Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
El Pipita dà la Champions League agli azzurri dopo tre anni. Il Napoli finisce la stagione chiudendo al secondo posto con 82 punti, si supera anche il record di Mazzarri della stagione 2012/13.

 

C'è stata un'aria di tensione, sospiri e mille pensieri tra la gente di Napoli. 60.000 al San Paolo, per vedere cosa? Il Napoli che ritorna in Champions? È scontato, l'avversario è il Frosinone, già retrocesso ma senza nulla che gli vieti di fare un'ultima partita d'orgoglio. La paura è questa, di un catenaccio massiccio per portare via un pareggio da Fuorigrotta mettendo anche il pullman davanti alla porta. Ma no, il pubblico è fiducioso, il pubblico aspetta Gonzalo Higuaín che supera un record diventato leggendario. Campioni come Maradona, Platini, Rummenigge o Gullit non sono riusciti nell'impresa, ma lui si. Un argentino che eguaglia un tabù durato così tanto, significativo per questo popolo e il Napoli stesso. Serata che nessuno dimenticherà e, anche se il Napoli chiude con zero titoli, Maurizio Sarri ha fatto comunque un gran lavoro, rendendo orgogliosa questa squadra che con Benítez era calata nel finale l'anno scorso vedendo sfumare la Champions.

PRIMO TEMPO

Il Napoli vuole e deve vincere, la Roma a Milano conduce la partita e il Frosinone non ne vuole sapere di fare sconti. Gli azzurri pressano, Sarri vuole spingere in avanti i suoi e gli ospiti sono molto fallosi, tanto da rimediare un espulsione al quarto d'ora con Mirko Gori. Ma al 44' Ghoulam sulla fascia mette in mezzo, Higuaín fa velo sporcato da un rimpallo di Blanchard, Marek Hamšík ne approfitta e con un piatto destro la mette dentro siglando il liberatorio gol dell'uno a zero che manda le squadre all'intervallo.

SECONDO TEMPO

Un secondo tempo che nessuno dimenticherà. Inizio della ripresa, Allan riceve palla, percussione in area superando due uomini, palla d'oro messa in mezzo per Gonzalo Higuaín, semplice tocco e  arriva il raddoppio e trentaquattresimo gol per lui, primo passo verso la gloria. Il Frosinone non risponde, inerme davanti a un campione qual è Higuaín e ancora lui colpisce, al 56'. Hysaj gran pallone in mezzo, Gonzalo Higuaín sulla linea del fuorigioco (forse leggermente avanti) con un destro secco la mette dentro e raggiunge Gunnar Nordahl. Ma destino vuole che il trentaseiesimo sia un gol spettacolare: al 71', Mertens affonda verso l'area, suggerisce con un cross Gonzalo Higuaín, stop di petto e fantastica rovesciata che spiazza tutto e tutti. Gran bolgia, tutti in piedi ad ammirare e rispettare un campione come lui, che mette a segno un record che in molti ritenevano irraggiungibile.

Finisce qua, record eguagliato dopo sessantasei anni, il Napoli ritorna in Champions League dopo tre anni di assenza. Tutti a far festa, Sarri gioisce e De Laurentiis annuncia il primo nuovo acquisto (Lorenzo Tonelli dell'Empoli), ma la copertina è giustamente tutta per il Pipita.

(immagine presa da www.spordmediaset.it)