La riscossa del Bologna: due a zero al Cagliari e salvezza ancora aperta

0

Un rigore di Pulgar e il sinistro di Soriano tengono viva la corsa salvezza: tre punti fondamentali per il Bologna e crollo per il Cagliari, oggi non bene.

Mihajlović sorprende lasciando in panchina Poli, Soriano viene arretrato nei tre di centrocampo e trazione anteriore totale con Palacio, Santander e Sansone; Maran non lascia la strada che ha portato al trionfo con l’Inter, cambia solo a centrocampo dove gli squalificati Cigarini e Faragò lasciano spazio a Bradarić e a Padoin.

PRIMO TEMPO

Parte meglio il Cagliari ma la prima chance è del Bologna quando Dijks furoreggia sulla sinistra, mette in mezzo un pallone su cui arriva Santander ma anche Cragno che ferma tutto; la squadra di Mihajlović cresce coi minuti, arriva più volte in zona goal e Cragno è continuamente sotto pressione, spesso con interventi da libero vecchia scuola come quello su Santander poco dopo il quarto d’ora che costringe El Ropero al cambio, al suo posto Orsolini con Palacio che si sposta al centro. Senza la sua boa, Il Bologna fa più fatica in uscita e, al minuto ventisette, Pellegrini è bravissimo a rubare palla e ad armare Barella, potente il suo destro ma Skorupski è attento; il primo check point della partita arriva poco dopo la mezz’ora: il cross di Orsolini prende il gomito di Bradarić e Irrati fischia il rigore, Pulgar spiazza Cragno e il Bologna rompe in due il match. Dijks è un uomo in più per la fase offensiva di Mihajlović ma, rovescio della medaglia, lo è in meno in difesa: dalla sua fascia arrivano tutte le azioni più pericolose del Cagliari, come quella che porta Srna al cross e João Pedro al colpo di testa in corsa, Skorupski non ci arriva ma la traversa salva lui e il Bologna che chiude il primo tempo in vantaggio.

SECONDO TEMPO

Maran rischia qualcosa già dall’intervallo, con Padoin richiamato in panchina per Despodov, ma è la deviazione di João Pedro sul destro di Palacio a lasciare il Cagliari in partita; il cambio non accende il Cagliari, che rischia ancora con il sinistro impreciso di Džemaili e con il colpo di testa alto di Danilo ma, nelle situazioni di difficoltà, la squadra di Maran si affida sempre al gioco aereo: quattro cross di fila al minuto sessantadue, sull’ultimo si fionda ancora João Pedro ma è sempre Skorupski a dirgli di no con un intervento incredibile; Cragno però non è da meno e poco dopo salva tutto su Orsolini, ultimo a toccare il pallone di un incredibile contropiede in tre contro uno, e su Sansone, bravo a trovare il tiro ma meno a dare potenza. Il Cagliari si gioca tutto con Théréau per Bradarić, ma il centrocampo va in difficoltà e, a un quarto d’ora dalla fine, il Bologna archivia la pratica: protagonisti i due nuovi acquisti Sansone e Soriano, sinistro vincente dell’ex Toro e due a zero che stende la squadra di Maran. L’ingresso di Birsa non riesce a dare un senso al finale di partita e il Bologna si riprende le sue chances per la salvezza; il Cagliari invece fa tanti passi indietro dopo lo show con l’Inter e ancora deve sudare per mantenere la Serie A.

TABELLINO

BOLOGNA (4-3-3): Skorupski – Mbaye, Danilo, Lyanco, Dijks – Džemaili, Pulgar, Soriano – Palacio (84′ Falcinelli), Santander (21′ Orsolini), Sansone (83′ Svanberg). Allenatore: Mihajlović.
CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno – Srna, Ceppitelli, Pisacane, Pellegrini – Padoin (46′ Despodov), Bradarić (69′ Théréau), Ioniţă – Barella – Pavoletti, João Pedro (82′ Birsa). Allenatore: Maran.
ARBITRO: Massimiliano Irrati di Pistoia.
GOAL: 33′ rig. Pulgar (B), 76′ Soriano (B).
AMMONITI: 49′ Bradarić (C), 50′ Barella (C), 50′ Džemaili (B), 56′ Srna (C), 69′ Pellegrini (C).

[Foto da www.gazzetta.it]