Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus

Il derby di Manchester va al City ma il primo posto rimane saldamente nelle mani dello United, che ha ancora dodici punti di vantaggio sui vicini di casa e deve farne dieci nelle ultime sette partite per essere matematicamente campione a prescindere dai risultati dei rivali.

 

Nel centosessantacinquesimo derby della città di Manchester succede tutto nella ripresa, i Citizens passano in vantaggio in apertura di secondo tempo con un tiro di Milner leggermente deviato che batte De Gea e fa terminare la lunga imbattibilità del portiere spagnolo, che non subiva gol in campionato da ben 680' (gol di Jay Rodriguez al 3' di Manchester United-Southampton del 30 Gennaio). Il pareggio dei Red Devils arriva su sfortunata deviazione di Kompany, che mette nella propria porta senza neanche accorgersene un tocco di testa di Phil Jones, che era riuscito incredibilmente a non centrare la porta da pochi passi sugli sviluppi di una punizione, ma a dodici minuti dalla fine il subentrato Agüero, al rientro da un infortunio, si infila in mezzo alla difesa di casa e di destro supera De Gea con un gol molto simile a quello decisivo per il titolo la scorsa stagione contro il QPR. Debutto da manager in Premier League con sconfitta per Paolo Di Canio, che perde 2-1 a Stamford Bridge contro il Chelsea in una partita che sembrava più da flipper che da calcio, in quanto tutti e tre i gol sono arrivati su deviazioni più o meno fortuite: i primi due sono stati dei veri e propri autogol (clamoroso quello che ha permesso ai Blues di pareggiare), il terzo l'ha segnato Ivanovic impattando un tiro di David Luiz. Il tecnico italiano non avrà giorni facili perché i Black Cats sono fuori dalla zona retrocessione solo per una miglior differenza reti nei confronti del Wigan (che però ha una partita in meno), la squadra allenata da Roberto Martínez ha trovato un insperato punto nel recupero della trasferta sul campo del QPR, con un calcio di punizione di Shaun Maloney (già autore di un gol determinante per la permanenza nel massimo campionato da parte dei Latics lo scorso anno contro il Manchester United) che ha superato barriera e Júlio César spegnendo le residue speranze salvezza dei londinesi, in dieci dal 20' per il rosso rimediato da Zamora (calcio in faccia a Jordi Gómez) ma capaci nonostante ciò di andare avanti con Rémy a pochi minuti dal 90'. Anche il Reading non ha ormai più possibilità realistiche di evitare la retrocessione, dopo lo 0-2 interno contro il Southampton, non è riuscita la vendetta a Nigel Adkins, esonerato alcune settimane fa proprio dai Saints e ora praticamente condannato alla discesa nel Championship proprio dalla sua ex squadra. Una conclusione terrificante di Lowton all'87' permette invece all'Aston Villa di uscire dalle ultime tre posizioni, i Villans hanno superato per 3-1 lo Stoke al Britannia Stadium con due reti nel finale, inguaiando la squadra di Tony Pulis ora a soli tre punti dalla zona retrocessione. Il minuto ottantasette è stato provvidenziale anche per il Tottenham, che ha trovato il 2-2 contro l'Everton allo scadere grazie a Sigurðsson, evitando una sconfitta che sarebbe stata pesantissima nella lotta per terzo e quarto posto, soprattutto visto che Adebayor dopo trentadue secondi aveva già portato in vantaggio il club del nord di Londra. Per una volta un gol degli Spurs fa felice l'Arsenal, perché i Gunners consolidano la quarta posizione proprio per merito dei rivali storici, portandosi a +4 sull'Everton: doppietta di Rosický nell'1-2 esterno sul WBA, con finale sofferto in inferiorità numerica per l'espulsione di Mertesacker. Negli altri incontri bel 2-2 tra Norwich e Swansea, 0-0 con tante occasioni divorate dal Liverpool contro il West Ham (oltre a un netto rigore negato ai Reds) e vittoria all'ultimo respiro per il Newcastle sul Fulham, a segno per l'ennesima volta nel recupero Papiss Demba Cissé.

RISULTATI
Reading-Southampton 0-2 34' Rodriguez, 72' Lallana
Norwich-Swansea 2-2 35' Michu (S), 40' Snodgrass, 60' Turner, 75' Moore (S)
Stoke-Aston Villa 1-3 9' Agbonlahor, 80' Kightly (S), 87' Lowton, 91' Benteke
West Bromwich-Arsenal 1-2 20', 50' Rosický (A), 71' rig. Morrison
Liverpool-West Ham 0-0
Tottenham-Everton 2-2 1' Adebayor, 15' Jagielka (E), 53' Mirallas (E), 87' Sigurðsson (T)
Chelsea-Sunderland 2-1 45' aut. Azpilicueta (S), 47' aut. Kilgallon, 55' Ivanovic
Newcastle-Fulham 1-0 93' P. Cissé
QPR-Wigan 1-1 85' Rémy, 94' Maloney (W)
Manchester United-Manchester City 1-2 51' Milner, 59' aut. Kompany (MU), 78' Agüero

CLASSIFICA
Manchester United 77 *
Manchester City 65 *
Chelsea 58 *
Tottenham 58
Arsenal 56 *
Everton 52 *
Liverpool 49
West Bromwich 44
Swansea 41
Fulham 39 *
Southampton 37
West Ham 37 *
Newcastle 36
Norwich 35
Stoke 34
Aston Villa 33
Sunderland 31
Wigan 31 *
QPR 24
Reading 23

* una partita in meno

[Immagine presa da whoateallthepies.tv]