Cristiano Ronaldo riprende l’eurogol di Nainggolan, Inter-Juventus 1-1

0

Un tempo a testa nel derby d’Italia: la Juventus, pur essendo già campione, dopo un primo tempo dominato dall’Inter con gol favoloso di Radja Nainggolan si sveglia e pareggia con Cristiano Ronaldo.

Un tempo a testa, come in Inter-Roma di sabato scorso. Per l’Inter è un punto che serve per avvicinare, seppur a passo lento, l’obiettivo Champions League, per la Juventus la dimostrazione di avere ancora fame pur avendo vinto lo scudetto da una settimana. Prima metà di derby d’Italia decisamente di marca nerazzurra, con lo splendido gol di Radja Nainggolan ad aprire le marcature, ma l’errore che hanno commesso gli uomini di Luciano Spalletti è stato non costruire sul vantaggio lampo: così, pur avendo avuto diverse occasioni per raddoppiare (un paio clamorose), l’Inter è andata al riposo con uno striminzito 1-0. Un risultato del genere, anche con la Juventus già campione d’Italia e apparsa sonnecchiosa fino all’intervallo, è sempre da prendere con le molle e infatti nella ripresa i bianconeri sono scesi in campo con altro piglio, finché Massimiliano Allegri non ha buttato dentro un’altra punta e con Moise Kean (e il 4-2-4, dopo l’iniziale 3-5-2) è arrivato subito il pari, col gol numero seicento di Cristiano Ronaldo in carriera con le squadre di club. Se il portoghese non ha mancato l’appuntamento col cartellino da timbrare lo stesso non si può dire di Mauro Icardi: preferito a Lautaro Martínez ha avuto un’altra prestazione sottotono, e di questo passo sarà difficile per lui trovare acquirenti fra le big d’Europa. Juventus inclusa.

PRIMO TEMPO

Bonucci tira in porta da trenta metri dopo trentacinque secondi, Handanović blocca facile ma è l’Inter a gestire palla e comandare il gioco, segnando al 7’: su angolo respinto Politano anziché riproporre in mezzo tocca laterale per Radja Nainggolan, spettacolare destro al volo dai venti metri che piega la mano di Szczęsny. Secondo gol del belga alla Juventus, dopo quello nel 3-1 con la Roma del 14 maggio 2017. Ancora Inter al 12’, con Vecino che serve Icardi per un sinistro alzato da Szczęsny sopra la traversa, il portiere polacco fa un miracolo poco dopo su cross di Brozović per il colpo di testa del libero de Vrij a centro area, parando in due tempi. Squillo juventino al 18’ con un tocco di Cristiano Ronaldo per il sinistro potentissimo di Bernardeschi, alto di poco, poi ancora Inter e alla mezz’ora quasi arriva il raddoppio, con un corner rimpallato in area e tiro a botta sicura di Icardi murato da Matuidi a Szczęsny fuori casa.

SECONDO TEMPO

Allegri non cambia all’intervallo ma dopo quattro minuti sì, con Spinazzola per Alex Sandro che ha un problema all’inguine. È tutta un’altra Juventus, nonostante il segnale lo dia Perišić con un sinistro rasoterra dal limite che dà l’illusione del gol, e quando entra anche Kean per Matuidi il 4-2-4 dà subito i suoi frutti: Cristiano Ronaldo viene murato da de Vrij su tiro a centro area, ma un minuto dopo (62’) quando scambia con Pjanić il suo sinistro è letale, Handanović resta fermo. Pochi segnali di reazione dell’Inter, con il portiere sloveno che deve bloccare un tiro al volo di Pjanić, mentre Szczęsny evita il 2-1 su combinazione fra Icardi e Perišić con tiro del croato. Spalletti, con un po’ di ritardo, fa i cambi e servono a qualcosa: João Mário di destro impegna Szczęsny, Lautaro Martínez (per lo spento Icardi) di sinistro sfiora il colpaccio. L’occasione più grande è però della Juventus al 90’, con cross dalla destra per il debuttante Matheus Pereira da Silva che colpito dal rinvio di D’Ambrosio quasi segna senza volerlo: palla alta, finisce 1-1.

Secondo 1-1 consecutivo per l’Inter dopo quello con la Roma, che a seguito della vittoria sul Cagliari nel tardo pomeriggio di oggi si porta a -4. Per i nerazzurri ora un’altra bianconera, l’Udinese sempre di sabato sera, la Juventus invece torna allo Stadium e avrà il derby.

INTER-JUVENTUS 1-1 – IL TABELLINO

Inter (4-2-3-1): Handanović; D’Ambrosio, de Vrij, Škriniar, Asamoah; Vecino, Brozović; Politano (79′ João Mário), Nainggolan (74′ Borja Valero), Perišić; Icardi (82′ Martínez). Allenatore: Spalletti
Juventus (3-5-2): Szczęsny; Emre Can, Bonucci, Chiellini; João Cancelo, Cuadrado, Pjanić, Matuidi (60′ Kean), Alex Sandro (49′ Spinazzola); Bernardeschi (86′ Matheus Pereira), Cristiano Ronaldo. Allenatore: Allegri
Arbitro: Luca Banti della sezione di Livorno (Vuoto – Manganelli; Doveri; VAR Mazzoleni; A. VAR Ranghetti)
Reti: 7′ Nainggolan, 62′ Cristiano Ronaldo (J)
Ammoniti: Cuadrado, Chiellini, Kean (J), Perišić (I)

[Immagine presa da twitter.com]