Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Insigne Mertens Hamšík Bologna-Napoli

La miglior versione stagionale del Napoli schianta il Bologna con un punteggio clamoroso: al Dall’Ara finisce 1-7 con le triplette di Marek Hamšík e Dries Mertens, nonostante l’espulsione di José Callejón nel corso del primo tempo.

Dopo il pareggio beffardo contro il Palermo, Maurizio Sarri vuole i tre punti per allungare sull’Inter e sperare in un altro scivolone della Roma, impegnata martedì sera contro la Fiorentina. Napoli che si presenta di tutt’altro livello, Bologna inerme, fa pochissimo e incassa ben sette reti. C’è una furia belga in campo, si chiama Dries Mertens e raggiunge le venti reti stagionali, di cui in campionato, momentaneo capocannoniere e tripletta personale. Insieme a lui però c’è anche il capitano indiscusso Marek Hamšík, che a poco a poco sta raggiungendo colui che vestì la numero 10 in azzurro, Diego Armando Maradona, come numero di gol totali. Serata dolcissima, domenica scorsa è già dimenticata, arriva anche il ritorno fra i convocati di Arkadiusz Milik che però non entra.

PRIMO TEMPO

Senza giri di chiacchiere, dopo il fischio d’inizio il Napoli impone la sua legge. Manovra azzurra che vede Callejón sulla destra, alza la testa e scova Marek Hamšík, cross lungo ben preciso per lo slovacco, il capitano si tuffa e con la cresta sigla il primo gol della serata. Bologna che è rimasto negli spogliatoi, ancora Napoli, l’azione comincia da un rinvio lungo con le mani di Reina, Zieliński vede e serve Lorenzo Insigne con un filtrante alto chirurgico, solo davanti a Mirante con il piatto destro raddoppia. Al 26′ arriva un rigore per i padroni di casa, nel mucchio Callejón tocca con il braccio, l’addizionale Damato se ne accorge e lo segnala a Damato che indica il dischetto. Tenta di trasformarlo Mattia Destro, Reina intuisce il tiro debole e para, bloccando una possibile rimonta. Intervento provvidenziale dello spagnolo, ma subito dopo Callejón si fa espellere col rosso diretto (era stato graziato sul rigore con il giallo) per un fallo di reazione. La regola del gol mangiato, gol subito si attua, poco dopo Masina commette fallo su Dries Mertens e viene espulso pure lui, il belga su punizione con un destro a giro perfetto nel sette porta il Napoli sullo 0-3. Arriva anche il gol del Bologna, al 36′ Krejčí riceve da un compagno, in mezzo all’area azzurra salta più di tutti, Reina para di nuovo ma non trattienee Vasilis Torosidis facilmente sigla l’1-3. Prima dello scadere Dries Mertens con classe affonda in area, salta tutti, pure Mirante e con un sinistro leggero mette il poker. Primo tempo da vera PlayStation.

SECONDO TEMPO

Non cambia proprio nulla, è sempre il Bologna che subisce. Il gioco subisce un piccolo rallentamento ma al 55′, Insigne filtrante per Mertens ma quest’ultimo si trova in fuorigioco, non Hamšík che approfitta della bella palla suggerita e a tu per tu con Mirante manda a lato. Poco dopo lo slovacco vuole rifarsi, azione tutta sua, affonda in area, Marek Hamšík con un destro a giro ben angolato spiazza Mirante e questa volta, il full lo cala. Al 74′, ancora Napoli, ancora Marek Hamšík che da fuori area con un destro potente fa volare Mirante, che non ci arriva e subisce anche il sesto gol. Manca la ciliegina sulla torta, manca il settimo gol e ci pensa sempre lui, il belga che raggiunge la quota di venti gol stagionali. Dries Mertens, al termine di una serie di passaggi corti con Hamšík, taglia la difesa e si ritrova di nuovo da solo contro il portiere (stavolta è da Costa), destro e sono sette.

Triplice fischio, l’agonia del Bologna si conclude senza recupero. Il Napoli sale a quarantotto punti, temporaneamente secondo, a -3 della Juventus che riceverà l’Inter. Nota dolente della serata azzurra sono le molteplici squalifiche, Sarri dovrà fare a meno di Callejón e Hysaj contro il Genoa venerdì prossimo.

[Immagine presa da corrieredellosport.it]