Il Bologna non si ferma più: 2-3 al Torino che frena la corsa verso l’Europa

0

Una prestazione super del Bologna di Mihajlović che supera il Torino e firma la seconda vittoria consecutiva, tre punti fondamentali nella corsa salvezza.

Nella sfida dei tantissimi ex, Mazzarri lascia ancora fuori Iago Falque, irrobustisce il centrocampo con un uomo in più e davanti conferma la coppia pesante formata da Zaza e da Belotti; Mihajlović conferma in blocco la formazione che ha battuto il Cagliari, il solo cambio è quello dell’infortunato Santander, al suo posto Palacio al centro e Orsolini sulla fascia destra.

PRIMO TEMPO

I ritmi sono supersonici sin dai primi secondi: tempo due minuti e c’è prima un contatto sospetto in area rossoblù tra Danilo e Belotti e poi un goal annullato a Palacio che, sul tiro in porta, beffa Sirigu ma il portiere granata è disturbato da Lyanco in posizione di off side; altri tre minuti e il Toro affonda: prima Belotti si divora il vantaggio mandando in curva un tap in praticamente impossibile da sbagliare, poi il goal granata arriva con un tiro da fuori di Ansaldi, dopo uno schema perfetto da calcio d’angolo, ma la deviazione decisiva di Pulgar spiazza in maniera netta Skorupski. Il Bologna reagisce, Orsolini calcia da ottima posizione dopo una serie di rimpalli ma Sirigu gli sbarra la strada verso il pari. L’infortunio di Džemaili sembra piegare le gambe al Bologna, ma Poli che entra al suo posto è invece quello che riapre tutto: Palacio si libera e arriva al cross dal lato destro, l’ex Doria arriva sul secondo palo, salta sopra Ansaldi e di testa fa uno a uno; per lui terzo goal in stagione, tutti in trasferta. Il Toro si schiaccia e il Bologna ne approfitta: prima N’Koulou salva la sua porta di testa sulla sassata di Sansone poi, sul corner, Meïté ci mette la mano anzichè la testa e Mariani, richiamato dal VAR, fischia il rigore che Pulgar trasforma capovolgendo il risultato e riscattando l’autogoal di inizio gara; secondo rigore in due partite trasformato dal Cileno dopo che, per ventisei giornate, il Bologna mai era finito a tirare dal dischetto. La squadra di Mazzarri ci prova con poca convinzione e si va all’intervallo con il Bologna avanti in rimonta.

SECONDO TEMPO

Il Torino riparte con tutto il vigore del caso, attiva la sua trazione anteriore ma il più pericoloso è Rincón che da fuori chiama in causa Skorupski; il Bologna si difende con ordine, riparte appena può e, quando lo fa, sono disastri nella metà campo del Torino: Palacio è devastante quando si allarga sulla sinistra, fa saltare tutta la difesa e mette un pallone dolcissimo per Sansone che di testa farebbe il terzo per il Bologna ma, dopo tre minuti e oltre di VAR, si scopre che la spalla dell’ex Villarreal è avanti di pochi centimetri ma sufficienti per annullare il goal. Il Torino dovrebbe reagire e sfruttare il contraccolpo positivo ma perde un altro brutto pallone a centrocampo, ripartenza da 4×100 jamaicana per il Bologna con il solito Palacio che arma Orsolini, tocco sotto le gambe di Sirigu e il tris stavolta è buonissimo. Mazzarri prova a svegliare i suoi, Izzo di testa non trova il bersaglio mentre Belotti trova solo le gambe di Skorupski in uscita, dopo un controllo di gran classe sul lancio di Ansaldi; ai granata resta solo l’artiglieria pesante sotto forma di palloni alti e di tiri da fuori, come quello del neo entrato Berenguer che sibila sopra la traversa di Skorupski, ma gli uomini di Mazzarri sono completamente in crisi e senza idee. Una mano gliela dà l’ex Lyanco a tre dalla fine che si prende scioccamente il secondo giallo; passa un minuto e l’inerzia si rovescia: su una palla lunga Izzo la prende di testa, Skorupski fa un erroraccio facendosela scappare e la partita è spalancata a due dalla fine più sei di recupero. Il Bologna è sotto assedio, Iago Falque calcia con furbizia una punizione ma Skorupski stavolta è bravo a bloccare a terra, poi Ola Aina rovina tutto facendosi cacciare e scrivendo la parola fine alle prove di controrimonta granata.

TABELLINO

TORINO (3-5-2): Sirigu – Izzo, N’Koulou, Djidji (71′ Berenguer) – Ansaldi, Baselli (54′ Falque), Rincón, Meïté (76′ Lukić), Aina – Zaza, Belotti. Allenatore: Mazzarri.
BOLOGNA (4-3-3): Skorupski – Mbaye, Danilo, Lyanco, Dijks – Džemaili (21′ Poli), Pulgar, Soriano – Orsolini (85′ Mattiello), Palacio, Sansone (81′ Svanberg). Allenatore: Mihajlović.
ARBITRO: Maurizio Mariani di Aprilia.
GOAL: 5′ aut. Pulgar (T), 28′ Poli (B), 33′ rig. Pulgar (B), 64′ Orsolini (B), 88′ Izzo (T).
AMMONITI: 10′ Baselli (T), 40′ Soriano (B), 49′ Sansone (B), 55′ Lyanco (B), 74′ N’Koulou (T), 91′ Aina (T), 94′ Berenguer (T).
ESPULSI: 87′ Lyanco (B), 91′ Aina (T).

[Foto da www.ansa.it]