Il Levante pareggia ancora allo scadere: Siviglia ripreso su autogol

0

Un altro 1-1 per il Levante. Dopo quello nel derby di sabato sera col Valencia arriva il pareggio contro il Siviglia, anche qui sfruttando un errore degli avversari e allo scadere.

Il Siviglia non ipoteca il terzo posto in Liga e lo fa solo per colpe proprie. Avanti di un gol sino a tre minuti dal termine nel centro sportivo del Levante, si autoflagella con un’autorete e butta via due punti quando ormai la vittoria sembrava in cassaforte. Primo tempo senza grossi spunti, se si eccettua una splendida punizione di Munir che scavalca la barriera e finisce sulla traversa dalla parte opposta. La ripresa però inizia col vantaggio ospite: lancio dalle retrovie per Ocampos, partito in posizione regolare di un soffio, cross basso e sul secondo palo Luuk de Jong irrompe per mettere dentro. Ci vogliono due minuti di check del VAR per ratificare lo 0-1, ma è tutto buono. Il Siviglia sembra avere in mano la partita, l’unico difetto è che non la chiude. Così il Levante, negli ultimi dieci minuti, trova inaspettatamente le risorse per tornare in corsa. Hernâni all’87’ sembra riuscire a trovare la battuta vincente, ma a porta vuota Koundé salva tutto. Un minuto dopo, però, Jorge Miramón si inserisce da destra e crossa trovando la deviazione di Reguilón, Vaclík respinge male addosso a Diego Carlos e il brasiliano fa uno sfortunato autogol senza volerlo. Il Levante sfiora anche la vittoria, ma il portiere ceco compie un miracolo all’89’ su tiro dal limite di Borja Mayoral. Dopo la vittoria nel derby il Siviglia si ferma subito, adesso aspetta la reazione delle inseguitrici.

[Immagine presa da twitter.com]