Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus sulle Multiple del 300% Info Bonus
Betway 20€ Bonus Benvenuto Scommesse su 2 depositi + 5€ Ogni Settimana Info Bonus
Casinomania Fino a 75€ Bonus Scommesse Rilasciati a Scaglioni di 5€ Info Bonus
888sport Bonus Benvenuto Scommesse fino a 100€ – Codice: ITALIA Info Bonus
SNAI 5 euro gratis + fino a 300€ sul primo deposito Info Bonus
William Hill 35€ Subito + 200€ Sul Primo Deposito – Codice: ITA235 Info Bonus

L'attaccante classe 1978 di proprietà del Bayern Monaco decide a poco meno di venti minuti dal termine la sfida tra Perù e Venezuela, giocata da questi ultimi in dieci contro undici per un'ora a causa dell'espulsione di Amorebieta.

 

Tutte a tre punti. Il Gruppo C vive ancora sull'equilibrio assoluto, con le quattro squadre appaiate in classifica e con la stessa identica differenza reti a novanta minuti dal termine. Dopo la Colombia, vittoriosa sul Brasile, è toccato al Perù ribaltare il risultato della prima giornata, superando 1-0 il Venezuela in una partita decisamente brutta e caratterizzata soprattutto da diversi interventi sopra le righe, anche se paradossalmente l'unico espulso, Amorebieta, è stato cacciato in una circostanza forse più fortuita che cercata. La scelta del Tigre Gareca di puntare sull'esperienza di Claudio Pizarro per sostituire l'indisponibile Jefferson Farfán si è rivelata azzeccata, perché l'esperto attaccante del Bayern ha segnato il gol da tre punti, sfruttando un rimpallo favorevole con il genoano Rincón in un momento del match nel quale il Perù, nonostante la superiorità numerica, non riusciva a sfondare pur giocando di fatto con un 4-2-4. Complice il rosso esagerato la Vinotinto ha dovuto riorganizzarsi dimenticando quasi totalmente la fase offensiva, nonostante l'inizio fosse stato propositivo con un paio di occasioni capitate prima a Guerra e poi a Rondón, di fatto la ripresa è stata una lunga agonia cercando di portare fino al novantesimo lo 0-0 di partenza, e quando il risultato si è sbloccato gli uomini di Sanvicente non sono più riusciti a riprendersi.

PRIMO TEMPO

Bell'avvio della Vinotinto, con l'intraprendente Guerra che al 3' va al tiro da fuori (blocca Gallese) e al 6' si libera bene sulla sinistra andando al cross per Rondón, il quale riesce anche ad arrivare sul pallone ma senza poterlo indirizzare, favorendo così la presa di Gallese. Di occasioni nel corso del primo tempo se ne vedono ben poche oltre a queste due, ciò che non manca sono i calcioni, che col passare dei minuti aumentano esponenzialmente: al 29' ne fa le spese Fernando Amorebieta, espulso per essere saltato sopra Guerrero con i tacchetti dopo aver commesso fallo, anche se probabilmente non era sua intenzione. Proteste veementi dei giocatori venezuelani, in particolare di Vizcarrondo, ma l'arbitro non cambia la sua decisione e la Vinotinto rimane in dieci, entra Cichero al posto di Ronald Vargas mentre nel frattempo Ballón rischia di fare la stessa fine del difensore del Middlesbrough con un fallaccio a centrocampo punito qui soltanto col giallo. Si va all'intervallo con più colpi proibiti che altro.

SECONDO TEMPO

Dentro Reyna per Lobatón, ammonito nel primo tempo, e Perù che passa al 4-2-4 con il nuovo entrato e Cueva esterni oltre ai due attaccanti; lo stesso Reyna al 55' prova un acrobatico colpo di tacco su cross di Advíncula senza avvicinarsi minimamente allo specchio. Un paio di tentativi di Juan Manuel Vargas da fuori non vanno a buon fine perché entrambi escono di un metro abbondante, si vede però che il Perù è disposto molto meglio in campo, non solo per l'uomo in più, e al 72' l'insistenza degli Incas viene premiata quando su una discesa di Cueva il pallone, colpito da Rincón, schizza addosso a Claudio Pizarro che solo davanti a Baroja non si lascia pregare e insacca. Colpito e affondato il Venezuela, che non riesce a organizzare una reazione nei minuti finali e Gallese resta pressoché inoperoso.

Qualificazione ancora apertissima per tutte e quattro le squadre, domenica sera la situazione sarà più chiara ma attenzione perché non c'è la contemporaneità e Colombia-Perù si gioca prima di Brasile-Venezuela. Gli scenari sono tanti e considerato che bisognerà stabilire anche le due migliori terze tutto resta ancora in bilico, con Brasile e Perù al momento leggermente favorite per il semplice fatto di aver realizzato due gol.

IL TABELLINO

Perù (4-4-2): Gallese; Advíncula, Zambrano, Ascues, J. M. Vargas; Ballón, Lobatón (46' Reyna), J. Sánchez, Cueva (84' P. Hurtado); C. Pizarro (90' Yotún), Guerrero. Commissario tecnico: Gareca
Venezuela (4-3-3): Baroja; Rosales, Vizcarrondo, Amorebieta, Túñez; R. Vargas (38' Cichero), Rincón, Seijas (82' Miku); Arango (73' Jo. Martínez), Rondón, Guerra. Commissario tecnico: Sanvicente
Arbitro: Raúl Orozco della federazione boliviana (Bustillos – Montaño; García)
Rete: 72' C. Pizarro
Espulso: Amorebieta (V) al 29' per gioco violento
Ammoniti: Ballón, Lobatón, Guerrero (P), Rincón, Cichero (V)

[Immagine presa da ca2015.com]