Milan in crescita, ma vince il Manchester United: 7-6 ai rigori

0

L’International Champions Cup va al Benfica. A Cardiff il Manchester United supera il Milan, ma lo fa soltanto ai rigori (7-6) e per questo sono i portoghesi a chiudere a punteggio pieno. Buoni spunti della squadra di Marco Giampaolo, soprattutto da parte di Suso.

Milan in crescita, anche se arriva la terza sconfitta nell’International Champions Cup: stavolta si va ai rigori, dove è il Manchester United ad avere la meglio con un complessivo 7-6 dopo il 2-2 al 90’. Il club inglese passa in vantaggio al 14’, Marcus Rashford da sinistra si accentra saltando Calabria, sfrutta una scivolata di Musacchio e col destro supera Donnarumma complice anche una leggera deviazione di Romagnoli. Fino a metà tempo poco Milan, poi si accende e trova il pareggio al 26’, con Suso bravo a ricevere palla al limite e calciare di sinistro quasi sotto l’incrocio. Nonostante Piątek in evidente ritardo di condizione (si mangia l’1-2 con un tiro poco convinto su bell’assist che l’aveva pescato in posizione regolare) arriva lo stesso il vantaggio rossonero all’ora di gioco, con cross di Suso sfiorato da Samu Castillejo e messo nella sua porta da Victor Lindelöf. Al 72’ il pareggio dei Red Devils, stavolta è Jesse Lingard ad avere troppo spazio sul centro-sinistra per battere rasoterra e superare Reina. Si va quindi ai rigori, dove i primi otto trasformano (anche André Silva, subentrato a metà ripresa dopo che è sfumata la trattativa per la cessione al Monaco) ma non il figlio d’arte Daniel Maldini, che apre il piatto alla sua destra ma De Gea respinge e permette a Daniel James di far vincere i suoi.

[Immagine presa da twitter.com]