È un Napoli “Real”: Higuain e Callejón stendono l’Atalanta

0
L’Atalanta regge solo un tempo all’onda azzurra del Napoli che nel secondo tempo rompe il muro nerazzurro. Di Higuain (26’st) e Callejon (36′ st) le reti decisive del match. Gran prova d’autore del Pipita, così come l’ottimo ingresso di Hamsik, inizialmente in panchina. Per l’Atalanta, espulso Cigarini per doppia ammonizione.

 
Rafa Benitez avrà guardato con occhi attenti ed interessati il derby d’Italia tra Inter e Juventus. Un pareggio, tra Mazzarri e Conte, che  permette al Napoli di poter andare in testa alla classifica in solitaria. Per una notte almeno. Come si suol dire, tra i due litiganti il terzo gode. E che goduria avrà avuto il San Paolo, questa sera, per il successo contro l’Atalanta, e per il primato solitario. Un successo maturato, ancora una volta, dai due grandi acquisti del calciomercato partenopeo: Higuain e Callejon
PRIMO TEMPO
A parole Benitez si dice concentrato solo sulla partita più vicina, in questo caso l’Atalanta. Nei fatti l’allenatore spagnolo attua un ampio turnover  in vista della prima sfida di Champions della stagione, contro il Borussia. A riposo quindi il “bomber” Hamsik, insieme a Maggio e Callejon. Al debutto, il giovane Mertens, insieme a Pandev, Insigne e ovviamente Higuain. L’Atalanta è un muro. La squadra di Colantuono attua le barricate, pur di fermare la strapotenza offensiva del Napoli. Le occasioni migliori di questo primo tempo le ha Pandev, ma le spreca entrambe. Higuain viene poco assistito e tutta la squadra non sembra in giornata. Merito anche dell’Atalanta che, sebbene non punga, in difesa gioca una partita attenta ed ordinata, imbrigliando per bene la matassa del Napoli.
SECONDO TEMPO
Per la prima metà della ripresa,  il discorso non cambia. Fino all’ingresso di Hamsik al 71′. Azione personale dello slovacco, palla servita ad Higuain che col piattone destro, infila Consigli e porta in vantaggio il Napoli. L’Atalanta deve assolutamente recuperare e decide quindi di spingersi in avanti. Nella foga agonistica però, il metronomo della Dea, Cigarini, incappa nel secondo giallo della serata, lasciando i suoi compagni in 10. Il colpo del KO arriva da Callejon, l’altro ex Real, che segue benissimo l’azione azzurra, rifinita da un geniale colpo di tacco smarcante di Dzemaili che mette sui piedi dello spagnolo il gol del 2-0.
Il match non racconta più nulla e si conclude con l’epilogo più scontato. Napoli che vince e convince con l’ingresso in campo delle prime linee, delude invece nel primo tempo con i panchinari. Benitez dovrà far rendere al massimo tutti i suoi effettivi se vuole competere al massimo in entrambe le competizioni. Ma intanto, Don Rafè può sicuramente essere soddisfatto di questo grande inizio campionato del Napoli. 9 gol fatti e solo 2 subiti in 3 gare. ma soprattutto, punteggio pieno e tanto bel gioco a deliziare il palato dei tifosi napoletani. la testa adesso, è tutta al Borussia Dortmund. Altra partita da non sbagliare.
IL TABELLINO
NAPOLI-ATALANTA 2-0
Napoli (4-2-3-1): Reina; Mesto, Albiol, Cannavaro, Armero; Dzemaili (40′ st Radosevic ), Inler; Insigne, Pandev (20′ st Hamsik), Mertens (14′ st Callejon); Higuain
A disp.: Rafael, Colombo, Britos, Maggio, Fernandez, Zuniga, Behrami, Zapata. All.: Benitez
Atalanta (3-5-1-1): Consigli; Stendardo  (34′ st Livaja), Yepes, Lucchini; Raimondi, Baselli, Cigarini, Carmona, Del Grosso (20′ st Brivio); Bonaventura (14′ st Moralez); Denis
A disp.: Polito, Nica, Kone, Canini, Migliaccio, Gargliardini, De Luca, Marilungo, Brienza. All.: Colantuono 5,5
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 26′ st Higuain, 36′ st Callejon
Ammoniti: Cigarini (A); Callejon (N)
Espulsi: Cigarini al 28′ st – doppia ammonizione per gioco scorretto