La SPAL ferma subito la rincorsa Ranieri: Roma battuta 2-1

0

Alla seconda partita subito sconfitta per Claudio Ranieri: la Roma perde 2-1 al Paolo Mazza di Ferrara contro un’ottima SPAL.

La SPAL fa il bis. Due su due per i biancazzurri contro la Roma, dopo lo 0-2 dell’andata il 20 ottobre arriva quest’altro successo pesantissimo, stavolta per 2-1, che permette di allontanare nuovamente la zona salvezza, evitando di dover guardare con molta paura Torino-Bologna ed Empoli-Frosinone. Un risultato fondamentale conseguito grazie a un ottimo primo tempo, dove gli undici di Leonardo Semplici non hanno dato respiro alla Roma, e grazie a una ripresa di carattere, nella quale dopo aver subito il pari su rigore è arrivato il nuovo vantaggio anche lì dagli undici metri (su fallo discutibile ma non troppo da portare alla revisione VAR) e un’ultima mezz’ora in cui è stato determinante pure Emiliano Viviano, con una parata salva-risultato. La Roma aveva già rischiato tante volte nell’ultimo periodo, con prestazioni molto negative dove poi però era arrivata lo stesso la vittoria, stavolta non è riuscita a raddrizzarla nonostante Claudio Ranieri, come nel celebre derby di ritorno 2009-2010, sotto 1-0 avesse cambiato due giocatori nell’intervallo: lì erano stati Daniele De Rossi e Francesco Totti, qui Stephan El Shaarawy e l’invisibile Patrick Kluivert per Diego Perotti e Nicolò Zaniolo, le uniche note liete di casa giallorossa. Non è bastato nemmeno il modulo col doppio centravanti, un 4-4-2 con di fatto quattro attaccanti ma soprattutto Edin Džeko assieme a Patrik Schick, perché la Roma ha fatto acqua in difesa con Rick Karsdorp colpevole sull’1-0 e l’ennesimo danno stagionale di Juan Jesus a decretare un KO che pesa paradossalmente anche più di quello nel derby.

PRIMO TEMPO

Un quarto d’ora con più SPAL che Roma, poi al 17’ su punizione di Kurtić Bonifazi spizza di testa a lato, andando vicino a ripetere il gol dell’andata. Giallorossi con enormi difficoltà sulle palle aeree e così arriva il vantaggio, al 22’ Cionek crossa sul palo opposto, Mohamed Fares prende il tempo a un distratto Karsdorp e di testa beffa Olsen non certo incolpevole. È una SPAL con più risorse, poco dopo Petagna cambia gioco in maniera magistrale per Fares che tocca dietro da Kurtić, destro a lato ma altra occasione importante per i biancazzurri. La Roma si mette in mostra al 27’ per la prima volta, con un cross di Karsdorp per il colpo di testa alto di Schick, al 35’ Džeko va via a Cionek e col sinistro trova il primo tiro in porta ospite, respinto di piede da Viviano che due minuti dopo guarda un destro di El Shaarawy (liberato da un rinvio di Olsen) finire a lato alla sua sinistra. Il tempo si chiude con Schick che prova due volte il tiro, sulla prima non riesce a girare ma il pallone resta lì e sulla seconda chance trova una deviazione di Bonifazi, ma non viene dato l’angolo.

SECONDO TEMPO

Ranieri manda subito in campo Zaniolo e Perotti, cambiando i due esterni, e la mossa serve subito: al 53’ discesa del primo e filtrante per Džeko spinto via da Cionek, è calcio di rigore abbastanza evidente e lo trasforma proprio Diego Perotti, che spiazza Viviano. Battuta dagli undici metri da una parte e pure dall’altra, tempo cinque minuti e su altra verticalizzazione Petagna arriva prima di Juan Jesus e viene contrastato da Juan Jesus in maniera giudicata fallosa da Rocchi, ci vuole un po’ per confermare il rigore ma alla fine il VAR Giacomelli acconsente e dal dischetto proprio Andrea Petagna realizza nonostante Olsen intuisca. Passa un minuto e su cross di Fares Petagna di testa manda alto di poco, al 73’ si rivede la Roma con un lancio dalle retrovie per Džeko, bravissimo a prendere posizione su Bonifazi e liberarsi per il destro trovando però un sensazionale Viviano. La SPAL va vicinissima al tris, al 79’ Missiroli di prima mette una palla invitantissima sul secondo palo che taglia ancora fuori la difesa della Roma, Cionek solissimo colpisce di testa e scheggia la parte alta della traversa. Nel quarto dei sei minuti di recupero Cristante raccoglie un rimpallo e spara alto, sull’ultima occasione Perotti liberato da Nzonzi crossa teso e Džeko non riesce per pochissimo a impattare di testa nell’area piccola.

Al 97′ il Paolo Mazza può finalmente festeggiare, per una vittoria che in casa la SPAL non vedeva addirittura dal 17 settembre (2-0 all’Atalanta, in generale era arrivato appena un punto nelle ultime quattro giornate), i biancazzurri così tornano a +5 sul Bologna in attesa del match dei rossoblù col Torino di stasera e dopo la sosta ci sarà lo scontro diretto col Frosinone. La Roma perde nella giornata in cui doveva assolutamente fare risultato, visto il derby Milan-Inter di domani, e ora rischia di andare alla pausa raggiunta da Atalanta e Torino, per giunta alla vigilia del match col Napoli quando riprenderà il campionato.

SPAL-ROMA 2-1 – IL TABELLINO

SPAL (3-5-2): Viviano; Cionek, Vicari, Bonifazi; Lazzari (77’ Regini), Murgia (84’ Šimić), Missiroli, Kurtić (80’ Schiattarella), Fares; Antenucci, Petagna. Allenatore: Semplici
Roma (4-4-2): Olsen; Karsdorp (80’ Santon), Fazio, Marcano, Juan Jesus; Kluivert (46’ Zaniolo), Cristante, Nzonzi, El Shaarawy (46’ Perotti); Schick, Džeko. Allenatore: Ranieri
Arbitro: Gianluca Rocchi della sezione di Firenze (Di Liberatore – Tolfo; Nasca; VAR Giacomelli; A. VAR Ranghetti)
Reti: 22’ Fares, 53’ rig. Perotti (R), 60’ rig. Petagna
Ammoniti: Vicari, Cionek, Fares, Missiroli (S), Nzonzi, Džeko, Juan Jesus, Perotti, Cristante (R)

[Immagine presa da twitter.com]