Spagna campione d’Europa Under-21! Vendetta sulla Germania: 2-1

0

Alla fine è arrivata la vendetta della Spagna, che torna campione d’Europa Under-21 dopo sei anni (ultima affermazione nel 2013 in Israele), battendo per 2-1 in finale la Germania. Spagnoli che hanno dominato per gran parte del match e sono andati subito in vantaggio con una splendida rete firmata da un Fabián Ruiz autore ancora una volta di una prestazione sontuosa. Poi i tedeschi non sono praticamente mai stati in grado di reagire, subendo il raddoppio di Dani Olmo nella ripresa e rischiando anche il tris. Nel finale il gol di Amiri con deviazione decisiva di Vallejo che ha acceso il recupero, ma che non ha cambiato la storia di una finale che la Rojita ha meritato di vincere.

De la Fuente conferma gli stessi undici della semifinale con Unai Núñez insieme a Vallejo e Roca di nuovo in mediana a dare equilibrio, invece in avanti c’è Oyarzabal con Olmo a destra e Fornals a sinistra. Kuntz sorprende con Serdar a centrocampo al posto di Neuhaus per dare maggiore equilibrio, mentre il resto è la formazione-tipo con Waldschmidt al centro dell’attacco supportato daÖztunalı ed Amiri.

PRIMO TEMPO

La Spagna si pone subito in dominio della partita, grazie sia al possesso palla ma anche e soprattutto ad una riconquista del pallone feroce, che manda in apnea la Germania. A complicare ulteriormente la situazione per i tedeschi arriva lo svantaggio al 7′, quando Oyarzabal viene incontro e di prima manda nello spazio Fabián Ruiz che, ai venti metri, calcia con l’interno mancino nell’angolino dove Nübel non può nulla per il gol che sblocca il match. La Rojita domina ancora di più nei minuti successivi, con gli uomini di Kuntz in enorme difficoltà anche solo ad uscire palla al piede dalla propria metà campo. L’unico problema spagnolo è che non arrivano altre grandi occasioni per il raddoppio, ma comunque la sensazione di controllo rimane totale per tutti i quarantacinque minuti con Sivera mai seriamente impegnato e con l’unico brivido per una possibile espulsione per un brutto intervento di Vallejo su cui sorvolano Jovanović e VAR.

SECONDO TEMPO

La Germania inizia la ripresa più in pressione, ma il problema principale è la totale mancanza di idee negli ultimi venti metri, con la difesa avversaria che riesce a disimpegnarsi senza troppe difficoltà e senza troppi rischi. Così praticamente gli unici sussulti sono due tentativi di Waldschmidt da oltre venticinque metri, ma senza impensierire Sivera. La Spagna sembra più in difficoltà, ma al minuto 69 centra la transizione giusta, con Ceballos che appoggia all’indietro per Fabián Ruiz, mancino di prima intenzione non irresistibile, ma Nübel non trattiene e sulla respinta arriva Dani Olmo che con il tocco sotto mette fuori causa l’estremo difensore per il raddoppio. Gli spagnoli si mettono a dispensare gioco nei minuti successivi: prima splendida triangolazione tra Fabián Ruiz e Mayoral, ma il centrocampista del Napoli calcia fuori di un soffio nell’uno contro uno; poi Olmo smarca Soler in area di rigore, ma la conclusione del subentrato si stampa sulla traversa. Sull’altro lato del campo Waldschmidt fallisce l’opportunità di accorciare le distanze, calciando fuori dall’interno dell’area piccola un assist delizioso di Nmecha; mentre fa decisamente meglio Nadiem Amiri all’88’, con un destro dai venticinque metri che Vallejo devia di testa, facendo diventare la traiettoria imprendibile per Sivera. La rete del 2-1 accende i minuti di recupero, ma la Germania non si rende più pericolosa e la Spagna si laurea così campione d’Europa Under-21 per la quinta volta nella propria storia, agganciando l’Italia in cima all’albo d’oro e vendicando la sconfitta subita contro i tedeschi di due anni fa in Polonia.

SPAGNA-GERMANIA 2-1 – IL TABELLINO

Spagna (4-2-3-1): Sivera; Aguirregabiria, Vallejo, Unai Núñez, Firpo; Fabián Ruiz (78′ Merino), Roca; Dani Olmo, Ceballos, Fornals (72′ Mayoral); Oyarzabal (55′ Soler).
Germania (4-3-3): Nübel; Klostermann, Tah, Baumgartl, Henrichs; Serdar (61′ Neuhaus), M. Eggestein (79′ Nmecha), Dahoud; Öztunalı (73′ Richter), Waldschmidt, Amiri.
Arbitro: Srdjan Jovanović (SRB)
Ammoniti: Vallejo, Unai Núñez, Sivera (S)
Reti: 7′ Fabián Ruiz, 69′ Dani Olmo (S); 88′ Amiri (G)

[Immagine presa da twitter.com]