Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus

La sfida tra le prime due della classifica finisce con un pareggio che sta bene soltanto al Manchester City, che aggancia la squadra di Ranieri in testa grazie al 3-1 sul Southampton.

 

Jamie Vardy è nella storia della Premier League. Con il gol segnato al 24′ contro il Manchester United, effettuando un gran taglio in mezzo alla difesa ospite per raccogliere un filtrante di Fuchs, l’attaccante del Leicester City è diventato il primo giocatore capace di andare a segno per undici partite consecutive, superando quanto fatto da Ruud van Nistelrooy che si era fermato a dieci. Nonostante l’exploit del centravanti che fino a pochi anni fa giocava nei dilettanti le Foxes non sono riuscite a vincere, perché all’inizio del recupero del primo tempo Schweinsteiger di testa su calcio d’angolo ha fatto 1-1, trovando il suo primo centro inglese visto che la scorsa settimana il suo tocco contro il Watford era risultato in realtà un’autorete. Il pari sta bene al Manchester City, che batte 3-1 il Southampton e si prende la vetta seppur in coabitazione, disastroso il primo tempo della difesa di Koeman che regala il vantaggio a De Bruyne (Yoshida tenta di dribblare Sterling, perde palla e innesca la ripartenza chiusa dal tocco a centro area del belga) e causa il raddoppio di Delph (deviazione di van Dijk), poi i Saints hanno un sussulto con una traversa colpita dallo stesso centrale belga e il 2-1 di Long di testa su cross da destra di Mané; Tadic ha anche la palla del 2-2 con Caballero che salva sul pallonetto, dopo lo spavento i Citizens si riprendono e Kolarov, con un sinistro a incrociare su ennesima dormita di Yoshida che non lo marca, fa 3-1 chiudendo i conti. Altro passo falso dell’Arsenal, mai vittorioso a novembre, contro il Norwich è solo 1-1 nonostante il vantaggio di Özil, liberato da un assist di Sánchez (poi fuori per infortunio) che aveva raccolto un rinvio orribile di Ruddy, perché al termine del primo tempo Grabban, sfruttando la pessima marcatura di Koscielny, segna la sua prima rete in Premier League. 0-0 fra Tottenham e Chelsea, con i Blues che giocano benino rispetto alle ultime uscite ma non pungono, anche perché Mourinho gioca senza attaccanti (Diego Costa rimane in panchina e stizzito lancia una pettina verso il manager portoghese, senza però colpirlo), chi comincia a risalire è il Liverpool con la terza vittoria nelle ultime quattro giornate sotto la guida di Klopp, per battere lo Swansea ci è voluto un rigore per fallo di mano di Taylor trasformato da Milner, già a segno dal dischetto giovedì scorso in Europa League. Finale indimenticabile in Bournemouth-Everton, partita che fino a pochi minuti dal termine sembrava avere il punteggio già scritto per effetto del vantaggio di Funes Mori con un bel colpo di testa e del raddoppio di forza di Lukaku: Smith accorcia le distanze con un tiro imparabile per Howard, Stanislas pareggia all’87’ con una girata a centro area, Barkley al 95′ riesce a riportare avanti i Toffees con un destro rasoterra che incredibilmente non vale i tre punti, perché al 98′ ancora Stanislas di testa fa 3-3. Ancora malissimo Aston Villa e Newcastle United, non a caso ultime in classifica, i Villans ne prendono tre dal Watford con orrori difensivi in serie (su tutti l’autogol di Hutton), i Magpies addirittura cinque dal Crystal Palace dell’ex manager Pardew (che circa un anno fa veniva criticato dai tifosi bianconeri e invitato ad andarsene, evidentemente non era lui il problema) pur passando in vantaggio con Papiss Demba Cissé. Il Sunderland batte 2-0 lo Stoke City ed esce dalla zona retrocessione, 1-1 in West Ham-West Bromwich con bella punizione di Zárate per il momentaneo vantaggio degli Hammers.

RISULTATI

Aston Villa – Watford 2-3 17′ Ighalo, 41’Richards (A), 69′ aut. Hutton, 85′ Deeney, 89′ J. Ayew (A)
Bournemouth – Everton 3-3 25′ Funes Mori, 36′ Lukaku, 80′ Smith (B), 87′, 98′ Stanislas (B), 95′ Barkley
Crystal Palace – Newcastle United 5-1 10′ Cissé (N), 14′, 93′ McArthur, 17′, 47′ Bolasie, 41′ Zaha
Manchester City – Southampton 3-1 9′ De Bruyne, 20′ Delph, 49′ Long (S), 69′ Kolarov
Sunderland – Stoke City 2-0 82′ van Aanholt, 84′ Watmore
Leicester City – Manchester United 1-1 24′ Vardy, 45′ +1′ Schweinsteiger (M)
Tottenham – Chelsea 0-0
West Ham – West Bromwich 1-1 17′ Zárate, 50′ aut. Reid (WB)
Liverpool – Swansea 1-0 62′ rig. Milner
Norwich City – Arsenal 1-1 30′ Özil (A), 43′ Grabban

CLASSIFICA

Manchester City 29
Leicester City 29
Manchester United 28
Arsenal 27
Tottenham 25
Liverpool 23
Crystal Palace 22
West Ham 22
Everton 21
Southampton 20
Watford 19
Stoke City 19
West Bromwich 18
Chelsea 15
Swansea 14
Norwich City 13
Sunderland 12
Bournemouth 10
Newcastle United 10
Aston Villa 5

PROSSIMO TURNO

Stoke City – Manchester City sabato 5 dicembre ore 13.45
Arsenal – Sunderland sabato 5 dicembre ore 16
Manchester United – West Ham sabato 5 dicembre ore 16
Southampton – Aston Villa sabato 5 dicembre ore 16
Swansea – Leicester City sabato 5 dicembre ore 16
Watford – Norwich City sabato 5 dicembre ore 16
West Bromwich – Tottenham sabato 5 dicembre ore 16
Chelsea – Bournemouth sabato 5 dicembre ore 18.30
Newcastle United – Liverpool domenica 6 dicembre ore 17
Everton – Crystal Palace lunedì 7 dicembre ore 21

[Immagine presa da theguardian.co.uk]