Il Cagliari domina, poi rischia in dieci per oltre un tempo: 2-1 sul Chievo

0

Con un po’ di fatica, perché in dieci dal 40’, il Cagliari accede al quarto turno di Coppa Italia: alla Sardegna Arena è 2-1 sul Chievo.

Quaranta minuti di dominio e cinquanta di preoccupazione. Il Cagliari è al quarto turno di Coppa Italia, ma ha dovuto reggere oltre un tempo in dieci uomini. In un momento di partita piuttosto tranquillo, con un comodo 2-0 e la Sardegna Arena in festa, Rafael de Andrade (sostituto dell’infortunato Alessio Cragno) ha malamente sbagliato l’intervento e ha toccato il pallone fuori dall’area con le mani, venendo quindi espulso. Da lì il Chievo è rientrato in partita, perché sulla successiva punizione Simone Aresti non è stato perfetto e Manuel Pucciarelli ha fatto 2-1, rendendo la ripresa tutta un’altra storia. Non è bastato però ai gialloblù, che pure hanno avuto qualche occasione per portare la sfida ai supplementari, alla fine viene premiato il Cagliari che in undici contro undici ha dimostrato molta più qualità, con Marko Rog subito a suo agio come mezzala destra (splendido il raddoppio) e Radja Nainggolan immediatamente titolare davanti alla difesa. Rolando Maran si ritrova ora una squadra con tante alternative, specialmente in mezzo al campo (Nahitan Nández è subentrato nella ripresa, complici i pochi allenamenti nelle gambe), e quantomeno arriva alla prima di campionato con un successo e la dimostrazione di essere riuscito a reggere nonostante i suoi si siano complicati la vita da soli.

PRIMO TEMPO

Cagliari in gol alla prima occasione, un cross dalla sinistra lungo sul secondo palo viene preso da Ioniță di testa e la sua coordinazione sorprende Šemper, la palla sbatte sulla traversa e il più lesto a raccogliere è João Pedro, che si gira su se stesso e col destro calcia potente sotto la traversa. Reazione immediata del Chievo con una punizione di Esposito che prova a beffare Rafael calciando lateralmente rispetto alla barriera, ma il portiere brasiliano respinge in tuffo. Al 17’ il raddoppio: Marko Rog, che già aveva impressionato contro il Leeds in amichevole, parte palla al piede ed entra in area dalla destra dove scaraventa un gran tiro sotto l’incrocio. Splendida l’esecuzione del croato appena arrivato dal Napoli, giustamente celebrato dalla Sardegna Arena. La partita sembra andare via liscia, nel Chievo l’unico a sfiancarsi è Esposito (ancora pericoloso al 29’ con un destro dai venti metri deviato che scende troppo tardi), con un sinistro di Ioniță parato a terra da Šemper al 32’, ma a cinque minuti dall’intervallo si rimette tutto in discussione perché Klavan e Rafael non si intendono, il portiere brasiliano tocca la palla fuori dall’area con le mani impedendo a Giaccherini di giocarla ed è automatica l’espulsione. Entra Aresti, che respinge male la punizione seguente di Esposito e Manuel Pucciarelli ribadisce in rete dimezzando lo svantaggio.

SECONDO TEMPO

Il Chievo non fa certo una ripresa d’assalto, ma il Cagliari dalle parti di Šemper non ci arriva quasi più. Al 62’ Pucciarelli con un destro deviato non va molto lontano dal 2-2, da lì partono alcuni minuti di terrore in area rossoblù per le tante incertezze di Aresti. A un quarto d’ora dal termine Giaccherini si accentra dalla sinistra e di destro manda alto, poi entra Vignato subito pericoloso con una botta respinta da Ioniță sulla quale si avventa Bertagnoli che non trova la porta di molto. Poco prima di uscire per crampi, peraltro ovazionato dalla Sardegna Arena, il giovane terzino destro Pinna (classe ‘97, rientrato dall’Olbia) mette un bel cross per la girata di testa di Pavoletti di poco a lato, prima occasione del Cagliari in tutto il secondo tempo. Il Chievo ha la chance per portare la gara ai supplementari al 92’, Vignato serve in area Stępiński e la sua girata finisce a lato di pochissimo, per la disperazione dei gialloblù.

Cagliari al quarto turno di Coppa Italia, affronterà sempre alla Sardegna Arena a dicembre la vincente di Crotone-Sampdoria (1-3 al momento).

CAGLIARI-CHIEVO 2-1 – IL TABELLINO

Cagliari (4-3-1-2): Rafael; Pinna (84’ Pisacane), Ceppitelli, Klavan, Lykogiannis; Rog (71’ Nández), Nainggolan, Ioniță; Birsa (41’ Aresti); Pavoletti, João Pedro. Allenatore: Maran
Chievo (4-3-1-2): Šemper; Bertagnoli, Leverbe, Rigione, Brivio; Pina Nunes, Esposito, Giaccherini; Pucciarelli (76’ Vignato); Meggiorini (83’ Rodríguez), Stępiński. Allenatore: Marcolini
Arbitro: Antonio Giua della sezione di Olbia (Del Giovane – Colarossi; Camplone)
Reti: 7’ João Pedro, 17’ Rog, 43’ Pucciarelli (CH)
Espulso: Rafael (CA) al 40’ per aver toccato la palla fuori dall’area con le mani
Ammoniti: Pucciarelli, Bertagnoli, Pina Nunes (CH), Nainggolan (CA)