Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus

Al Manuzzi il Napoli cala il poker e risponde alla Lazio nella corsa Champions. Protagonisti Higuaín e un ritrovato Hamsik.

 

Alla prima del 2015 e dopo la conquista della Supercoppa, Benítez non stravolge la sua squadra: con Ghoulam in Coppa d’Africa, Strinic non ancora pronto e Zúñiga dato ormai per disperso, lo Spagnolo ripropone Britos largo a sinistra, con Henrique titolare al centro con Albiol; davanti i tre tenori confermati al loro posto con De Guzmán preferito a Mertens sulla sinistra, aspettando Gabbiadini, oggi squalificato. Di Carlo si fida ancora del 3-5-1-1, con Brienza in appoggio a Hugo Almeida. Prima del via, minuto di silenzio per ricordare Pino Daniele, simbolo della cultura napoletana e non solo, scomparso l’altra notte.

Subito grande pressione del Napoli ma la prima vera occasione arriva al 14′ ed è per il Cesena: cross da sinistra di Mazzotta, incornata di Brienza e gran risposta di Rafael. I Romagnoli prendono coraggio, Valzania ci prova da fuori al 18′ ma non centra la porta. Al 27′ ancora Valzania che stavolta prova a vestire i panni di assist-man, ma il lancio perfetto per Almeida non viene convertito dal Portoghese che colpisce bene di testa ma in bocca a Rafael. Passa un minuto e Callejón trasforma una super mischia in un tiro in porta, il primo del Napoli, e buca Leali per il vantaggio dei Partenopei. Al 37′ episodio dubbio in area del Cesena con Capelli che sposta il pallone con il braccio ma il Napoli porta a casa solo un giallo a Gargano per un fallo su Giorgi subito dopo. Tre minuti dopo Hamsik lancia Higuaín che scappa dietro la difesa, aggira Leali e appoggia lo 0-2, con Lucchini che, nel tentativo disperato di salvataggio, si schianta contro il palo rischiando seriamente di compromettere gambe e non solo. Sul finale Hamsik cerca di coronare un gran primo tempo con un super goal dalla distanza ma il tiro si spegne a lato.

Costretto a uscire, Lucchini lascia spazio a inizio ripresa a Rodríguez, trasformando così il Cesena in un 4-3-1-2. Nel primo affondo è ancora Valzania a provarci, con Britos che si immola e salva la porta di Rafael. Poi un minuto dopo è Maggio a deviare in corner un gran tiro di Brienza. Sulla prima ripartenza del Napoli è Leali a respingere il tiro di Higuaín, per un secondo tempo cominciato subito a mille all’ora. Al 56′ Brienza e Rodríguez si divorano un’occasione colossale, ma sembra comunque che con l’ingresso dello Spagnolo il Cesena sia nettamente più pericoloso davanti. Il problema però è nel reparto arretrato, infatti al 63′ il Napoli riparte, Higuaín serve Hamsik e lo Slovacco calcia in porta pallone e Capelli, probabilmente autore del goal nella propria porta col pallone diretto fuori, per il tris azzurro. Il Napoli ora non si ferma più e le azioni in contropiede corrono una dietro l’altra. Al minuto 71 arriva pure il poker, ancora col Pipita, che con una finta manda al bar tutta la difesa e con un bel diagonale fa centro. Il goal del Cesena arriva a un quarto d’ora dalla fine ed è un gran bel goal: punizione scodellata in mezzo da Zé Eduardo e Brienza calcia fortissimo al volo all’angolino lasciando immobile Rafael. La partita si chiude sul gran destro di Mertens, fuori non di poco: il Napoli risponde alla Lazio nella corsa al terzo posto, approfittando dei capitomboli delle altre per tentare la fuga, proprio assieme ai biancocelesti. Sempre imprescindibile Higuaín, ma il protagonista di giornata sembra essere Hamsik, oggi sui livelli di inizio decennio dopo anni di luci e ombre, ponendo ottimi presupposti per il nuovo anno, suo e del Napoli.

TABELLINO
CESENA (3-5-1-1): Leali – Capelli, Lucchini (46′ Rodríguez), Magnusson – Giorgi, Valzania (78′ Volta), Zé Eduardo, Cascione (69′ Carbonero), Mazzotta – Brienza – Almeida. All. Di Carlo.
NAPOLI (4-2-3-1): Rafael – Maggio, Albiol, Henrique, Britos – Gargano (66′ Jorginho), López – Callejón (83′ Radosevic), Hamsik, De Guzmán (62′ Mertens) – Higuaín. All. Benítez.

AMMONITI: Gargano 37′ (N), Henrique 52′ (N), Capelli 60′ (C), Zé Eduardo 82′ (C).

GOAL: Callejón 28′ (N), Higuaín 40′ (N), Capelli [A] 63′ (N), Higuaín 71′ (N), Brienza 74′ (C).

[Foto da www.sportmediaset.it]