Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
Tifosi Valencia

Continua senza sosta la crisi del Valencia: questo pomeriggio la squadra allenata da Cesare Prandelli ha perso 3-2 a San Sebastián contro la Real Sociedad e prosegue in piena zona retrocessione. In serata un gruppo di tifosi ha provato a venire a contatto con i giocatori, che hanno dovuto chiedere l’intervento della Polizia.

Non c’è pace a Valencia, né in campo né fuori. La squadra è ai minimi storici: oggi pomeriggio ha perso 3-2 in casa della Real Sociedad, ottenendo la terza sconfitta consecutiva in trasferta e facendo proseguire la striscia di sette risultati negativi in Liga, dove la zona retrocessione per ora non è realtà solo per una differenza reti favorevole. L’ennesimo tracollo di un anno da dimenticare (c’era già stato un lungo periodo buio nella scorsa stagione, con la disastrosa esperienza di Gary Neville in panchina) ha fatto perdere la pazienza ai propri sostenitori, che hanno deciso di aspettare la squadra con intenzioni non certo pacifiche. I giocatori hanno lasciato il centro d’allenamento di Paterna, dopo essere tornati da San Sebastián, scortati da una trentina di agenti, visto che da un’ora prima del loro arrivo era presente un gruppo di circa cinquanta tifosi, che hanno accolto la rosa con diversi insulti («¡Jugadores, mercenarios!» il coro ripetuto più volte).

Il Valencia potrebbe entrare in zona retrocessione già da questa giornata in caso di pareggio o vittoria dello Sporting Gijón contro l’Espanyol, e per Cesare Prandelli non saranno giorni facili. Il tecnico italiano, che per il momento la tifoseria non ritiene colpevole (l’oggetto principale delle proteste, oltre ai giocatori, è il contestato proprietario Peter Lim), aveva sbottato venerdì nella conferenza stampa prepartita chiedendo alla propria rosa un segnale forte, ma all’Anoeta ha subito il primo gol dopo neanche due minuti, segnale di un gruppo non certo coeso e pronto a lottare per la maglia.

Nelle altre partite del sabato del campionato spagnolo incredibile ennesimo gol decisivo di Sergio Ramos nel recupero, un colpo di testa che ha dato al Real Madrid una rocambolesca vittoria per 3-2 al 92′, dopo che fino a pochi minuti prima era il Deportivo La Coruña a condurre 1-2 al Santiago Bernabéu. 0-3 del Barcellona in casa dell’Osasuna con le reti di Luis Suárez e Lionel Messi (doppietta) nella ripresa ma i blaugrana restano a -6 dal Real capolista, 1-1 fra Las Palmas e Leganés. Siviglia in campo domenica pomeriggio in casa del Celta Vigo, Atlético Madrid di scena lunedì sera nella trasferta contro il Villarreal.

[Immagine presa da as.com]