Torino-Genoa ai rigori: Radovanović sbaglia, Berenguer no e 6-4

0

Torino-Genoa si chiude ai rigori. Dopo la serie dal dischetto l’unico errore di Radovanović condanna i rossoblù, granata ai quarti con la vincente di Milan-SPAL.

Il Torino batte 6-4 il Genoa ed è la prima squadra ai quarti di finale di Coppa Italia. La partita dell’Olimpico si decide ai rigori, dopo che i tempi regolamentari e supplementari erano terminati sull’1-1. Al 14′ bella azione del Genoa che si sviluppa sulla sinistra, Cassata pescato libero in area serve al centro Andrea Favilli che firma il suo primo gol stagionale. Il vantaggio rossoblù dura però soltanto nove minuti, Berenguer a centro area tocca sulla destra per Lorenzo De Silvestri e la sua battuta supera Radu leggermente impreciso nella circostanza. Il portiere rumeno però nella ripresa si fa perdonare eccome, perché con un prodigio devia un colpo di testa di Belotti destinato sotto la traversa. Nel secondo dei due minuti di recupero Favilli riesce a passare in mezzo a due, salva tutto Bremer. Salvataggio decisivo del brasiliano, che prolunga la partita oltre il 90′, e proprio lui nel primo tempo supplementare chiama ancora Radu al miracolo. A un passo dal cambio campo follia di Meïté, che già ammonito entra in scivolata su Barreca: inevitabile il secondo giallo, Torino in dieci. Si va però ai rigori, dove i primi sette tiratori sono perfetti. Non Ivan Radovanović, che si fa parare la conclusione da Salvatore Sirigu. La palla della vittoria tocca ad Álex Berenguer: mezzo cucchiaio, palla in rete. Il Torino è ai quarti di Coppa Italia, sfiderà la vincente di Milan-SPAL.

[Immagine presa da corrieredellosport.it]