Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
FIFA World Cup Russia 2018 logo

Ultima giornata delle qualificazioni Mondiali in Sud America tutta in contemporanea: fischio d’inizio all’1.30 di stanotte per definire le tre qualificate dirette a Russia 2018 e l’avversario della Nuova Zelanda ai play-off.

Notte da brividi per l’Argentina. La Selección, reduce da tre pareggi consecutivi, a oggi sarebbe fuori dai Mondiali, ma una vittoria darebbe quantomeno la certezza dei play-off “morbidi” contro la Nuova Zelanda. Il problema è che la squadra di Jorge Sampaoli è in crisi soprattutto a livello mentale, senza contare che in Ecuador l’albiceleste ha vinto solo due volte nella sua storia (1962 e 2001) e che in generale in trasferta è da un anno e mezzo che non festeggia. L’avversario è fuori da tutto, con cinque sconfitte consecutive, ma ha fatto sapere di volersela giocare fino alla fine sfruttando anche l’altura di Quito (2850 metri sul livello del mare, con l’aggiunta di un campo segnalato in pessime condizioni), per questo dovrebbe essere confermato in attacco Darío Benedetto che ha già giocato in palcoscenici simili al Tijuana in Messico. Il quinto posto minimo in caso di vittoria è sicuro perché c’è Perù-Colombia, un vero e proprio spareggio. I Cafeteros si sono suicidati nel finale giovedì notte, facendosi ribaltare dal Paraguay soprattutto per gli errori di David Ospina, e i peruviani si sono portati a un punto con possibilità di sorpasso sfruttando il fatto di giocare in casa, anche se pure loro avrebbero preferito un risultato diverso a Barranquilla per poter affrontare un avversario più tranquillo.

Dovesse finire pari a Lima l’Argentina vincendo sarebbe quarta, in più con questo risultato per non essere eliminata teoricamente potrebbe bastare anche un pareggio (con vittoria colombiana addirittura c’è una possibilità di quinto posto persino in caso di sconfitta), a patto però che il Paraguay non batta il Venezuela. L’Albirroja però è in un ottimo momento, in grande fiducia dopo l’impresa di Barranquilla e affronta un avversario senza stimoli che fuori casa ha fatto appena due punti, perciò l’inerzia è tutta dalla parte paraguayana. Il Brasile, già sicuro da tempo del primo posto, sorride perché stasera col Cile potrebbe farsi battere e creare problemi all’Argentina, tanto che una TV brasiliana ha mandato in onda uno spot sulla partita con dei tifosi argentini che imparano l’inno della Seleção. Tite effettivamente potrebbe fare un po’ di turnover, mentre la Roja grazie al 2-1 sull’Ecuador si è riportata in pista (vincendo a São Paulo è in Russia, col pari almeno il quinto posto sarebbe garantito salvo combinazioni folli di risultati). Chiude Uruguay-Bolivia che è una passerella per la Celeste, sicura almeno dei play-off ma di fatto già qualificata perché per non festeggiare a Montevideo contro la penultima in classifica, sempre battuta in trasferta, servirebbe una serie impensabile di situazioni sfavorevoli (che passano almeno da una goleada).

PARTITE

Brasile – Cile mercoledì 11 ottobre ore 01.30
Ecuador – Argentina mercoledì 11 ottobre ore 01.30
Paraguay – Venezuela mercoledì 11 ottobre ore 01.30
Perù – Colombia mercoledì 11 ottobre ore 01.30
Uruguay – Bolivia mercoledì 11 ottobre ore 01.30

CLASSIFICA

Brasile 38
Uruguay 28
Cile 26
Colombia 26
Perù 25
Argentina 25
Paraguay 24
Ecuador 20
Bolivia 14
Venezuela 9

Si qualificano direttamente ai Mondiali le prime quattro, la quinta fa i play-off con la Nuova Zelanda.