Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Milinković-Savić Lazio-Roma

Sergej Milinković-Savić e Ciro Immobile danno un pesantissimo 2-0 alla Lazio nell’andata delle semifinali di Coppa Italia. Roma nuovamente battuta nel derby, cosa che non accadeva dal 26 maggio 2013.

Uno-due Lazio, il tabù derby è sfatato. Il primo round delle semifinali di Coppa Italia va alla squadra di Simone Inzaghi, alla sua prima vittoria nella stracittadina da allenatore e grande artefice di questo successo. Erano quattro anni che non accadeva, dalla finale decisa da un gol di Senad Lulić (oggi squalificato) al 71′, pomeriggio indimenticabile per tutto il popolo biancoceleste ma anche ultimo sorriso contro la Roma. Sono stati Sergej Milinković-Savić (il migliore in campo) e Ciro Immobile a interrompere il digiuno lungo, con un’ottima Lazio che ha saputo bloccare le fonti di gioco della Roma, in primis Radja Nainggolan, e colpire con due azioni in un certo senso simili, dove Kostas Manolas è stato lasciato sul posto da un velocista (Felipe Anderson sull’1-0, Baldé Diao Keita sul 2-0) che dal fondo ha messo in mezzo per la correzione in rete di un compagno. Forse la Roma non si aspettava lo schema tattico magistrale di Inzaghi, perché dopo un discreto inizio i giallorossi si sono spenti e a parte un palo esterno di Mohamed Salah all’ora di gioco hanno costruito poco, con una sola vera parata di rilievo da parte di Tomas Strakosha. La prova splendida di domenica nell’1-3 contro l’Inter non è stata ripetuta, è invece la Lazio a prendersi gli elogi per la qualità del suo gioco, che ha portato a un risultato tanto atteso.

PRIMO TEMPO

Emerson Palmieri, recuperato dopo aver saltato per un indurimento la sfida del Meazza, dimostra subito di essere in forma e dopo ottanta secondi effettua un bel cross per Džeko, il cui colpo di testa è deviato in corner. Roma che staziona per gran parte del tempo della metà campo avversaria ma senza pungere, la Lazio aspetta e riparte e al 21′ impegna per la prima volta Alisson, bravo a respingere un colpo di testa di Milinković-Savić su cross di Lukaku. Ancora biancocelesti al 25′ con tacco del serbo per Immobile, controllo e tiro da fuori ancora preda di Alisson, poi Lukaku manda alto così come il centravanti ex Torino due minuti dopo. Alla mezz’ora però la supremazia dei padroni di casa viene premiata, Sergej Milinković-Savić serve Felipe Anderson nello spazio, sprint a lasciare Manolas sul posto e cross dal fondo per il piatto destro vincente del serbo, bravissimo a seguire l’azione e inserirsi centralmente. Lazio di nuovo in vantaggio in un derby, non accadeva da quello d’andata del 2014-2015, giocato l’11 gennaio 2015 e finito 2-2. Subito una chance per la Roma per pareggiare, traversone di Nainggolan e colpo di testa alto di Džeko, il bosniaco al 37′ ci prova al volo di sinistro su palla di Paredes ma non becca la porta.

SECONDO TEMPO

Un destro da fuori di Felipe Anderson passa non lontano dal palo alla destra di Alisson, è questa la prima occasione (51′) di un secondo tempo non estremamente spettacolare, dove la Roma palesa diverse difficoltà quando attaccata. Al 59′ Parolo subentra a Immobile, bloccato al limite dell’area, e il suo destro dà l’illusione del gol ma in realtà è sul fondo, dall’altra parte Salah con un sinistro dai venti metri becca la parte esterna del palo. Spalletti tenta di cambiare le sorti di una partita più complicata del previsto con gli ingressi nel giro di sei minuti di Perotti prima ed El Shaarawy poi, tuttavia la mossa decisiva dalla panchina è quella di Simone Inzaghi, che mette dentro Keita per Felipe Anderson: il senegalese al 78′ va via a Manolas ed Emerson Palmieri sulla fascia destra e dal fondo mette in mezzo, Rüdiger non ci arriva ed è facile per Ciro Immobile raddoppiare dal limite dell’area piccola, è il suo sedicesimo centro stagionale. Come dopo l’1-0 la Roma risponde colpo su colpo, tiro da fuori di Emerson Palmieri con deviazione e gran parata di Strakosha, all’86’ mossa della disperazione di Spalletti con l’ingresso di Francesco Totti (quarantaduesimo derby per lui) al posto di Bruno Peres. Scatenato Keita, all’88’ dribbling su Rüdiger e destro centrale bloccato da Alisson, nell’ultimo dei sei minuti di recupero destro al volo di Immobile da trenta metri senza precisione e colpo di testa di Fazio sul fondo.

Vittoria fondamentale per la Lazio, che nel ritorno (data ancora da definire) potrà gestire un discreto tesoretto, ma intanto c’è un quarto posto da difendere a Bologna. Roma sconfitta per la seconda volta nel 2017 dopo il 3-2 in rimonta a Genova contro la Sampdoria, i giallorossi sabato alle ore 15 sono attesi dal terzo big match in sei giorni contro il Napoli.

IL TABELLINO

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, de Vrij, Wallace; Basta, Parolo, Biglia, Milinković-Savić (91′ Murgia), Lukaku (80′ Crecco); Felipe Anderson (67′ Keita), Immobile. Allenatore: Inzaghi
Roma (3-4-2-1): Alisson; Rüdiger, Fazio, Manolas; Bruno Peres (86′ Totti), Paredes (63′ Perotti), Strootman, Emerson Palmieri; Salah (69′ El Shaarawy), Nainggolan; Džeko. Allenatore: Spalletti
Arbitro: Massimiliano Irrati della sezione di Pistoia (Di Fiore – Manganelli; Massa)
Reti: 30′ Milinković-Savić, 78′ Immobile
Ammoniti: Parolo, Strakosha (L), Rüdiger (R)

[Immagine presa da corrieredellosport.it]