Premier League, 22ª giornata: Chelsea 2-0, Arsenal al 98′. Paura Mason

0

Il Chelsea batte 2-0 l’Hull City e sale a +8 sul secondo posto, in una partita però segnata dal grave infortunio di Ryan Mason. Delle prime regge il passo solo l’Arsenal e sull’ultimo pallone, pari fra Manchester City e Tottenham mentre Wayne Rooney fa 250 gol col Manchester United.

Un grosso spavento, poi le rassicurazioni. Nel corso del primo tempo della partita fra Chelsea e Hull City uno scontro di gioco fra Gary Cahill e Ryan Mason ha causato la frattura del cranio di quest’ultimo, trasportato d’urgenza in ospedale in gravi condizioni. Per qualche ora si è temuto che il centrocampista dei Tigers fosse in pericolo di vita, poi un bollettino medico diramato dal club nella tarda serata di domenica ha tranquillizzato tutti, perché il giocatore è cosciente e ha parlato con dottori e compagni, anche se è chiaro che per la gravità dell’incidente dovrà rimanere sotto osservazione per diversi giorni. In campo hanno vinto i Blues 2-0, Diego Costa ha sfruttato il lungo recupero del primo tempo per portare in vantaggio i suoi e riscattarsi dopo l’episodio della scorsa settimana, all’81’ ha raddoppiato Gary Cahill di testa su punizione di Fàbregas, ma sull’1-0 non è stato concesso un rigore all’Hull City per fallo evidente di Marcos Alonso.

Antonio Conte aveva già potuto festeggiare sabato, vedendo i risultati delle pretendenti. Clamorosa la sconfitta interna del Liverpool, ad Anfield i Reds subiscono un terribile uno-due da parte di Fernando Llorente a inizio secondo tempo, con l’ex Juventus che segna in mischia su corner e con un colpo di testa portentoso sovrastando tre avversari, poi Firmino replica con un’altra doppietta che sembra ridare linfa alla squadra di Klopp ma un rimpallo su Klavan dà a Gylfi Sigurðsson l’incredibile possibilità di fare 2-3, con lo Swansea che si porta a casa i tre punti ed escono dalla zona retrocessione. Pareggio nel big match fra Manchester City e Tottenham, uno spreco colossale da parte dei Citizens che dominano per tutto l’incontro e sfondano grazie a due papere di Hugo Lloris, che sbaglia il tempo dell’uscita regalando a Leroy Sané un facile tocco a porta vuota e non trattiene un cross dalla destra di Sterling favorendo il tap-in di De Bruyne, solo che gli Spurs hanno la forza di rimontare con un colpo di testa di Alli e il pari di Son, un’altra grossa delusione per Guardiola sempre più lontano dalle zone alte. L’unica che vince è l’Arsenal, i Gunners passano col Burnley grazie a Mustafi ma restano in dieci per l’ennesima espulsione di Granit Xhaka (fallo a piedi uniti su Defour), gli ospiti pareggiano al 93′ su rigore di Andre Gray e pensano di aver conquistato un punto, se non fosse che sull’ultimo pallone della partita Koscielny (in fuorigioco) si prende una scarpata in faccia e anche i londinesi ottengono un tiro dal dischetto, trasformato col cucchiaio da Alexis Sánchez, freddissimo nel replicare la battuta fatta in finale di Copa América con il Cile.

I tanti eventi del weekend hanno fatto passare leggermente in secondo piano un grande traguardo raggiunto da Wayne Rooney, che ha superato Bobby Charlton diventando il principale marcatore nella storia del Manchester United con duecentocinquanta gol. La rete del sorpasso è arrivata su punizione in pieno recupero, evitando ai Red Devils di interrompere la striscia di risultati positivi con l’1-1 in casa dello Stoke City, passato a metà primo tempo con un cross di Pieters messo nella propria porta da Mata. Vince nel finale l’Everton sul campo del Crystal Palace, ora ufficialmente in zona retrocessione, facili successi invece per il Southampton (3-0 al Leicester City) e il West Bromwich (2-0 al Sunderland). Il Watford di Walter Mazzarri si fa rimontare due volte ed esce dalla trasferta di Bournemouth con un solo punto, quinta affermazione nelle ultime sette giornate per il West Ham, 1-3 a Middlesbrough con doppietta di Andy Carroll e primo gol in campionato dell’argentino Jonathan Calleri, probabilmente anche l’unico perché in questi giorni dovrebbe passare al Las Palmas. Nel prossimo weekend la Premier League si ferma di nuovo perché c’è il quarto turno di FA Cup, si riparte con un turno infrasettimanale martedì 31 con Liverpool-Chelsea.

RISULTATI

Liverpool – Swansea 2-3 48′, 52′ Llorente, 55′, 69′ Firmino (L), 74′ Sigurðsson
Bournemouth – Watford 2-2 24′ Kabasele (W), 48′ J. King, 64′ Deeney (W), 82′ Afobe
Crystal Palace – Everton 0-1 87′ Coleman
Middlesbrough – West Ham 1-3 9′, 43′ A. Carroll, 27′ Stuani (M), 94′ Calleri
Stoke City – Manchester United 1-1 19′ aut. Mata, 94′ Rooney (M)
West Bromwich – Sunderland 2-0 30′ D. Fletcher, 36′ Brunt
Manchester City – Tottenham 2-2 49′ Sané, 54′ De Bruyne, 58′ Alli (T), 77′ Son (T)
Southampton – Leicester City 3-0 26′ Ward-Prowse, 39′ Rodriguez, 86′ rig. Tadić
Arsenal – Burnley 2-1 59′ Mustafi, 93′ rig. A. Gray (B), 98′ rig. Sánchez
Chelsea – Hull City 2-0 45′ +7′ Diego Costa, 81′ Cahill

CLASSIFICA

Chelsea 55
Arsenal 47
Tottenham 46
Liverpool 45
Manchester City 43
Manchester United 41
Everton 36
West Bromwich 32
Stoke City 28
West Ham 28
Southampton 27
Bournemouth 26
Burnley 26
Watford 24
Leicester City 21
Middlesbrough 20
Swansea 18
Crystal Palace 16
Hull City 16
Sunderland 15

PROSSIMO TURNO

Arsenal – Watford martedì 31 gennaio ore 20.45
Bournemouth – Crystal Palace martedì 31 gennaio ore 20.45
Burnley – Leicester City martedì 31 gennaio ore 20.45
Middlesbrough – West Bromwich martedì 31 gennaio ore 20.45
Sunderland – Tottenham martedì 31 gennaio ore 20.45
Swansea – Southampton martedì 31 gennaio ore 20.45
Liverpool – Chelsea martedì 31 gennaio ore 21
West Ham – Manchester City mercoledì 1 febbraio ore 20.45
Manchester United – Hull City mercoledì 1 febbraio ore 21
Stoke City – Everton mercoledì 1 febbraio ore 21

[Immagine presa da bleacherreport.com]