Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Carlos Bacca Milan-Cagliari

Carlos Bacca torna a segnare dopo novantotto giorni e risolve una partita che si stava incanalando verso lo 0-0. Il Milan batte il Cagliari con un gol all’88’ e risponde alle altre concorrenti per la zona Champions League, tutte vittoriose fra ieri e oggi.

Rieccolo, quando in pochi se lo aspettavano. Carlos Bacca, tanto criticato e da molti ritenuto pure sacrificabile, riappare al posto giusto nel momento giusto e regala i tre punti al Milan con un tocco da rapace d’area al termine di una partita tutt’altro che indimenticabile. Poco da salvare nei novanta minuti del Meazza se non fosse per il guizzo del colombiano, a secco dal 4-3 contro il Sassuolo del 2 ottobre, quando era ancora al centro dell’attacco rossonero: poi un infortunio e la crescita di Gianluca Lapadula l’hanno portato indietro nelle gerarchie offensive, ma il gol di stasera lo riporta prepotentemente alla ribalta perché vale tantissimo, visto che i suoi non avevano per niente brillato e mancavano pochi istanti alla fine. Il Milan conferma una tendenza già vista nel 2016: vince con tanta concretezza, sfruttando le poche occasioni che gli capitano e spesso su rimpalli fortunosi. Anche stavolta il gol è arrivato così, non tanto per l’assist (voluto) di Lapadula quanto per la precedente carambola su Bruno Alves, poi espulso nel recupero. Per ottantotto minuti i rossoneri, reduci dalla vittoria della Supercoppa Italiana, erano stati incapaci di portare seri pericoli alla porta di Rafael (sostituto di Storari, che in settimana dovrebbe tornare al Milan in uno scambio con Gabriel) e avevano fatto molto male dal punto di vista offensivo, soprattutto perché di fronte c’era una squadra che aveva tenuto la porta inviolata solo una volta nelle precedenti diciotto giornate disputate. Il Cagliari ha fatto la sua onesta partita, senza strafare ma senza nemmeno prendere le imbucate viste troppe volte in stagione, è stato punito alla fine e torna a casa senza punti quando ormai ne intravedeva uno, che sarebbe stato il quinto esterno dopo i tre sempre al Meazza contro l’Inter e quello di Pescara, ma la prestazione è stata incoraggiante soprattutto per Massimo Rastelli, nelle scorse settimane messo in discussione forse un po’ troppo frettolosamente.

PRIMO TEMPO

Il Milan prova subito a sfruttare la non certo ermetica retroguardia del Cagliari (peggior difesa nei principali campionati europei con quarantadue gol subiti), al 2′ da corner gira Romagnoli e respinge Rafael, sul proseguimento dell’azione un rimpallo fa arrivare la palla a Bacca che di destro manda a lato. Il forcing rossonero non è però costante, le azioni sono sporadiche e il Cagliari ha poca fatica a contenere, concede al massimo una conclusione a Niang da fuori e quando può si spinge in avanti, come al 25′ quando Barella viene liberato al limite e col mancino costringe Donnarumma a mettere in angolo. Nel frattempo fuori Abate per infortunio (problema al ginocchio in un contrasto) e dentro Antonelli, il Milan torna a farsi vedere in avanti con una punizione di Bonaventura a lato al 28′ ma lascia ampi spazi dietro, non sfruttati dalla poca precisione avversaria. Brutto primo tempo.

SECONDO TEMPO

Per due volte il Milan sfiora il gol su cross dalla destra di Suso che non trovano compagni in mezzo all’area e scivolano via vicini al palo, ma di azioni vere e proprie se ne vedono pochine. Il Cagliari per una volta ha vita facile dietro e col passare dei minuti tenta il secondo colpaccio al Meazza (dove contro il Milan non vince dall’1 giugno 1997, perdendo tutte le successive tranne un 2-2 del 1999) inserendo l’ex Borriello, un gol lo farebbe anche con Isla ma il guardalinee segnala con ritardo un fuorigioco comunque evidente nonostante le proteste sarde. Al 79′ Suso apre il sinistro dai venti metri, il suo rasoterra è messo in corner da Rafael, poi Montella tenta il tutto per tutto e passa al 4-2-4 con Lapadula per Pašalić: è la mossa vincente, all’88’ su un cross dalla destra l’ex Pescara si avventa sul pallone e spalle alla porta cerca di girarsi, il tiro respinto gli ritorna indietro dopo aver sbattuto su Bruno Alves e da terra si inventa un assist per Carlos Bacca che dal vertice destro dell’area piccola incrocia in rete. È il gol che decide la partita, il colombiano pone fine a un digiuno troppo lungo per uno come lui e nel recupero procura anche l’espulsione di Bruno Alves (fallo al limite dell’area con chiara occasione da gol, sulla punizione Lapadula manda alto).

Il Milan torna a vincere in campionato dopo il pari contro l’Atalanta e la sconfitta contro la Roma, risuperando gli orobici in classifica e staccando l’Inter, ma bisogna considerare la partita da recuperare contro il Bologna a febbraio. La squadra di Montella ora avrà due partite contro il Torino dell’ex Siniša Mihajlović, la prima giovedì in casa in Coppa Italia e la seconda lunedì in trasferta in campionato. Il Cagliari chiude il girone d’andata a ventitré punti con un comunque rassicurante +13 sul terzultimo posto, prossimo impegno domenica alle 12.30 contro il Genoa.

IL TABELLINO

Milan (4-3-3): Donnarumma; Abate (27′ Antonelli), Paletta, Romagnoli, De Sciglio; Pašalić (79′ Lapadula), Locatelli, Bonaventura (65′ Bertolacci); Suso, Bacca, Niang. Allenatore: Montella
Cagliari (4-3-1-2): Rafael; Pisacane, Ceppitelli, Bruno Alves, Capuano; Isla, Di Gennaro, Dessena (92′ Giannetti); Barella; Sau (73′ Borriello), Farias (78′ João Pedro). Allenatore: Rastelli
Arbitro: Piero Giacomelli della sezione di Trieste (Marrazzo – Vivenzi; Ranghetti; Calvarese – Manganiello)
Rete: 88′ Bacca
Espulso: Bruno Alves (C) al 94′ per fallo con chiara occasione da gol
Ammonito: Isla (C)

[Immagine presa da corrieredellosport.it]