Bookmaker Bonus Benvenuto Visita
Betnero Bonus Scommesse del 100% fino a 70€ Info Bonus
Betway Fino a 100€ Bonus Benvenuto Scommesse sul Primo Deposito Info Bonus
Casinomania Bonus Scommesse del 100% fino a 50€ Info Bonus
888sport Bonus Sport del 100% fino a 25€ sulla Prima Ricarica Info Bonus
SNAI Bonus Sport 300€ + Bonus Casino 300€ Info Bonus
William Hill Triplo Bonus Scommesse da 300€ – Codice: ITA300 Info Bonus
La Germania batte 4-1 il Messico in semifinale di Confederations Cup

La Germania non sbaglia in semifinale e batte un Messico volenteroso per 4-1. Decisiva la doppietta ad inizio match di Goretzka, a cui si sono poi aggiunte le reti di Werner e Younes nella ripresa, inutile la rete di Fabián. Finale domenica alle 20.00 contro il Cile.

Löw punta sul 3-4-2-1 con Stindl e Draxler alle spalle del confermatissimo Werner, in mediana coppia centrale composta da Rudy e Goretzka con Henrichs e Hector larghi, in difesa scala Kimmich. Osorio sceglie il 4-3-3 con Aquino e Raúl Jiménez ai lati del Chicharito in avanti, a centrocampo Herrera è il centrale con i due fratelli dos Santos mezzali, dietro Araujo fa coppia con Moreno.

PRIMO TEMPO

La Germania trova subito il vantaggio al 6′: azione di contropiede con Henrichs che scarica in mezzo per l’arrivo di Leon Goretzka al limite dell’area che lascia partire un destro che termina nell’angolino dove Ochoa non può nulla. Neanche due minuti ed arriva il raddoppio con una grande invenzione di Werner che pesca ancora l’inserimento di Leon Goretzka che davanti ad Ochoa mette la firma sulla doppietta personale. Il Messico continua a non capirci nulla della partita e Henrichs mette in porta Werner con l’ennesimo filtrante, l’attaccante si invola verso la porta e spara con il destro sul primo palo, ma Ochoa è bravo a deviare in corner. I messicani provano a prendere in mano possesso del pallone nella seconda metà del primo tempo, con i tedeschi che si chiudono nella propria metà campo per non lasciare spazi. Gli attacchi però non sono molto efficaci, almeno fino alla mezz’ora, quando si accende per due volte in pochi minuti Giovani dos Santos: prima mancino da fuori area che si perde a lato; poi grande suggerimento di Hernández per il suo inserimento e diagonale con il destro, ma ter Stegen salva con il piede. Al 36′ i due si invertono i ruoli, con dos Santos che inventa per Hernández, ma il tocco sotto del Chicharito da sottomisura termina alto.

SECONDO TEMPO

Il Messico prova a partire bene nella ripresa con un tiro di Jiménez che ter Stegen blocca senza troppe difficoltà. La Germania torna allora ad alzare i ritmi e sfiora il tris ancora con Werner lanciato in profondità, ma il suo diagonale dopo una spintarella di Moreno termina a lato. Il gol è soltanto rinviato al 59′ con una strepitosa azione iniziata da Draxler, rifinita da Hector e con l’appoggio a porta sguarnita di Timo Werner, alla sua terza rete in questa Confederations Cup. Gli uomini di Osorio provano a tornare a pungere cinque minuti più tardi, quando il Chicharito e Jiménez producono una buona combinazione che smarca Fabián, ma il suo tiro termina a lato. Al 70′ nuova azione manovrata con Lozano che allarga per Layún che arriva al tiro, ma il suo destro viene respinto in corner da ter Stegen. Ad un quarto d’ora il Messico potrebbe di nuovo riaprire la partita, ma sul cross da sinistra il colpo di testa in tuffo di Jiménez si stampa sulla traversa. I messicani meriterebbero almeno la rete della bandiera, ma ter Stegen è miracoloso sullo stacco ravvicinato di Márquez. Ed il gol arriva finalmente al minuto 89 con un tiro incredibile di Marco Fabián da oltre trenta metri che fulmina ter Stegen. Nel primo minuto di recupero arriva il punto esclamativo finale con la rete di Amin Younes, freddo a superare Ochoa nell’uno contro uno.

IL TABELLINO

Germania (3-4-2-1): ter Stegen; Kimmich, Rüdiger, Ginter; Henrichs, Rudy, Goretzka (67′ Can), Hector; Draxler (81′ Younes), Stindl (78′ Brandt); Werner.
Messico (4-3-3): Ochoa; Layún, Moreno, Araujo, Alanís; J. dos Santos (66′ Márquez), Herrera, G. dos Santos (62′ Fabián); R. Jiménez, Hernández, Aquino (46′ Lozano).
Arbitro: Néstor Pitana (ARG)
Ammoniti: Can (G); Jiménez (M)
Reti: 6′, 8′ Goretzka, 59′ Werner, 91′ Younes (G); 89′ Fabián (M)

[Immagine presa da twitter.com]