Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus
Cristiano Ronaldo Torino-Juventus

Cristiano Ronaldo riposerà per la prima volta in questa Serie A. Il portoghese, sempre in campo nelle prime diciassette giornate di campionato (e sostituito prima del 90′ solo contro la Fiorentina) partirà almeno inizialmente dalla panchina domani in Atalanta-Juventus allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo (calcio d’inizio alle ore 15). Era già stato annunciato da Massimiliano Allegri di recente, dicendo che non sarebbe stato titolare in una delle ultime tre partite del 2018, ora si sa anche quale.

Queste le parole di Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, intervistato da Giovanni Guardalà per Sky Sport 24 alla vigilia di Atalanta-Juventus: «Gli infortunati? Molto semplice: abbiamo Blaise Matuidi che stanotte aveva 38.5 di febbre e quindi lo lasceremo a casa, rientrerà Sami Khedira già a disposizione e c’è possibilità che giochi, lo devo valutare. Riposerà uno dei due centrali, Federico Bernardeschi difficilmente verrà e quasi difficilmente resterà qui, Juan Guillermo Cuadrado e Andrea Barzagli sono fuori, gli altri stanno tutti bene e sono a disposizione, l’unico dubbio è Moise Kean che ieri aveva un affaticamento da sovraccarico di allenamento del giorno prima, quindi lo valuteremo oggi. Cristiano Ronaldo gioca? No, viene a disposizione in panchina con me, così per la prima volta guarderemo la partita insieme dalla panchina. Sono molto contento di quello che sta facendo, come tutti, peraltro leggevo un po’ di statistiche e quest’anno è la migliore annata come sua partenza a livello di gol e a livello di numeri, però lui bisogna averlo al top a marzo dove entrerà in ballo la Champions League, dove lui dovrà essere decisivo come tutti gli altri ma lui ancora di più per come lo è stato negli ultimi anni».