La Superlega dice stop! Progetto da ridefinire, ma l’Inter lascia

0

La Superlega, dopo l’addio dei club inglesi a cui si è aggiunto nella notte anche il Chelsea (vedi articolo), si ferma. Lo fa con uno scarno comunicato ufficiale, nel quale annuncia di voler ridefinire il progetto. Ma intanto l’Inter abbandona, facendo sapere di non avere più interesse a farne parte: è il primo club italiano che fa dietrofront.

“La Superlega è convinta che lo status quo attuale del calcio europeo debba cambiare.

Stiamo proponendo una nuova competizione europea perché il sistema esistente non funziona. La nostra proposta punta a permettere allo sport di evolvere generando risorse e stabilità per tutta la piramide del calcio, compreso l’aiuto per superare le difficoltà finanziarie avute da tutta la comunità calcistica a seguito della pandemia. Porterà inoltre a migliorare i pagamenti di solidarietà a tutte le parti in causa.

Dopo l’annuncio dell’uscita dei club inglesi, forzati a prendere questa decisione dalle pressioni ricevute, riteniamo che la nostra proposta sia del tutto allineata alle leggi europee e ai regolamenti. Così l’ha dimostrato in giornata la decisione di una corte (di Madrid, ndr) che protegge la Superlega da azioni di terze parti.

Date le attuali circostanze, dobbiamo riconsiderare gli step più appropriati per ridefinire il progetto, sempre avendo in mente come obiettivo offrire ai tifosi la migliore esperienza possibile mantenendo i pagamenti di solidarietà per tutta la comunità calcistica”.