Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
In venti minuti gli undici di Donadoni hanno inginocchiato la squadra più in forma del campionato, cosa non vista in questa partita. Si sveglia tardi Higuaìn che sigla una doppietta in due minuti.

 
Sarri non ha potuto fare niente, la stanchezza è troppa e aggiungiamoci anche una giornata storta. Il Napoli ritorna a perdere. Si sa, mantenere il primo posto non è da tutti, 25 anni dopo gli azzurri ottengono il primato durato soltanto una settimana, cade a Bologna su un campo difficile insieme a Donadoni che ha saputo sfruttare al meglio le difficoltà dei partenopei, doppietta di Destro e gol di Rossettini hanno inciso ancora di più su questa nera Domenica. Napoli gioca benino ma non benissimo, tanti errori difensivi e a centrocampo, mal fraseggi e poca voglia, parliamoci chiaro, gli undici di Sarri non sono scesi in campo fino al 88′. Ci vuole un Higuaìn rabbioso che in due minuti dalla fine sigla una favolosa doppietta che fa tremare Donadoni e stadio, la forza arriva troppo tardi per sancire un pareggio, Mazzoleni triplice fischio e tutti a casa. Napoli ha perso si ma non dimentichiamo di ciò che ha fatto fino ad adesso, il lavoro di Sarri c’è, Higuaìn c’è, bisogna soltanto andare a testa bassa in avanti contando l’altro big match contro una Roma non del tutto brillante. Gli interisti prendono una rivincita per Lunedì scorso, ma consapevoli che siano solo a Dicembre. Gridare allo scudetto è troppo presto.
PRIMO TEMPO
Palese calo del Napoli già dal primo fischio di gara, Bologna fa tutt’altro mettendo continua pressione al Napoli. Primo segno lo vediamo al 7′, con Brienza su punizione buttandola con un sinistro a giro sul secondo palo, Reina vola per mandarla in corner. Botta risposta classico, Callejòn poco dopo, grazie un buon scambio con Insigne-Higuaìn che si gira quest’ultimo vedendo il compagno tutto solo, lo spagnolo tiro ad incrocio come fa lui di solito sulla sinistra, Mirante provvidenziale para col ginocchio e manda in corner. Il fattaccio però arriva ora, al 15′ con un lancio profondo del giovane Diawara per Mattia Destro disturbato di continuo da Albiol, stop di petto, si aggiusta il pallone con il sinistro e con il destro con il piatto spiazza Reina. Gran gol che fa esaltare il pubblico rossoblu, sospetto di fuorigioco ma Mazzoleni lascia proseguire. Napoli da dieci  partite consecutive non andava sotto. Non trova le forze per reagire, corner al 20′ per i padroni di casa, Brienza dal corner mette in mezzo, Luca Rossettini unico a saltare e a piena fronte da una forte frustata al pallone. 2-0, si vede un Napoli ”benitiziano”.  Al 35′ c’è il Napoli a provare, Higuaìn riceve palla nelle vie centrali, prova a tirare ma c’è Masina che blocca, pallone che va su Callejòn che si prepara a incrociare come prima, c’è un altro rimpallo che sorprende Mirante, smanacciando sul palo. Proprio così, questa parola è familiare da Lunedì, questa volta il Napoli e lui a subire la presenza dei pali. Duplice fischio e tutti a farsi una doccia calda, Sarri tenta di riaprire questa partita sperando in una buona e giusta strigliata.

SECONDO TEMPO
Inizia il secondo tempo, inizia male per il Napoli. Hamsìk vince un contrasto ma nell’intento calcia forte il pallone verso la difesa azzurra, Koulibaly legge male e lascia la copertura su Mattia Destro che ne approfitta l’ex Roma, angolato prova un forte destro spiazzando per la seconda volta Reina. Doppietta che mancava da molto per il giovane attaccante, Napoli vive una brutta giornata. Tutto il secondo tempo è molto calato con il ritmo rispetto al primo, per vedere che si ravvivano gli animi, bisogna aspettare l’88’ con Gonzalo Higuaìn, Insigne sulla destra prova finte su finte, cross chirurgico per il compagno, in mezzo a due difensori il pipita alza il piede e con un mezzo pallonetto spiazza Mirante. 3-1, Higuaìn segna il gol d’orgoglio, utile per la classifica marcatori. Ironia della sorte, poco dopo il primo gol arriva il secondo, ancora Gonzalo Higuaìn ricevendo da Hamsìk, di prima con un tocco supera Oikonomou e di destro pieno lancia un bel pallone nell’angolino basso del secondo palo. Che gol dell’argentino, mette paura ai bolognesi. Speranza però che non arriva, triplice fischio e il Napoli dopo Sassuolo, ritorna a perdere, Sarri non soddisfatto dell’andazzo del primo tempo, forza e cinismo arriva troppo tardi e ora, sotto con la Roma.

(Immagine presa da www.sportmediaset.it)

IL TABELLINO

BOLOGNA-NAPOLI 3-2
Bologna (4-3-3): Mirante 7,5; Rossettini 6,5, Oikonomou 6, Gastaldello 6, Masina 7; Brienza 6,5 (20′ st Brighi 6), Diawara 7 (47′ st Pulgar sv), Taider 5,5; Mounier 5,5, Destro 8, Rizzo 6 (29′ st Mbaye sv).
A disp.: Da Costa, Stojanovic, Morleo, Mbaye, Ferrari, Crisetig, Giaccherini, Donsah, Acquafresca.All.: Donadoni 7,5

Napoli (4-3-3): Reina 5; Hysaj 5 (18′ st Maggio 5,5), Albiol 5, Koulibaly 5, Ghoulam 6; Allan 6 (31′ st David Lopez sv), Jorginho 5,5, Hamsik 5,5; Callejon 6 (20′ st Mertens 6), Higuain 7, Insigne 5,5.
A disp.: Rafael, Gabriel, Strinic, Henrique, Chiriches, Chalobah, Valdifiori, El Kaddouri. All.: Sarri 5,5
Arbitro: Mazzoleni
Marcatori: 14′ pt Destro (B), 21′ pt Rossettini (B), 15′ st Destro (B), 42′ st Higuain (N), 45 st Higuain (N)
Ammoniti: Destro (B), Masina (B)
Espulsi: –