Bologna, l’ottava di Mihajlović arriva al 93′! Soriano stende la SPAL

0

Il Bologna vince in pieno recupero il derby emiliano e Siniša Mihajlović celebra con tre punti il suo rientro al Dall’Ara. La SPAL regge fino al 93’ complici le parate magnifiche di Etrit Berisha, poi crolla su un colpo di testa di Soriano.

Il Bologna fa festeggiare Siniša Mihajlović. Dopo l’estate più complicata della sua vita il tecnico serbo ha deciso di affrontare lo stesso le partite in panchina, anziché dall’ospedale, e i suoi giocatori ci stanno mettendo quel qualcosa in più per ripagarlo. Oggi i rossoblù hanno attaccato per tutta la partita nel derby emiliano con la SPAL, fermandosi più volte a un passo dal vantaggio per le tantissime parate di Etrit Berisha, ma al 93′ Roberto Soriano è riuscito a farsi perdonare per una traversa precedente con il colpo di testa decisivo per i tre punti. Ancora ottimi i felsinei, come da sei mesi a questa parte, e la presenza del tecnico continua a farsi sentire anche per il fatto che non c’è stato un attimo di sosta. La SPAL avrebbe dovuto ringraziare il suo portiere, se fosse riuscita a portare a Ferrara lo 0-0, perché fino all’85’ non ha mai tirato in porta e, oltre a Berisha, era stata graziata da un misterioso non fischio dell’arbitro Marco Di Bello, che non ha dato un rigore per un tocco di mano di Thiago Cionek pur rivisto al VAR (urge più di qualche chiarimento a livello regolamentare, è un inizio di stagione pessimo in tal senso). Il 4-3-3 del Bologna, con Riccardo Orsolini e Nicola Sansone spine nel fianco continue e Gary Medel subito lanciato titolare, continua a dare i suoi frutti: la sensazione è che questa squadra abbia tutta l’intenzione di proseguire sulla falsariga di un anno fa (e le vittorie di fila in casa lo confermano).

PRIMO TEMPO

La serie di parate decisive di Berisha comincia al 10’, quando mette in angolo una conclusione di Destro su bel contropiede orchestrato dal Bologna. Il portiere albanese è superato al 13’, su colpo di testa di destro, ma Vicari salva sulla linea. La SPAL si fa notare per la prima volta al 17’, con un sinistro di Kurtić sull’esterno della rete, poi però è soltanto Bologna con un gran destro di Poli dal limite (24’) che Berisha mette in angolo con un intervento strepitoso, dalla bandierina testa di Tomiyasu e palla a lato. Orsolini ingrana al 38’ e si presenta solo davanti al portiere ma gli calcia addosso, due minuti più tardi ci prova da fuori col sinistro senza inquadrare la porta.

SECONDO TEMPO

Nessun cambio, al 54’ cross invitante di Sansone e Soriano di testa in tuffo colpisce male e spedisce alto. Il Bologna recrimina poco dopo, Cionek tocca il pallone con la mano su iniziativa di Sansone, l’azione prosegue e l’ex Villarreal si ritrova davanti a Berisha, superato dal suo tocco ma Vicari ancora una volta quasi sulla linea evita l’1-0. L’arbitro Di Bello viene richiamato dal VAR, ma dopo aver rivisto le immagini assegna calcio d’angolo (aveva spazzato Igor). La pressione del Bologna diventa insistente, la SPAL si fa vedere solo al 63’ con un contropiede per Di Francesco che angola troppo il tiro solo davanti a Skorupski, mentre dall’altra parte Soriano si divora l’1-0 spedendo sulla traversa un gran suggerimento di Orsolini. Un minuto dopo è proprio quest’ultimo a concludere col sinistro trovando la solita risposta di Berisha, che fa un miracolo anche al 79’ su colpo di testa a botta sicura di Soriano a centro area (cross ovviamente di Orsolini) e un minuto dopo su mancino del numero 7, su traversone stavolta di Dijks. La SPAL non calcia in porta fino all’85’, ma quando lo fa con una deviazione di Missiroli incredibilmente rischia di far suo il derby, con Skorupski chiamato pure lui a una parata determinante. Al 90’ Santander farebbe gol su assist di Sansone, ma è in leggero fuorigioco e l’assistente annulla (senza bisogno del VAR, che conferma), la gioia dei tifosi rossoblù e di Mihajlović è smorzata ma al 93’ diventa realtà, quando Orsolini mette l’ennesima palla magica e Roberto Soriano (pur scontrandosi con Cionek) di testa batte Berisha che stavolta proprio non può arrivare.

È l’ottava vittoria consecutiva in casa del Bologna, rendimento da Champions League più che da squadra che si è salvata nella scorsa stagione con una rimonta incredibile.

BOLOGNA-SPAL 1-0 – IL TABELLINO

Bologna (4-3-3): Skorupski; Tomiyasu, Danilo L., Denswil, Dijks; Poli (71’ Džemaili), Medel (81’ Palacio), Soriano; Orsolini, Destro (63’ Santander), Sansone. Allenatore: Mihajlović
SPAL (3-5-2): E. Berisha; Cionek, Vicari, Felipe; D’Alessandro, Missiroli, Valoti (64’ Valdifiori), Kurtić, Igor (83’ Tomović); F. Di Francesco (81’ Floccari), Petagna. Allenatore: Semplici
Arbitro: Marco Di Bello della sezione di Brindisi (Di Iorio – Gori; Rapuano; VAR Fabbri; A. VAR Giallatini)
Rete: 93’ Soriano
Ammoniti: Danilo L., Medel, Santander (B), Missiroli, Igor (S)

[Immagine presa da twitter.com]