Candreva guarisce il mal di trasferta dell’Inter, 0-1 al Sassuolo

0

Dopo quasi tre mesi l’Inter torna a vincere in trasferta: a Reggio Emilia il Sassuolo è battuto 0-1 con un gol di Antonio Candreva al 47′, terza vittoria contando tutte le competizioni per la squadra di Stefano Pioli.

Era il 21 settembre, c’era ancora Frank de Boer in panchina e un’Inter lanciata dal successo di tre giorni prima sulla Juventus liquidò in circa un quarto d’ora la pratica Empoli. Lo 0-2 con doppietta di Mauro Icardi era stato l’ultimo successo in trasferta, illusione di un’annata positiva prima di una crisi nerissima avviata dal 3-1 di Praga e proseguita in tutte le altre uscite lontano dal Meazza, visto che l’unico punto era stato conseguito nel recupero del derby. Una vittoria sofferta e di nuovo senza subire gol, come la settimana scorsa contro il Genoa: forse Stefano Pioli inizia a intravedere qualcosa di buono, perché rispetto a sette giorni fa i suoi hanno subito molto meno (di fatto concesso un tiro in porta agli avversari nel secondo tempo) e pur non essendo riusciti ad avere un parziale rassicurante hanno tenuto il vantaggio conquistato all’alba della ripresa. Inter ancora non così soddisfacente nella prestazione ma solida come poche volte si era vista nel corso dell’anno solare, soprattutto in trasferta dove nelle precedenti diciannove uscite erano stati ben trentuno i gol subiti. Ha deciso Antonio Candreva, il migliore già dal primo tempo, l’ex Lazio è entrato in quattro delle cinque occasioni nitide prima dell’intervallo e poi ha trovato il tocco da tre punti al secondo minuto della ripresa, ribadendo in rete un tiro di João Mário respinto da Andrea Consigli, l’altro migliore in campo che ha evitato di rendere il passivo peggiore. Il Sassuolo, martoriato dagli infortuni, ha fatto il suo e non può certo prendersela con se stesso per l’ennesima sconfitta stagionale, oggettivamente di più i neroverdi non potevano fare in una situazione di estrema emergenza come quella che sta attraversando Eusebio Di Francesco ormai da diversi mesi.

PRIMO TEMPO

Dopo dieci minuti di studio la partita decolla, comincia Candreva con due tiri pericolosi da fuori in breve tempo, il primo respinto da Consigli e il secondo deviato col braccio da Acerbi sul palo. Il Sassuolo però non sta a guardare e crea più di un’occasione da gol, su buco di Murillo si invola Ragusa che però poi sbaglia il tocco per Ricci solissimo a centro area, dieci minuti dopo l’esterno sinistro dei neroverdi trova il varco centrale per Ricci ma il suo sinistro è alto. Al 28′ grossa chance per l’Inter, Candreva si gira e crossa per Icardi in leggero fuorigioco non ravvisato, colpo di testa sul palo opposto sul fondo di un niente a Consigli immobile. Una palla persa da Brozović innesca Sensi che verticalizza benissimo per Defrel, tocco in allungo col sinistro e Handanović deve compiere una parata non certo semplice, dall’altra parte numero di Candreva su Dell’Orco e fuga sulla fascia, assist arretrato per il tiro a botta sicura di Perišić respinto con un miracolo da Consigli, Inter anche sfortunata che al 41′ non trova la porta su tiro di Brozović per una deviazione in corner.

SECONDO TEMPO

Pressione dell’Inter subito premiata in avvio di ripresa. Palla persa banalmente da Antei a centrocampo, grande dribbling di João Mário al limite dell’area e sinistro a incrociare, Consigli respinge anche questo e il rimpallo su Icardi lo favorisce ma non può proprio evitare lo 0-1 sul destro potente di mezzo esterno di Antonio Candreva. Terzo gol in un mese per l’ex Lazio dopo quelli nel derby e alla Fiorentina, era già stato di gran lunga il più pericoloso nel primo tempo. Inter che si piazza stabilmente nella metà campo neroverde e Sassuolo che non riesce a uscire, Di Francesco prova a riequilibrare la situazione con un doppio cambio, dentro Matri e Missiroli e quest’ultimo serve un bel pallone a Sensi che calcia al volo, Handanović respinge. L’Inter ha un difetto: non chiude una partita che gestisce senza troppe difficoltà e tiene in equilibrio il risultato fino alla fine, anche troppo perché poi rischia quando, a sei minuti dal termine, Ragusa mette in mezzo e Miranda spazza sulla testa del nuovo entrato Iemmello che quasi pareggia senza rendersene conto. Nel finale per ben tre volte gli ospiti buttano via la palla del raddoppio in contropiede, prima Brozović calcia malamente dal limite a lato e poi soprattutto Perišić spara due volte addosso a Consigli (grave specialmente il secondo, con tanto spazio per piazzarla), ma nemmeno l’espulsione di Felipe Melo al 92′ per doppia ammonizione cambia la storia.

Prima vittoria esterna per Stefano Pioli da allenatore dell’Inter al quarto tentativo fra Serie A ed Europa League, i nerazzurri fanno un discreto balzo in avanti in classifica e ora chiuderanno il 2016 nella “solita” partita di Natale contro la Lazio (terza volta consecutiva che accade) di mercoledì sera. Non riesce il Sassuolo a confermare il risultato positivo di due settimane fa contro l’Empoli, gli emiliani prima delle feste andranno a Cagliari giovedì sera.

IL TABELLINO

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Antei, Acerbi, Dell’Orco; Pellegrini (60′ Missiroli), Sensi, Mazzitelli (77′ Iemmello); Ricci (60′ Matri), Defrel, Ragusa. Allenatore: Di Francesco
Inter (3-4-2-1): Handanović; D’Ambrosio, Miranda, Murillo; Candreva (91′ Gabigol), Brozović, Felipe Melo, Ansaldi; João Mário (69′ Banega), Perišić; Icardi. Allenatore: Pioli
Arbitro: Marco Di Bello della sezione di Brindisi (Marzaloni – Vivenzi; Peretti; Russo – Pinzani)
Rete: 47′ Candreva
Espulso: Felipe Melo (I) al 92′ per doppia ammonizione
Ammoniti: Missiroli (S), João Mário, Brozović (I)

[Immagine presa da corrieredellosport.it]