Sbadigli tra Francia e Danimarca: solo zero a zero ma entrambe agli ottavi

0

Novanta minuti senza emozioni al Luzhniki, frutto anche dell’incertezza nel girone D dove si rischia di pescare l’Argentina: primo zero a zero del Mondiale.

Rotation quasi totale in casa Francia, già qualificata: Deschamps fa riposare, tra gli altri, Lloris, Pogba e Mbappé, concede minuti a Mandanda e a Lemar e ripropone dall’inizio Giroud e Dembélé; Hareide invece si gioca la qualificazione e cambia non troppo rispetto all’Australia: Braithwaite prende il posto dello squalificato Poulsen, punta centrale gioca Cornelius al posto di Nicolai Jørgensen e in mezzo al campo Christensen viene preferito a Schöne e al rientrante Kvist con Zanka Jørgensen centrale accanto a Kjær.

PRIMO TEMPO

Subito in avvio due interventi al limite di Kimpembe su cui Ricci e VAR lasciano correre con le proteste vibranti dei Danesi; il primo portiere chiamato in causa però è Schmeichel che vola a togliere dall’incrocio una girata velenosa di Giroud. Poi le due squadre vanno in stand-by: il goal di Carrillo per il Perù ha dato praticamente la certezza alle due squadre di passare il turno e nessuna delle due vuole correre rischi. Il primo guizzo della Danimarca è di Cornelius che da sinistra prova a mettere in porta Eriksen ma Mandanda in uscita ed Hernández in ripiegamento annullano tutto; il finale è tutto di marca francese che si fa vedere tre volte prima con un tiro di poco fuori di Dembélé, poi con Griezmann che però calcia addosso a Schmeichel e infine con Giroud, su sponda proprio di Griezmann, ma la conclusione dell’attaccante del Chelsea finisce fuori.

SECONDO TEMPO

La Francia riprende da dove aveva finito nel primo tempo e Griezmann impegna ancora Schmeichel ma senza angolare troppo, poi la Danimarca ha una reazione d’orgoglio grazie al suo uomo più rappresentativo Eriksen che prima su punizione impegna Mandanda che si salva in due tempi, poi prova dal limite dell’area ma stavolta non trova la porta. Il raddoppio del Perù fa partire il gioco dei calcoli: la Francia è sicura del primo posto e di più non può fare, la Danimarca si accontenta del pareggio anche perché il rischio Argentina agli ottavi si fa sempre più forte. Nel finale, a giochi comunque fatti, Deschamps prova almeno a vincere la partita con Fekir e con Mbappé, il fantasista del Lione va due volte vicino al bersaglio grossa centrando prima l’esterno della rete e poi Schmeichel. Il risultato di zero a zero, il primo di questo Mondiale, è il frutto di quanto visto in campo ma soprattutto delle notizie in arrivo da Sochi e di quelle che arriveranno stasera dal gruppo D: il rischio è proprio quello di un ottavo di finale da sogno tra Francia e Argentina.

TABELLINO

FRANCIA (4-4-2): Mandanda – Sidibé, Varane, Kimpembe, Hernández (49′ Mendy) – Dembélé (77′ Mbappé), Kanté, N’Zonzi, Lemar – Griezmann (67′ Fekir), Giroud. CT: Deschamps.
DANIMARCA (4-2-3-1): Schmeichel – Dalsgaard, Kjær, M. Jørgensen, Stryger Larsen – Christensen, Delaney (91′ Lerager) – Braithwaite, Eriksen, Sisto (59′ Fischer) – Cornelius (74′ Dolberg). CT: Hareide.

ARBITRO: Sandro Ricci (BRA).

AMMONITO: 45′ M. Jørgensen (D).

[Foto da www.fifa.com]