso Rugani che salva in acrobazia.

SECONDO TEMPO

La Juventus migliora nel palleggio fin dall’inizio della ripresa grazie allo spostamento di Bentancur davanti alla difesa. Le occasioni rimangono comunque della Lazio, con Luis Alberto che sfiora il palo con un gran mancino da fuori area. Il gol biancoceleste arriva, però, all’improvviso: è il 59′, corner da sinistra di Luis Alberto, nessuno tocca se non Emre Can che infila di testa alle spalle di Szczęsny un clamoroso autogol. Gli uomini di Inzaghi si ritraggono per cercare il contropiede e quattro minuti dopo il vantaggio avrebbero l’occasione per il raddoppio con Correa che imbuca per Immobile nell’uno contro uno con Szczęsny, ma l’ex Genoa manda incredibilmente alto. Al 67′ altro squillo di Luis Alberto, controllo sui venticinque metri e collo pieno, leggermente deviato da Bentancur, che sfiora l’incrocio dei pali. Quando la Lazio sembra in pieno controllo i bianconeri trovano il pareggio. È il 74′ quando Bernardeschi semina Bastos in fascia, cross all’indietro per Dybala che calcia di prima, Strakosha respinge, ma sul pallone arriva per primo João Cancelo che con il piatto firma un gol pesantissimo che vale il pari. La partita è aperta nei minuti successivi con molti ribaltamenti di fronte ed all’87’ Lulić trattiene Cancelo in area di rigore, Guida non ha dubbi ed assegna il rigore. Dagli undici metri si presenta Cristiano Ronaldo che stavolta non sbaglia e firma così il gol decisivo per la vittoria. La Juventus allunga così a +11 sul Napoli dopo probabilmente la più brutta partita giocata in Serie A in questa stagione. La Lazio manca il colpo grosso dopo una grande prestazione e si ritrova al settimo posto in classifica, agganciata dall’Atalanta e scavalcata dalla Sampdoria.

LAZIO-JUVENTUS 1-2 – IL TABELLINO

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos (90′ Pedro Neto), Wallace, S. Radu; Parolo, Luis Alberto (81′ V. Berisha), Lucas Leiva, S. Milinković-Savić, Lulić; Correa, Immobile (82′ Caicedo).
Juventus (4-3-3): Szczęsny; De Sciglio, Bonucci (41′ Chiellini), Rugani, Alex Sandro; Bentancur, Emre Can, Matuidi (60′ Bernardeschi); Douglas Costa (70′ João Cancelo), Dybala, Cristiano Ronaldo.
Arbitro: Marco Guida
Ammoniti: S. Milinković-Savić, Lucas Leiva (L); Emre Can, Chiellini, Rugani, De Sciglio, Matuidi (J)
Reti: 59′ aut. Emre Can (L); 74′ João Cancelo, 88′ Cristiano Ronaldo (J)

[Immagine presa da twitter.com]