L’Atalanta indovina la rimonta per la Champions: la SPAL crolla nel finale

0

Dopo un ottimo primo tempo della SPAL che passa con l’ex Petagna, l’Atalanta capovolge tutto nella ripresa con Iličić e Zapata e vola al quarto posto.

Gasperini ritrova Mancini che torna in difesa con Djimsiti in panchina e per il resto conferma il solito schieramento delle ultime partite, Semplici deve rinunciare agli squalificati Felipe e Fares mentre in avanti sceglie Paloschi anziché Antenucci.

PRIMO TEMPO

La SPAL ha visto la partita di Cagliari e ha capito che il pressing a tutto campo è l’arma più efficace contro la squadra di Gasperini: al settimo minuti Tolói sbaglia il passaggio e ne approfitta Petagna, fuga in uno contro zero ma, al momento della conclusione, spara addosso a Berisha; ma passa pochissimo e il goal dell’ex arriva, il terzo in due partite: trivela di Kurtić che taglia tutta l’area, Petagna di testa salta sopra tutti e porta avanti la SPAL. La reazione dell’Atalanta è tutta sui piedi del Papu che prima sfrutta una sponda di Zapata ma trova solo l’esterno della rete, poi si fa ipnotizzare da Viviano che, di piede, gli stoppa una botta al volo comoda quanto un rigore. Col passare dei minuti la SPAL ferma la veemenza dell’Atalanta e controlla senza troppa fatica il vantaggio fino all’intervallo.

SECONDO TEMPO

Nella ripresa l’undici di Gasperini è decisamente più determinato a ribaltare la gara, passa indenne su un colpo di testa velenoso di Cionek poi mette a segno il primo colpo: rivedibile la difesa della SPAL che concede contropiede in trasferta e in vantaggio, Castagne mette in moto Zapata che appoggia al centro per Iličić, destro potente da posizione ravvicinata e partita di nuovo in equilibrio. Dopo il pari, la partita entra in una sorta di limbo in cui la SPAL si ghiaccia e l’Atalanta non trova più spazi; a sciogliere la partita ci pensano gli stessi protagonisti a dodici minuti dalla fine: stavolta le parti si invertono, Iličić firma il pre-assist lanciando Hateboer, palla forte in mezzo per Zapata e Dea che rovescia la partita. Non c’è più spazio per altre emozioni, con la SPAL che è troppo shockata per reagire e con l’Atalanta che, di cinismo e con un po’ di fortuna proprio come sei giorni fa, dà un altro strappo nella corsa all’Europa dei grandi.

TABELLINO

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha – Tolói, Palomino, Mancini – Hateboer, de Roon, Freuler (77′ Pašalić), Castagne (69′ Gosens) – Gómez (89′ Pessina) – Iličić, Zapata. Allenatore: Gasperini.
SPAL (3-5-2): Viviano – Cionek, Vicari, Bonifazi (82′ Floccari) – Lazzari, Valoti (70′ Murgia), Missiroli, Kurtić, Costa – Petagna (78′ Antenucci), Paloschi. Allenatore: Semplici.
ARBITRO: Davide Massa di Imperia.
GOAL: 7′ Petagna (S), 56′ Iličić (A), 78′ Zapata (A).
AMMONITI: 2′ Missiroli (S), 11′ Valoti (S), 12′ Hateboer (A), 28′ Paloschi (S).

[Foto da www.ansa.it]