Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus

La Juventus batte senza problemi il Crotone e vince il sesto scudetto consecutivo entrando nella leggenda del calcio italiano. 3-0 con le reti di Mandžukić, Dybala e Alex Sandro. 

Tutto secondo i piani. La Juventus batte il Crotone e riscrive la storia del calcio italiano, diventando la prima squadra a vincere il campionato per sei stagioni di fila (da record anche i tre double consecutivi Scudetto-Coppa Italia). La partita è senza storia e finisce 3-0, nonostante le arrabbiature di Allegri per qualche deconcentrazione di troppo, più che lecita in una giornata così storica. Il Crotone perde ma è ancora vivo per la concomitante sconfitta dell’Empoli, ed è commovente la scena della squadra calabrese in cerchio sul campo a fine partita, per caricarsi in vista dell’ultima fondamentale giornata.

PRIMO TEMPO

Parte bene la Juventus, tenendo palla con buona tecnica e cercando il varco giusto per colpire. Al 7′ primo sussulto dello Stadium sulla punizione di poco fuori di Pjanić, al 12′ arriva il vantaggio. Nel giorno del suo compleanno, Mario Mandžukić segna il gol che apre la partita spingendo in rete un cross tagliato dalla destra da parte di Cuadrado. La Juventus si conferma spietata nei primi tempi, a maggior ragione oggi dove segnare subito era fondamentale. I primi 25′ bianconeri sono spettacolari, la squadra di Allegri mostra un grande calcio, fatto di passaggi di prima, controlli perfetti, idee di gioco interessanti. Al 22′ Higuaín prova a sfruttare un velo di Dybala ma il suo tiro viene ribattuto, l’intesa fra i due argentini è comunque impressionante. Nella parte centrale del primo tempo la Juve si distrae, è meno cattiva e meno equilibrata, Allegri si arrabbia molto anche se il Crotone non crea alcun pericolo, pur giocando degnamente. Al 38′ ci pensa Paulo Dybala a tranquillizzare il suo allenatore: la Joya pesca il jolly dal mazzo, piazzando un calcio di punizione da posizione defilata sotto l’incrocio dei pali, con Cordaz immobile e quasi contemplatore della bellezza del gesto. Nel finale primo squillo del Crotone, tiro di Falcinelli da fuori area deviato pericolosamente da Bonucci, palla a fil di palo.

SECONDO TEMPO

La ripresa è pura formalità, la Juventus cerca con insistenza il terzo gol fin da subito, dopo 30 secondi Cuadrado lo sfiora trovando la risposta in angolo di Cordaz. Al 75′ occasionissima per Pjanić che tira di poco fuori un pallone controllato col tacco da Higuaín, mentre all’83’ arriva il definitivo 3-0: il gol-Scudetto lo firma Alex Sandro, colpo di testa deviato da Cordaz sulla traversa interna con la palla che rimbalza oltre la linea di porta (Goal line Technology necessaria in questo caso).

IL TABELLINO

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Bonucci, Benatia, Alex Sandro; Pjanić (83′ Rincón), Marchisio; Cuadrado (70′ Barzagli) Dybala, Mandžukić; Higuaín. Allenatore: Massimiliano Allegri
Crotone (4-4-2): Cordaz; Rosi (33′ Sampirisi) Ferrari, Ceccherini, Martella; Rohden (78′ Acosty), Crisetig, Barberis, Nalini; Falcinelli, Tonev (56′ Simy). Allenatore: Davide Nicola
Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni
Reti: 12′ Mandžukić, 38′ Dybala, 83′ Alex Sandro
Ammoniti: Dani Alves (J), Martella (C)

[Immagine presa da90min.com]